Il Bollo auto è una delle tasse meno amate – per usare un eufemismo – da chi la deve pagare. Ed ora arriva un rimborso. Vediamo di fare il punto della situazione su questa tassa di possesso che sono obbligate a pagare tutte le persone che possiedono un veicolo.

Infatti, va ricordato, che il Bollo Auto non è una tassa legata al fatto di utilizzare o meno realmente un mezzo ma va pagata per il solo fatto di possedere un veicolo. In questi mesi si è parlato più volte di sospensione del pagamento del bollo. O di cancellazioni del bollo auto.

A livello nazionale non è mai stato deciso nulla in questo senso. Le Regioni hanno spesso legiferato in ordine sparso essendo una loro competenza specifica. Ed ora arrivano dei rimborsi a chi il bollo lo ha gia pagato.

Vediamo a chi tocca.

Bollo auto, il rimborso della Regione Lombardia

Il Bollo auto ancora per il momento non verrà eliminato. Da più parti se ne discute ma siamo ancora al nulla di fatto. Allora, in questi mesi caratterizzati dalla pandemia, alcune regioni hanno preso decisioni autonome di differimento dei tempi di pagamento per i cittadini e di sospensioni momentanee.

E' notizia recente che la Regione Lombardia ha deciso di concedere il rimborso del pagamento del Bollo per l'anno 2020 ad una determinata categoria. Ad essere beneficiati di questo rimborso sono gli intermediari di commercio. Una delle categorie che ha avuto le maggiori difficoltà fino dall'inizio della pandemia per le limitazioni agli spostamenti imposte per cercare di limitare la diffusione dei contagi da Covid-19.

La Regione Lombardia consapevole che il lavoro di questi professionisti ha subito enormi difficoltà e contrattempi ha preso questa decisione per cercare di alleviare un costo. La Giunta Regionale ha motivato la propria decisione con il desiderio di aiutare un settore molto particolare che ha vissuto e sta vivendo ancora una situazione di difficoltà.

Come si strutturerà questa agevolazione? La Regione Lombardia ha previsto l'erogazione di un contributo a fonfo perduto agli agenti di commercio. L'importo di questo bonus andrà a coprire interamente quanto è stato speso nel 2020 per il Bollo Auto. A usufruire di questo bonus saranno le microimprese che sono regolamente iscritte al Registro delle Imprese. Il Bonus viene concesso se si è in possesso di autoveicoli, automobili, ciclomotori e motocicli. 

Bollo, le altre agevolazioni della Regione Lombardia

La Regione Lombardia in tema di bollo auto ha previsto delle agevolazioni particolari. Eroga infatti uno sconto del 15% per tutti se si attiva come modalità di pagamento quella della domicliazione bancaria.

Basta solo questo piccolo accorgimento e scatta lo sconto. Inoltre la Regione Lombardia ha preso anche una decisione unica a carattere nazionale arrivando a offrire la completa esenzione dal pagamento della tassa per tutti quei veicoli che si occupano del trasporto delle persone come i pullman, gli autobus e i taxi

Bollo Auto, le dilazioni dei tempi delle altre regioni

Vediamo di analizzare quali sono le Regioni che prevedono esenzioni e dilazioni dei tempi di pagamento legati all'emergenza sanitaria ed economica. 

La Regione Piemonte ha emanato una delibera in base alla quale i cittadini che vedono scadere i bollo nei mesi di aprile, maggio e giugno possono differirne il  pagamento. Si può saldare senza pagare nessuna sanzione entro il prossimo 31 luglio. La decisione è stata motivata dalla Regione Piemonte con la necessità di di aiutare i cittadini in un momento in cui la pandemia pesa ancora pesantemente e grava molto sui bilanci familiari. 

Nella Regione Veneto poi è approvata una dilazione dei tempi. Per tutti quei cittadini che non hanno ancora pagato il bollo da gennaio 2021 fino ad ora non ci sono sanzioni o multe da pagare. I termini sono stati allungati fino al 30 giugno 2021: data entro la quale occorrerà regolarizzare la propria posizione. 

Anche la Regione Emilia Romagna ha preso iniziative in questo senso volte a concederre più tempo ai cittadini per effettuare i pagamenti. La Regione presieduta da Stefano Bonaccini ha messo in campo un'iniziativa che sospende i termini di pagamento dei bolli che sono scaduti entro il 31 maggio 2021. Non verranno applicate multe e ci si potrà regolarizzare entro la fine del mese di luglio. C'è tempo nei fatti fino al 2 agosto, essendo il 31 luglio non una giornata feriale, per i cittadini dell'Emilia Romagna per regolarizzare al meglio la propria posizione dal punto di vista della tassa di possesso dell'automobile. 

La stessa Regione aveva già previsto la medesima situazione anche nel 2020 quando si era deciso di concedere più tempo ai cittadini per pagare il Bollo. 

Anche in altre Regioni si è a lungo dibattuto per avviare misure di questo tipo. Come comprensibilmente avviene sono stati in più parti esponenti dei partiti di opposizione a cercare di interrogare la Giunta regionale in carica ad emanare similari provvedimenti. Ma nulla al momento è stato fatto in questa direzione tranne che nelle Regioni citate in precedenza. Su tutte si ricordano Toscana e Molise

Bollo Auto, una sospensione di carattere nazionale? Non adesso

Da tempo si parla di ipotesi che a livello governativo si possa arrivare ad un provvedimento di sospensione nazionale della misura.

Ancora non c'è nulla di tutto questo anche se si portano avanti pressioni in tal senso da più parti. La parlamentare Manuela Gagliardi si è fatta promotrice di una proposta di legge che preveda la cancellazione delle addizionali del Bollo Auto. Il cosiddetto super bollo.

Tutto da valutare in questi mesi l'iter che questa proposta - che da un lato vuole aiutare gli automobilisti e dall'altro le case automobilistiche in un momento molto complesso - avrà in Parlamento e in sede di Governo.

Bollo Auto, esaminiamo le esenzioni di carattere nazionale

Ricordiamo che sono sempre in vigore alcune esenzioni di carattere nazionale che sono previste dalla legge. Non pagano il Bollo Auto disabili non vedenti o sordi sulla base di certificazioni mediche. Poi i disabili pluriamputati con handicap gravi. E poi i disabili mentali e psichichi.

Fino a questo momento le esenzioni legate alla persona, all'utente. Ma ci sono anche delle esenzioni previste per alcune tipologie di auto.

Possono non pagare il Bollo auto le automobili elettriche. In alcune regioni l'esenzioni a questo tipo di pagamento è illimitata mentre in altre realtà questa esenzione è per cinque anni a partire dal omento dell'immatricolazione.

Leggi diverse da Regione a Regione di appartenenza anche per le automobili ibride che possono godere nei diversi contesti regionali di sospensioni del pagamento del Bollo Auto. 

Poi c'è il capitolo delle automobili storiche. Esenzioni per chi ha auto che hanno più di 30 anni mentre per le auto che hanno 20 anni viene concessa una esenzione di tipo parziale dimostrando il carattere storico della vettura tramite apposito certificato. 

Bollo auto, come fare a sapere se si è in regola col pagamento

C'è una strada molto veloce e pratica per sapere se si è in regola con i pagamenti del Bollo Auto o se si è "perso" qualche passaggio. Il sito dell'Aci mette a disposizione a tutti il database con lo storico dei pagamenti al solo inserimento del numero di targa del veicolo.

Per pagare il Bollo Auto è possibile andare di persona nelle sedi Aci sparse su tutto il territorio nazionale, lo si può pagare online oppure andando fisicamente nelle ricevitorie Sisal e nelle tabaccherie. 

Bollo Auto, il servizio Aci che ti "Ricorda la Scadenza"

Il sito Aci effettua anche il servizio “Ricorda La Scadenza”, un servizio che prevede l'invio di una notifica relativa alla scadenza del pagamento della tassa automobilistica regionale.

Iscrivendosi al servizio di promemoria gratuito ed automatico predisposto da alcune Regioni e Province Autonome in collaborazione con l’Automobile Club d’Italia, qualche giorno prima della scadenza arriverà al cittadino una e-mail e/o un messaggio che informerà sulla data entro la quale dovrà essere effettuato il pagamento e l’importo da versare.

Patenti auto e rinnovo patenti, tempi allungati per l'emergenza sanitaria

Non direttamente legato al tema del bollo ma affrontiamo anche il tema delle patenti e delle revisioni auto. Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile ha approvato alcune proroghe legate alla situazione di emergenza in corso. Sono in corso le seguenti proroghe: esame di teoria 

- esame teoria: le persone che hanno presentato la domanda di conseguimento della patente nel corso dell'anno 2020 possono svolgere la prova di teoria entro il 31 dicembre 2021. Le persone che l'hanno presentata dal 1° gennaio 2021 fino alla data di cessazione dello stato di emergenza sanitaria possono svolgere la prova entro 1 anno (e non entro 6 mesi) dalla data di presentazione e accettazione della domanda. Al momento lo stato di emergenza sanitaria è fissato al 31 luglio 2021.

- fogli rosa: i documenti in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 sono prorogati fino 29 ottobre 2021.

Ci sono novità anche per quel che riguarda le patenti tra patenti scadute e da rinnovare. In una nota il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile afferma le seguenti situazioni: 

Per quanto riguarda le patenti scadute e da rinnovare queste le nuove scadenze. Per circolare in Italia, le patenti di guida italiane con scadenza:

  • tra 31 gennaio 2020 e 29 dicembre 2020 sono valide fino al 29 ottobre 2021 
  • tra 30 dicembre 2020 e 30 giugno 2021 sono valide fino a 10 mesi dopo la scadenza prevista normalmente
  • tra 1 e 31 luglio 2021 sono valide fino al 29 ottobre 2021.

Per circolare negli altri Paesi dell'Unione Europea le patenti di guida rilasciate in Italia, con scadenza:

  • tra 1° febbraio 2020 e 31 maggio 2020 sono valide fino a 13 mesi dopo la scadenza normale 
  • tra 1° giugno 2020 e 31 agosto 2020 sono valide fino al 1° luglio 2021
  • tra 1° settembre 2020 e 30 giugno 2021 sono valide fino 10 mesi dopo la scadenza normale

Infine, se si utilizzano come documenti di riconoscimento, le patenti italiane con scadenza dal 31 gennaio 2020 sono valide in Italia fino al 30 settembre 2021, all’estero fino alla data di scadenza indicata nel documento.