Seduta positiva martedi' per il Ftse Mib che chiude pero' al di sotto dei massimi. L'indice Ftse Mib termina la seduta a 17412 punti, in rialzo del 2,19%, dopo aver toccato un massimo intraday a 17887 punti. Prima dell'inizio dell'Eurogruppo il ministro delle Finanze olandese Wopke Hoekstra ha dichiarato "gli Eurobond non li farei" e ha aggiunto che anche nel caso di utilizzo del Mes devono sempre esserci delle condizioni raffreddando un po' il clima positivo che riguarda le borse in questa prima parte della settimana. Da notare che i massimi di martedi' sono allineati con quelli del 25 marzo a 17830, una resistenza che per il momento si e' quindi dimostrata solida. Solo oltre quei livelli sarebbe possibile ipotizzare un proseguimento per il rimbalzo in atto dai minimi del 16 marzo, prima resistenza a 18500, 38,2% di ritracciamento del ribasso dal top di febbraio, poi a 19800 circa. La mancata rottura di area 17830 (rottura da confermare almeno in chiusura oraria, ovvero dalla chiusura di un elemento del grafico intraday con time frame a 60 minuti) e la violazione di 17050, base del gap rialzista lasciato martedi' in avvio, farebbero temere il ritorno in area 16310/80, dove si collocano i minimi del 30 marzo e del 3 aprile. La violazione di quei livelli costringerebbe a considerare le oscillazioni viste dal top del 25 marzo un "doppio massimo", figura ribassista introduttiva a movimenti in area 14800 circa.

(AM - www.ftaonline.com)