Grandi lavori all'orizzonte per quanti abbiano una vettura in garage: il Governo guidato da Mario Draghi è al lavoro sul bollo auto. Questa volta sono in arrivo alcune importanti novità, che potrebbe alleggerire le scadenze di molti contribuenti, considerando che l'estate potrebbe dimostrarsi molto calda, non solo sotto il profilo meteorologico. Ricordiamo che la scadenza del bollo auto varia da contribuenete a contribuente, perché deve essere saldato entro la fine del mese successivo rispetto a quello della scadenza.

Questa volta all'orizzonte potrebbero arrivare alcune importanti novità, che potrebbero rallegrare i contribuenti più riottosi nel pagare il bollo auto. La prima e forse più importante è a livello nazionale e riguarda il superbollo. Stiamo parlando di quella tassa aggiuntiva sulla nostra vettura, che viene applicata ad alcune categorie di veicoli. Questa sorta di sovratassa da pagare sul bollo auto venne introdotta nel 2011: erano tenuti a pagarlo i proprietari dei veicoli che avessero più di 225 Kw. Il costo era di 10 euro ogni Kw. Il Governo Monti, poi, decise di abbassare la soglia di applicazionde del superbollo e di applicarla nel momento in cui il veicolo superasse i 185 kw, aumentando a 20 euro il costo di ogni Kw. Una vera e propria batosta, che aveva fatto lievitare a dismisura il bollo auto.

Bollo auto, arriva la cancellazione del superbollo!

Quello su cui il Governo guidato da Mario Draghi nelle ultime settimane starebbe lavorando, è proprio sulla proposta di cancellazione del superbollo. Nel caso in cui si dovesse procedere con questa importante eliminazione, saremo davanti ad una vera e propria rivoluzione del bollo auto. Ad avanzare la proposta è stata Manuela Gagliardi, deputata che oggi è nelle file di Coraggio Italia, che ha spiegato che la cancellazione del superbollo servirebbe a favorire la ripresa del settore delle auto di lusso. Per il momento, all'orizzonte, non ci sarebbe niente di definitivo, ma la possibilità che questa supertassa che incide sul bollo auto possa essere cancellata esiste sul serio. A favore di questa eliminazione ci sarebbe anche il fatto che le Commissioni Finanze di Camera e Senato starebbero ragionando sulla possibilità di eliminare i microtributi, che avrebbero dei costi gestionali fin troppo alti e contribuirebbero troppo poco ad alimentare le casse dell'erario.

Sicuramente quella che verte intorno al superbollo non è l'unica novità che orbita intorno al bollo auto. A livello regionale ci sono altri provvedimenti che potrebbero, sicuramente far molto felici i contribuenti. Uno dei più importanti arriva dalla Puglia, dove lo scorso 3 arile 2021 tre consiglieri regionali di Forza Italia hanno provveduto a presentare una mozione che impegnerà la Giunta regionale ad avviare le procedure necessarie per sospendere il bollo auto per il 2021. Per il momento, comunque, l'inziativa sarebbe ancora al palo: uno dei firmatari della mozione - il consigliere Giandiego Gatta - ha dovuto annunziare che per il momento la questione non è stata ancora affrontata dal Consiglio Regionale, perché ci sarebbero altre priorità.

Bollo auto, le belle notizie non finiscono qui!

In Molise, invece, non si discute per una cancellazione del bollo auto. Ma di una sua riduzione del 20% per tutti i contribuenti che lo hanno pagato o lo devono ancora pagare nel corso del 2021. Anche in questo caso ci dobbiamo riferire ad una proposta avanzata nel mese di aprile 2021 da Aida Romagnuolo, consigliere regionale di Fratelli d'Italia, che ha presentato una mozione al riguardo.

La grave emergenza sanitaria che ci ha coinvolto, di fatto, ha impedito a quasi la totalità dei cittadini di usare con regolarità la propria auto - ha spiegato la Romagnuolo -. Grandissima parte della popolazione, poi, è nella morsa della crisi economica. Mi auguro di trovare, in aula, il pieno appoggio dei miei colleghi attraverso una votazione unanime.

Purtroppo, anche in questo caso, a luglio non c'è nulla di nuovo all'orizzonte: tutto è fermo. Sicuramente se dovessero passare i provvedimenti in Puglia, in Molise e quello nazionale per l'abolizione del superbollo, arriverebbero delle belle notizie per i contribuenti, che potrebbero risparmiare un bel po' di soldi, in questo periodo tempestato dalla crisi economica.

In Lombardia arrivano i rimborsi!

Buone notizia, invece, arrivano dalla Lombardia, almeno per quanto riguarda il rimborso del bollo auto 2020 per gli agenti di commercio, che siano residenti nella regione. Fino al 29 luglio 2021 sarà possibile presentare la domanda per richiedere la restituzione di quanto pagato lo scorso anno. Ricordiamo che questo incentivo è stato pensato come una sorta di sostegno ai titolari di partita Iva per i mancati introiti ed il conseguente calo di fatturato dovuti alla pandemia ed ai conseguenti lockdown. Questa sorta di rimborso del bollo auto verrà erogato sotto forma di contributo a fondo perduto dello stesso valore della tassa automobilistica che gli agenti di commercio hanno dovuto pagare nel 2020.

La Regione Lombardia ha inoltre previsto l'esenzione dal pagamento del bollo auto per le seguenti categorie:

  • auto al servizio di persone con disabilità;
  • onlus per i veicoli che risultano essere di loro proprietà o in locazione;
  • ciclomotori e quadricicli leggeri (mini car);
  • autobus adibiti a servizio pubblico di linea;
  • autoveicoli adibiti allo spurgo dei pozzi neri e al carico, scarico e compattazione dei rifiuti solidi urbani;
  • autoambulanze per i servizi urgenti o di soccorso;
  • veicoli ultratrentennali, se non adibiti a uso professionale, per i quali si paga solo la tassa di circolazione (30 euro per gli autoveicoli e 20 euro per i motoveicoli).