Bollo auto, cosa fare e chi deve pagare in caso di passaggio di proprietà

Cosa fare e chi deve pagare il bollo auto nei casi di passaggio di proprietà della vettura? Ecco tutte le informazioni utili da sapere.

Come sappiamo, il bollo auto rappresenta una delle tasse obbligatorie che si è tenuti a versare quando si è in possesso di un’autovettura.

Ci sono alcune situazioni in cui gli automobilisti si ritrovano a non sapere effettivamente chi è tenuto all’obbligo di pagamento del bollo auto. Tra questi, anche il caso di passaggio di proprietà dell’automobile.

In questo articolo, quindi, andiamo a vedere cosa fare e chi dovrà pagare in caso di passaggio di proprietà dell’automobile, così da accertarsi di rispettare tutti gli obblighi stabiliti dalla legge.

Bollo auto, cosa fare con passaggio di proprietà tra privati

Innanzitutto occorre precisare che si possono verificare diverse situazioni e circostanze in cui avviene il passaggio di proprietà di un’automobile. Proprio in questo senso, diventa essenziale comprendere cosa fare e quando pagare il bollo auto, in base alle diverse situazioni che potrebbero emerge.

Tra le condizioni più tradizionali del passaggio di proprietà di un’autovettura, c’è quella del passaggio tra privati, dove il titolare dell’auto vende il veicolo ad un altro privato.

In questo caso, dopo il passaggio di proprietà, il bollo auto in scadenza dovrà essere necessariamente versato da parte del nuovo proprietario. Tuttavia, occorre chiarire che nei casi in cui il bollo auto risulta scaduto prima dell’effettivo trasferimento di proprietà, sarà il venditore dell’auto a dover pagare il bollo.

Il nuovo acquirente, dunque, è tenuto al pagamento del bollo auto esclusivamente per il periodo successivo a quello del passaggio di proprietà.

Questo significa che, nei casi di mancato pagamento dell’imposta da parte del vecchio proprietario, l’acquirente non dovrà farsi carico del pagamento delle eventuali cartelle esattoriali.

Bollo auto: il passaggio alla concessionaria

In altre situazioni, il passaggio della vettura potrebbe avvenire verso un acquirente diverso dal privato. È l’esempio dell’acquisto dell’auto da parte di una concessionaria.

A questo proposito, è necessario innanzitutto sottolineare che le concessionarie hanno la possibilità di fruire dell’esenzione temporanea del bollo auto, fino al momento in cui la vettura usata viene venduta ad un privato.

In questa circostanza, le regole sono le stesse che valgono nei casi di acquisto di una nuova vettura.

Ciò significa che l’acquirente sarà tenuto al pagamento del bollo auto entro e non oltre la fine del mese in cui ha acquistato la vettura.

Potrebbero, tuttavia, verificarsi delle situazioni in cui il concessionario non provvede alla presentazione della richiesta di sospensione della tassa. In questo caso, sarà il proprietario del veicolo alla scadenza del bollo che dovrà assumersi l’onere del versamento dell’imposta.

Per saperne di più sugli importi del bollo auto per il 2024, leggi anche: Bollo auto 2024: ecco il nuovo prezzo da pagare il prossimo anno.

Bollo auto, come scoprire la scadenza

Nei casi in cui si acquista un’auto usata da parte di un privato, è importante verificare quando è la prossima scadenza per il pagamento del bollo auto, per evitare di incorrere in sanzioni.

A questo proposito, il bollo auto viene gestito da parte delle singole Regioni italiane. Per questo motivo, gli importi della tassa possono variare da un territorio ad un altro, in base alla Regione di residenza.

In generale, va detto che il primo bollo auto deve essere corrisposto entro l’ultimo giorno del primo mese di immatricolazione.

Mentre, per il bollo auto successivo al primo, il pagamento dovrà essere eseguito entro l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza.

Per verificare quando scade il bollo auto, si potrà controllare la data di scadenza sulla ricevuta dell’ultimo bollo pagato. Tuttavia, nei casi in cui non si è in possesso della ricevuta, basterà visitare il sito ufficiale ACI, inserire i propri dati e la targa del proprio veicolo e controllare autonomamente la data di scadenza.

Leggi anche: La scadenza del bollo auto è un incubo? Come pagarlo e altre informazioni utili.

Viviana Vitale
Viviana Vitale
Aspirante giornalista e social media manager freelance, classe 1995. Le mie più grandi passioni sono la scrittura e il marketing digitale. Sono state proprio queste a portarmi oggi a far parte del team di redattori di Trend-online e a collaborare come professionista della comunicazione con varie aziende italiane.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
778FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate