La scadenza del bollo auto è un incubo? Come pagarlo e altre informazioni utili

Quando il bollo auto è in scadenza la speranza è di riuscire ad avere le idee chiare effettuare il pagamento nel più breve tempo possibile. Nell'articolo, come pagare e tutte le eccezioni

bollo-auto-scadenza-come-pagare

Oltre alla sua entità economica, capita spesso che il bollo auto sia "scomodo" per una difficile comprensione di modalità e termini di pagamento.

Abbiamo raccolto le risposte alle domande più frequenti sul bollo auto.

Vediamole insieme.

Bollo auto: cos'è e quando scade l'imposta

Il bollo auto, spesso detto tassa regionale automobilistica è un'imposta che viene incassata dalle Regioni sulla base di due caratteristiche del veicolo: la potenza e la classe ambientale.

Fanno eccezione il Friuli Venezia Giulia e la Sardegna dove la gestione dell'imposta automobilistica spetta all'Agenzia delle Entrate.

Va pagata a prescindere dall'utilizzo dell'auto ogni 12 mesi.

Il bollo solitamente scade nei mesi di aprile, agosto e dicembre. Facciamo un esempio per chiarire i termini: se la scadenza è il 31 agosto il pagamento va versato entro il 30 settembre, quindi il range limite per il pagamento è di un mese dalla data di scadenza.

Attenzione però, se il veicolo è nuovo l'importo del bollo è da versare entro il mese di immatricolazione.

Pagamento del bollo auto: ecco dove si può pagare la tassa

Di seguito la lista dei diversi canali utilizzabili per il pagamento del bollo auto, a seconda della comodità del pagatore:

  • Online: ovunque ci si trovi, basta accedere piattaforma PagoPA tramite il portale ACI Per la Regione Lombardia sono disponibili ulteriori servizi telematici ossia la web app PagoBollo e l'app IO per i servizi

  • Bollettino: il pagamento tradizionale si può effettuare presso gli sportelli delle Poste Italiane, nei tabacchi convenzionati e delegazioni dell’Automobile Club Italia (o Agenzie di pratiche auto abilitate)

    Un suggerimento: è possibile calcolare in autonomia l'ammontare del versamento dovuto in base ai criteri potenza in kiloWatt e alla classe ambientale del veicolo. Per risparmiare tempo è possibile collegarsi al sito dell'ACI nella sezione Calcolo del bollo auto e del superbollo.

    Le eccezioni: superbollo, esenzioni e pagamenti in ritardo

    La prima eccezione è il superbollo, un'addizionale erariale sul bollo da applicare solo sulle vetture con potenza superiore ai 185 kiloWatt (251 cavalli) pari a 20 euro per ogni kiloWatt oltre questa soglia.

    Dalla data di immatricolazione dell’auto, il superbollo è ridotto dopo 5, 10 e 15 anni rispettivamente al 60%, 30% e 15%, mentre non è più dovuto dopo 20 anni.

    Tra i casi più comuni di esenzione dalla tassa regionale automobilistica troviamo:

  • furto dell'auto

  • vendita demolizione

  • invalidità del proprietario dell'auto

  • appartenenza dell'automobile alla categoria delle auto storiche o di interesse collezionistico

  • basso livello di inquinamento dell'auto (motore a metano, GPL, elettrico o ibrido)

    E' necessario fare un controllo in più riguardo alle esenzioni: il consiglio è quello di verificare sul portale della regione di appartenenza, le cui discrezioni possono cambiare.

    E se ci si dimentica di pagare il bollo? Vediamo le regole per i pagamenti in ritardo

    Per regolare il pagamento in caso di ritardo l'operazione da effettuare è il ravvedimento operoso. Se l'importo viene saldato entro i 15 giorni successivi alla scadenza, il guidatore verserà una sanzione pari allo 0,1% dell'imposta (per ogni giorno di ritardo).

    La percentuale di aumento dell'importo della sanzione va a salire progressivamente fino a dopo i due anni dalla scadenza perché il bollo auto va in prescrizione dopo tre anni, ossia dal primo gennaio dell'anno successivo alla data del dovuto pagamento.

    Leggi anche: Dammi 5 minuti e scoprirai il bollo auto e il suo calcolo!