Bollo auto in scadenza? Ecco come e dove effettuare il pagamento

Scopri come e dove pagare il tuo bollo auto in scadenza nel mese di dicembre 2022.

bollo auto scadenza come pagare

In Italia sono molte le tasse odiate dai cittadini italiani, uno dei pagamenti più discussi è sicuramente quello del bollo auto; soprattutto dopo le voce che sono circolate negli ultimi mesi su un ipotetico annullamento della tassa.

Purtroppo però non abbiamo la certezza che questa tassa venga cancellata, in quanto al momento ancora non ci sono delle proposte affidabili. Dunque dopo la scadenza già terminata per il mese di novembre è prevista una nuova scadenza anche nel mese di dicembre 2022 e ce ne sarà una successiva nel mese di gennaio 2023.

Vediamo dunque nel dettaglio chi sono i cittadini che dovranno pagare il bollo auto nel mese di dicembre 2022 ed anche in che modo effettuare il pagamento; oltre a questo vedremo anche chi ancora diritto all'esenzione dal versamento del bollo auto.

Scadenza bollo auto mese di dicembre 2022

La legge che sancisce il regolamento rispetto al bollo auto stabilisce che il pagamento di codesta imposta deve avvenire entro l'ultimo giorno del mese successivo rispetto a quello in cui è fissata la scadenza. Il che significa che per tutti coloro i quali l'imposta è scaduta nel mese di novembre dovranno effettuare il pagamento entro il 31 dicembre, ovvero l'ultimo giorno del mese.

Di conseguenza le date previste per il pagamento del bollo auto sono le seguenti:

  • nel caso in cui la scadenza del bollo sia prevista novembre 2022 esso dovrà essere pagato nel periodo tra l'1 e il 31 dicembre;

  • nel caso in cui la scadenza del bollo sia prevista dicembre 2022 esso dovrà essere pagato nel periodo tra l'1 e il 31 gennaio.

Queste scadenze devono essere rispettate da tutti i cittadini a meno che non siano residenti in alcune particolari regioni dove è previsto il prologo per il versamento del bollo auto, in questo caso chiediamo di verificare l'ipotesi direttamente sul sito della propria regione o presso il proprio A.C.I. di riferimento.

Leggi anche: Dammi 5 minuti e scoprirai il bollo auto e il suo calcolo!

In che modo effettuare il pagamento del bollo auto

Il bollo auto può essere pagato in diversi modi, avvalendosi della possibilità di utilizzare degli intermediari incaricati per la sua riscossione.

I metodi previsti per il suo pagamento sono:

  • attraverso il sistema pagoBollo online sul sito di A.C.I.;

  • presso una sede A.C.I.;

  • presso le agenzie Sermetra;

  • presso i punti vendita Mooney;

  • presso gli uffici di Poste Italiane;

  • presso i punti vendita Lottomatica;

  • presso la propria banca o altri operatori che aderiscono all’iniziativa PSP.

Il pagamento del bollo auto può essere poi anche effettuato mediante un’ altra agenzia che è autorizzata a svolgere le pratiche auto sul territorio italiano. Come per esempio Isaco, Stante o Agenzia Italia Net Service.

L’esenzione permanente del bollo auto

Ogni regione italiana ha la possibilità di decidere in autonomia quali categorie di soggetti hanno il diritto di accedere all’esenzione del pagamento del bollo auto. Ci sono poi dei casi specifici dove alcuni soggetti possono aderire all’esenzione permanente del pagamento del bollo auto.

Stiamo parlando di tutti i veicoli che sono registrati ed intestati a persone con disabilità, possessori della legge 104, oppure ai loro familiari che li hanno fisicamente a carico. Questa esenzione risulta essere permanente purché i veicoli intestati rispettino le seguenti caratteristiche:

  • il veicolo deve avere un motore a benzina che non superi i 2.000 centimetri cubici;

  • il veicolo deve avere un motore diesel o ibrido che non superi i 2.800 centimetri cubici;

  • il veicolo sia con motore elettrico ma la quale potenza non sia superiore ai 150 kW.

Un’ altra esenzione che risulta essere valida su tutto il territorio nazionale è quella che riguarda i veicoli di interesse storico, i quali devono essere prontamente iscritti nei registri. Assieme a questi sono esenti anche i veicoli ultratrentennali non adibiti ad uso professionale. I veicoli che hanno un anzianità compresa tra 20 e 29 anni hanno la possibilità di ricevere una riduzione del 50% se possiedo il certificato di rilevanza storica.

Altre esenzioni a livello regionali

Ci sono delle esenzioni al pagamento del bollo auto che dipendo dalla regione di residenza del singolo cittadino. La maggior parte di queste variazione esiste sui veicoli elettrici o ibridi, per la quale varia il periodo di esenzione previsto.

In Valle d’Aosta, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Liguria, per tutti i veicoli elettrici l’elezione è prevista per i primi 5 anni dall’immatricolazione del veicolo.

In Piemonte invece la stessa esenzione è valida anche sui veicoli ibridi con una potenza uguale o inferiore a 100 kW.

Il Lombardia invece esiste l’esenzione permanente per tutti i veicoli elettrici, ad idrogeno e alimentati esclusivamente a gas.

L’ipotesi del suo annullamento è realtà?

Abbiamo già annunciato in precedenza che negli ultimi mesi era circolata la voce di un possibile annullamento del bollo auto per tutti i cittadini italiani. Quest’ipotesi aveva sicuramente acceso una speranza in tutti i cittadini, soprattutto per via del pensiero comune rispetto al pagamento di questa tassa. L’ipotesi però, attualmente, è rimasta tale e non ci sono state più novità rispetto alla stessa, questo significa che almeno per il momento dobbiamo attendere e continuare a pagare il bollo auto, sicuramente ancora per tutto il 2023.

Leggi anche: Bollo Auto 2022: pagamento, esenzioni e agevolazioni!