Bollo auto 2023, ecco il calendario delle scadenze di pagamento

Il bollo auto 2023 non presenta novità rispetto alla scorso anno. Dobbiamo parlare, però, di scadenze in quanto la più imminente è prossima. Ecco tutte le scadenze del bollo auto 2023.

bollo-auto-scadenza

Non ci sono particolari novità per il bollo auto nel 2023. La Legge di bilancio, infatti, non ha introdotto cambiamenti rispetto al 2022. L’ultimo cambiamento significativo è stato introdotto nel 2020, quando il Decreto fiscale aveva reso obbligatorio il sistema di pagamento PagoPA.

Parliamo, più nello specifico di scadenze. Se non ci sono sostanziali novità, con l’inizio del nuovo anno è bene tenere ben a mente il calendario delle scadenze del bollo auto del 2023. Per la maggior parte delle regioni, il termine per il pagamento del bollo auto è fissato all’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza.

Andiamo, quindi, a vedere quali sono tutte le scadenze del bollo auto 2023, quali sono i casi di esenzioni e le agevolazioni previste per quest’anno e anche quali sono le istruzioni per il calcolo e le modalità di pagamento.

Bollo auto, ecco tutte le scadenze del 2023

Il bollo auto è una tassa automobilistica che deve essere pagata dai proprietari di veicoli alla regione di residenza. Si tratta di una tassa indiretta che grava sulla proprietà di un’automobile. Infatti, si deve pagare per il semplice possesso di un’auto e non per l’utilizzo che se ne fa. È un tributo locale gestito dalle Regioni e dalle province autonome di Bolzano e Trento, ad eccezione della Sardegna e del Friuli Venezia Giulia per i quali il bollo auto viene gestito dall’Agenzia delle entrate.

Essendo un tributo regionale, sono le singole regioni a decidere le modalità di pagamento e le relative istruzioni. Generalmente, però, per la maggior parte di esse, la scadenza per il pagamento del bollo è fissata all’ultimo giorno del mese successivo alla data di scadenza del bollo.

Il calendario dei pagamenti del bollo auto 2023 è ricco di scadenze e la prima cade tra non molto: il 31 gennaio 2023. Chi sono gli interessati? Dovranno effettuare il pagamento i soggetti che hanno il bollo scaduto lo scorso mese di dicembre.

Abbiamo detto che la maggior parte delle regioni fissa le stesse scadenze. Quindi, per il 2023, ci troviamo di fronte questo calendario:

  • 1° - 31 gennaio 2023, pagamento bollo in scadenza a dicembre 2022;

  • 1° - 28 febbraio 2023, pagamento bollo in scadenza a gennaio 2023;

  • 1° - 31 maggio 2023, pagamento bollo in scadenza ad aprile 2023;

  • 1° - 30 giugno 2023, pagamento bollo in scadenza a maggio 2023;

  • 1° - 31 agosto 2023, pagamento bollo in scadenza a luglio 2023;

  • 1° settembre - 2 ottobre 2023, pagamento bollo in scadenza ad agosto 2023;

  • 1° - 31 ottobre 2023, pagamento bollo in scadenza a settembre 2023;

  • 1° - 31 gennaio 2024, pagamento bollo in scadenza a dicembre 2023.

E per le automobili di prima immatricolazione? Per le automobili di prima immatricolazioni, come ricorda l'Aci, il pagamento del bollo auto deve essere effettuato entro il mese di immatricolazione. Qualora l'acquisto venga effettuato entro la prima decade del mese, allora il pagamento si può effettuare il mese successivo.

Come si calcola l’importo del bollo auto 2023

Non ci sono novità sul bollo auto 2023. Spieghiamo, però, come si effettua il calcolo dell’importo da versare. Si devono considerare due parametri: la potenza del motore del veicolo in kW e la classe ambientale.

Dove trovare queste informazioni? La potenza del motore è indicata nel libretto di circolazione controllando il campo "P.2"; mentre, la classe ambientale si trova nella carta di circolazione e si esprime con "Euro 1, 2, 3" e così via. Possiamo fare un esempio. Per le automobili di classe ambientale Euro 1, l’importo da versare va da 2,90 euro fino a 100 kW, 4,35 euro oltre questo limite.

Come fare a calcolare il bollo auto in modo rapido? Naturalmente, il calcolo non si deve effettuare a mano, anche perché non tutti conoscono la somma che bisogna corrispondere alla classe ambientale in base ai kW. Il calcolo può essere eseguito rapidamente utilizzando il servizio disponibile sul sito dell’Aci.

Anche per il 2023, sono previste esenzioni e agevolazioni che riguardano, per esempio, le auto di interesse storico e collezionistico e chi rientra nella Legge 104. Spettano anche esenzioni del bollo per i possessori di auto elettriche o ibride. A seconda delle regioni, il bollo auto non deve essere pagato per un periodo di tempo pari a tre anni o a cinque anni.

Come pagare il bollo auto 2023

Spieghiamo, infine, quali sono i metodi di pagamento. Il bollo auto può essere pagato utilizzando il servizio PagoPa, in vigore dal 2020.

Il versamento può essere effettuato online oppure fisicamente nei luoghi dedicati. Per essere più precisi, il bollo auto 2023 può essere pagato home Banking, presso Poste Italiane e i punti vendita Sisal e Lottomatica, con il servizio pagoBollo sul sito dell’Aci, mediante ATM abilitati e così via. È consigliabile assicurarsi che la propria regione sia convenzionata alla modalità di pagamento prescelta.

Sul sito dell’Aci è possibile verificare che il pagamento del bollo dei precedenti anni sia andato a buon fine. È anche un ottimo modo per avere un registro di tutti i pagamenti effettuati.

Leggi anche: Bollo auto in scadenza? Ecco come e dove effettuare il pagamento