Bollo auto 2022, ultima scadenza: come e quando pagare?

Il 31 gennaio 2023 è il termine ultimo per il pagamento della tassa di circolazione per il rinnovo del 2022. Soprattutto per coloro la cui tassa di circolazione era in scadenza lo scorso dicembre. Come e quando pagare? Vediamolo nel corso dell'articolo.

Bollo auto 2022: quando e come pagarlo

Il bollo auto 2022, soprattutto con il sempre crescente caro vita, ha messo in difficoltà gli automobilisti. A fine mese, la scadenza della rata del 2022. Ma siamo sicuri di conoscere tutte le modalità di pagamento e le esenzioni dalla tassa di circolazione?

Come pagare il bollo auto?

Di seguito sono riportate tutte le modalità di pagamento dell'imposta di bollo. Poste Italiane, usufruendo del pagamento online, allo sportello o tramite altri canali disponibili. Altri metodi di pagamento sono rappresentati da:

  • Rappresentanza ACI.

  • Istituto Cermetra.

  • Vendita di punti Mooney.

  • Punto vendita Rotomatica.

  • Altri siti di guida autorizzati nella zona (ad esempio Isaco, PTAvant, Stanet, Agenzia Italia Net Service).

  • PSP attraverso i canali messi a disposizione dalle banche e dagli altri soggetti che partecipano all'iniziativa PSP (home banking, sportelli bancari, Mooney Point, app per smartphone e tablet, negozi, ecc.) Attraverso il servizio online di ACI, Bollonet o "pagoBollo on line". Questa opzione è disponibile in tutte le regioni, ad eccezione della Calabria e del Veneto. Da febbraio inizierà il rinnovo delle caricature con scadenza successiva al 1° gennaio 2023.

Chi è esonerato dal bollo auto 2023?

Ecco tutte le categorie che possono beneficiare dell'esenzione dalla tassa di immatricolazione dei veicoli:

  • Persone con disabilità.

  • Persone con limitazioni significative della deambulazione o con disabilità multiple.

  • Persone con mobilità ridotta o impedita.

  • Persone cieche o sorde. Persone con disabilità intellettiva, ritardo mentale e identificazione dei relativi benefici.

La data di scadenza del bollo 2023 e casi particolari

Nel 2023 non è prevista una data di scadenza per le tasse di immatricolazione delle auto.

In caso di vendita di un'auto, il venditore non deve pagare il bollo se il bollo scade dopo la donazione al PRA.

Se l'immatricolazione dell'auto viene cancellata, in questo caso la legge prevede l'esenzione dal bollo. Se l'auto viene ceduta al PRA e per rinuncia all'eredità, il rinunciante non è tenuto a pagare il bollo.