Altro che maxi condono delle multe e del bollo auto. L'Agenzia delle Entrate si prepara a presentare il conto e a richiederne il pagamento dal 1° maggio 2021. Molti automobilisti, che aspettavano con trepidazione il maxi condono che avrebbe cancellato completamente le proprie pendenze con il fisco, rimarranno delusi: non sono comprese, infatti, le multe ed il bollo auto.

Il varo, lo scorso 23 marzo, del famoso Decreto Sostegni ha chiarito una volta per tutte cosa rientri all'interno del tanto atteso condono fiscale e cosa ne rimane definitivamente fuori. Molti contribuenti avevano sperato che il decreto prevedesse la cancellazione di tutte le pendenze esattoriali, ma non è andata propriamente così.

Bollo auto, una sonora bocciatura!

Prima di soffermarci sul bollo auto, focalizziamo la nostra attenzione sulle cartelle fiscali. Sono state sospese quelle fino ad un importo massimo di 5.000 euro. Per la altre, l'Agenzia delle Entrate riprenderà la propria attività di recupero dal primo maggio. La sospensione degli invii scadrà il 30 aprile 2021. Al contrario di quanto ci si aspettasse, per gli automobilisti non ci sono buone novità. Il Decreto Sostegni non ha inserito nel condono le multe ed il bollo auto: i trasgressori e gli evasori dovranno mettere necessariamente mano al portafoglio e saldare tutte le pendenze.

In altre parole tutte le multe che sono arrivate in questi anni devono essere pagate, non importa se provengano da un autovelox, da una zona a traffico limitato o dalla violazione di un divieto di sosta. Inesorabilmente dovrà essere pagato tutto. Ma c'è una bella notizia. Sì, per gli enti locali che hanno elevate le sanzioni. L'accumolo delle multe e del bollo auto arretrato, che sono rimasti fermi in questi anni, farà ingrassare un po' le varie casse locali.

Il maxi condono si è rimpicciolito!

Il maxi-condoo, che avrebbe dovuto cancellare il bollo auto, non è stato all'altezza delle aspettative. Non ha soddisfatto le attese di quanti si erano dimenticati nel cassetto qualche multa da saldare. Il 1° maggio l'Agenzia delle entrate comincerà a battere cassa e partiranno le prime notifiche. Sono state 50 milioni le cartelle esattoriali bloccate dalla pandemia, buona parte di queste corrisponde ad almeno un invio di riscossione.

Nel caso in cui l'Agenzia delle Entrate lo dovesse permettere, sarà possibile concordare una rateizzazione dei pagamenti. Soprattutto per le multe o le infrazioni stradali di vecchia data. Ma anche per le cartelle inevase più vecchie. Il problema maggioee è che a far lievitare le cifre ci saranno principalmente interessi e more: ma sarebbe stato sufficiente pagare a tempo ed ora, ed il problema non sarebbe arrivato. Per poter concordare una rateazione delle cartelle esattoriali è necessario prendere un appuntamento tramite l'apposito portale con l'Agenzia delle Entrate.

Tutte le scadenze del 2021!

Nonostante il perserverare della pandemia, nel 2021 il bollo auto deve essere pagato lo stesso. In questa sede ricordiamo quelle che sono le scadenze previste per l'anno in corso.

  • Scadenza maggio 2021: pagamento dal 1 giugno 2021 al 30 giugno 2021;
  • Scadenza luglio 2021: pagamento dal 2 agosto 2021 al 31 agosto 2021;
  • Scadenza agosto 2021: pagamento dal 1 settembre 2021 al 30 settembre 2021;
  • Scadenza settembre 2021: pagamento dal 1 ottobre 2021 al 2 novembre 2021;
  • Scadenza dicembre 2021: pagamento dal 1 gennaio 2022 al 31 gennaio 2022.

Attenzione, comunque, che ci sono alcune differenze su base reigonale. In Lombardia ed in Piemonte, il bollo auto deve essere saldato nel corso del mese in cui è avvenuta l'immatricolazione della vettura.