I soggetti con disabilità hanno diritto alla riduzione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) prevista nella Legge 104/1992. Qual è la documentazione necessaria per beneficiare dell’agevolazione IVA auto disabili? A fornire utili chiarimenti è la stessa Agenzia delle Entrate con la risposta all’Interpello n. 159 del 29 maggio 2020, in cui viene riepilogata la documentazione necessaria per ottenere l’aliquota IVA ridotta al 4% sull’acquisto di auto.

Agevolazione IVA Auto Disabili: i chiarimenti del Fisco

Per quanto concerne l’agevolazione IVA auto disabili il Fisco, con la risposta all’interpello n. 69 pubblicata il 1° febbraio 2021, ha chiarito che

“i soggetti con disabilità psichica di gravità tale da aver determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento e gli invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni, a prescindere dall’adattamento del veicolo”.

È quanto previsto dall’articolo 30, comma 7, della Legge 23 dicembre 2000, n. 388. Il Fisco ripercorre nel documento la normativa di riferimento relativa alle agevolazioni fiscali per disabili. La Circolare n. 197/1998 stabilisce che il contribuente possa presentare la certificazione comprovante la sua disabilità al venditore anche in un momento successivo all’acquisto auto per beneficiare dell’agevolazione IVA.

Agevolazione IVA Auto Disabili: quali sono i documenti necessari?

Il Fisco, con la Circolare n. 46 dell’11 maggio 2001, riepiloga la documentazione necessaria per ottenere l’agevolazione IVA.

I documenti necessari sono:

  • il certificato di attribuzione dell’indennità di accompagnamento, di cui alle leggi 11 febbraio 1980, n. 18 e 21 novembre 1988, n. 508, emesso dalla Commissione per l’accertamento dell’invalidità civile di cui alla legge 15 ottobre 1990, n. 295,
  • il verbale di accertamento emesso dalla Commissione di cui all’articolo 4 della Legge n. 104 del 1992, da cui risulti che il soggetto si trova in situazione di grave disabilità.

Agevolazione IVA Auto Disabili: entro quando presentare la certificazione?

La Legge n. 104 del 1992 stabilisce che la certificazione di attribuzione dell’indennità di accompagnamento possa essere presentata anche dopo l’acquisto dell’auto, ma non oltre 12 mesi. In caso contrario, l’esercente commerciale non può emettere una nota di variazione in diminuzione. Dunque, nel caso in cui sia trascorso più di un anno dal momento dell’acquisto dell’auto, il venditore è fuori tempo limite per emettere la nota di variazione in riduzione.

Agevolazione IVA Auto Disabili: quali sono i veicoli oggetto di agevolazione?

Come riporta la normativa di riferimento i veicoli oggetto dell’agevolazione IVA sono:

  • auto di cilindrata fino a 2.000 centimetri cubici, se con motore a benzina o ibrido,
  • auto di cilindrata fino a 2.800 centimetri cubici, se con motore diesel o ibrido,
  • auto a motore elettrico non oltre la potenza di 150 kW.

Agevolazioni Auto Disabili: quando si perdono?

Per beneficiare delle agevolazioni auto per soggetti affetti da disabilità è necessario che l’auto venga demolita e cancellata dal Pubblico Registro Automobilistico, prima dell’acquisto di un nuovo veicolo. La cancellazione dal PRA non viene presa in considerazione se fatta in caso di espatrio dell’auto. Ricordiamo che le auto dei portatori di handicap non sono soggette al pagamento della trascrizione al PRA in caso di passaggio di proprietà.