Trevi Finanziaria Industriale comunica che in data 8 maggio 2019 il Consiglio di Amministrazione, dopo aver preso atto dell'avanzato stato di negoziazione e di redazione degli accordi relativi all'operazione di rafforzamento patrimoniale e di ristrutturazione dell'indebitamento del Gruppo Trevi (l'"Operazione") (in merito alla quale si veda il comunicato stampa del 19 dicembre 2018, consultabile sul sito della società, sezione "Investor Relations/Comunicati Stampa"), ha deliberato a maggioranza l'approvazione della proposta definitiva di manovra finanziaria inclusiva dei piani economico-finanziari, la quale sarà trasmessa nei prossimi giorni alla banche finanziatrici per consentire alle stesse di completare l'istruttoria sull'Operazione e i relativi processi deliberativi.

La proposta di manovra approvata dal Consiglio dell'8 maggio 2019 è in linea con i principi che erano già stati fissati nella delibera dallo stesso assunta in data 19 dicembre 2018, ivi incluso:

(i) l'aumento di capitale da offrirsi in opzione per un importo pari a Euro 130mln, in relazione al quale gli azionisti FSI e Polaris hanno confermato la disponibilità ad assumere un impegno di sottoscrizione per un totale di Euro 77,4mln, mentre la restante parte, ove non sottoscritta in opzione dal mercato, sarà sottoscritta dalle banche finanziatrici attraverso la conversione dei relativi crediti;

(ii) la* conversione in azioni ordinarie dei crediti vantati da parte delle banche, secondo un rapporto di 4,5:1, per un importo massimo pari a Euro 310 mln*, in parte, ove necessario, a garanzia dell'eventuale inoptato e, per la parte residua, per sottoscrivere e liberare un aumento di capitale riservato;