Arriva la possibilità di ottenere la quattordicesima per tutte i pensionati, ovvero il bonus pensioni chiamato anche bonus quattordicesima. Questa misura ha permesso a tre milioni di pensionati di poter ottenere la quattordicesima, ma molti sono stati esclusi nel mese di luglio 2021. Il motivo di questa esclusione?

Un requisito anagrafico. Ma ci sono delle novità per tutti quelli che ne hanno diritto! In particolare, tutti i richiedenti in possesso dei requisiti potranno richiedere dei prestiti a tassi davvero vantaggiosi. Bisognerà verificare, quindi, di possedere tutti i requisiti, soprattutto quelli reddituali.

Ma vediamo insieme di cosa stiamo parlando, cos’è il bonus pensioni, tutte le novità a riguardo e cosa fare se la richiesta viene rifiutata. Cosa succederà a tutti i beneficiari che non hanno ricevuto il beneficio?

Che cos’è il bonus pensioni o bonus quattordicesima?

Come abbiamo appena detto, già da luglio era stato possibile rientrare fra quei tre milioni di italiani che hanno potuto ricevere il bonus pensioni, o bonus quattordicesima. Mentre altri beneficiari non hanno potuto ricevere il bonus pensioni a causa della mancanza di certi requisiti necessari per accedere al beneficio.

Il bonus pensioni è stato reso noto dall’Inps attraverso una comunicazione, la numero 2407 del 2021. per accedere al bonus quattordicesima, è necessario possedere certi requisiti. Ovviamente, tutti i pensionati possono ricevere il bonus, quanto devono essere rispettati certi requisiti di idoneità.

I Requisiti necessari per accedere al bonus sono i seguenti:

  • età anagrafica del richiedente;
  • Requisiti di reddito.

In base a questi due requisiti, verrà anche definito l'importo del bonus che sarà quindi caricato e cumulato direttamente alla pensione.

Tutti i richiedenti che hanno beneficiato del bonus hanno visto caricato direttamente dall’Inps l’importo spettante, quindi, se non l’avete ancora ricevuto continuate a leggere.

Bonus pensioni: i requisiti per accedere

Come abbiamo appena detto, per accedere al BONUS è necessario possedere certi requisiti

Come fa presente anche informazionefiscale.it

“per poter ottenere il bonus pensioni anche detto bonus quattordicesima si doveva rientrare in determinati requisiti, i quali prevedevano l’aver compiuto almeno sessantaquattro anni ed avere un reddito individuale complessivo compreso fra una volta e mezzo e due volte tanto il trattamento minimo annuo che il Fondo pensioni elargisce ai lavoratori dipendenti, quindi per il 2021 fino e non oltre i 13.405,08 euro.”

L’importo di 13.405,08 euro spetterà alle fasce reddituali più alte, mentre per redditi più bassi, l'importo massimo sarà di 10.053,81 euro.

Questo dettaglio dovrà essere controllato dal vostro commercialista. Ovviamente, bisogna anche ricordare che il bonus pensioni permette di ottenere sia la pensione del mese che la quattordicesima spettante. Inoltre, come si evince dal bando, il bonus potranno riceverlo anche i pensionati che appartengono alla gestione dell’AGO, alla gestione sostitutiva, alla gestione esclusiva che precedentemente ne erano esonerate.

Però bisogna prestare attenzione a requisito anagrafico. A causa di questo errore, infatti, molti beneficiari non hanno potuto ricevere il bonus. Cosa fare quindi per ovviare a questo errore? Come fare per calcolare l'importo?

Nel frattempo, vi consiglio la visione del video del canale Youtube Pensioni&Aggiornamenti, con tutte le novità riguardanti il bonus pensioni. Nel loro canale potrete trovare anche tanti altri video informativi.

Come calcolare l’importo del bonus pensioni?

Come abbiamo già spiegato, l'importo del bonus pensioni viene calcolato in base alla fascia reddituale. In particolare, più è alta la fascia di reddito, più alto sarà l'importo spettante. Questo è possibile poiché alla fascia di reddito vengono anche calcolati i contributi versati.

Ma facciamo un esempio. Se, ad esempio, il soggetto richiedente dovesse appartenere a quella fascia di reddito che è inferiore ad una volta e mezza la pensione minima e dovesse avere anche almeno quindici anni di contributi versati, l'importo spettante sarà di 437 euro, a titolo di bonus quattordicesima, i quali si sommeranno alla pensione.

Se lo stesso soggetto avesse avuto almeno quindici o venticinque anni di contributi versati, allora l'importo del bonus pensione sarà stato pari a 546 euro. Se gli anni contributivi dovessero essere superiori a venticinque, allora l’importo del bonus sarà pari a 655 euro.

Gli importi del bonus verranno calcolati in maniera diversa se il soggetto invece dovesse appartenere alla fascia reddituale compresa fra una volta e mezzo e due volte tanto il valore della pensione minima.

In particolare, gli importi calcolati saranno i seguenti:

  • 336 euro, se il richiedente possiede almeno quindici anni di contributi; 
  • 420 euro, se il richiedente possiede più di quindici anni contributivi, ma non arriva a venticinque;
  • 504 euro, se il richiedente possiede più di venticinque anni contributivi. 

I lavoratori autonomi dovranno possedere almeno diciotto o ventotto anni contributivi.

Ma torniamo al requisito anagrafico. Ricordiamo infatti che i soggetti beneficiari dovevano aver compiuto almeno sessantaquattro anni di età a luglio 2021. Ma c'è una bella novità per tutti i pensionati che hanno compiuto sessantaquattro anni ad agosto 2021

Ricordiamo che, una volta posseduti i requisiti, l'INPS caricherà l'importo in modo automatico. Non è necessario, quindi, presentare domanda.

Cosa fare se non si riceve il bonus pensioni?

Come abbiamo appena detto, una volta posseduti requisiti l'INPS caricherà l'importo in modo automatico, quindi, non è necessario presentare alcuna domanda. Ma nonostante ciò Alcuni beneficiari, nonostante avessero i requisiti, non hanno ricevuto l'importo. Cosa fare in questi casi?

Cosa fare nel caso l'INPS commetta un errore o non invii il bonus?

Intanto, cosa importante è capire se l'importo verrà caricato in un secondo momento. Vi sono stati infatti casi in cui l'importo è stato caricato soltanto successivamente. In particolare, l'INPS ha più volte comunicato che le dichiarazioni dei redditi dei pensionati a volte possono contenere diversi errori. Proprio a causa di questo, il caricamento dell'importo potrebbe subire dei ritardi. Questo controllo potrà essere effettuato soltanto dopo aver chiamato l'INPS per segnalare il problema.

Nel caso in cui siete sicuri di possedere tutti i requisiti necessari per beneficiare del bonus potrete darne segnalazione all'INPS, che caricherà subito l’importo e successivamente effettuerà dei controlli consuntivi.

Invece, per tutti quelli che non possedevano i requisiti a luglio 2021 vi sono delle novità. Quest'ultime potrebbero arrivare a dicembre 2021.

Bonus pensioni: ecco le novità di dicembre 2021

Come abbiamo già detto nel paragrafo precedente, vi sono delle novità per i pensionati che a luglio 2021 non possedevano i requisiti necessarie per beneficiare dell'importo del bonus e quattordicesima.

Il bonus pensioni è stato erogato infatti a luglio 2021 a tutti i pensionati che avevano compiuto 64 anni di età e che rientravano nella fascia contributiva e reddituale precedentemente citata. Adesso, però potranno ricevere gli importo anche i pensionati che hanno compiuto sessantaquattro anni di età a partire dal 1° agosto 2021. Questo importo verrà erogato a dicembre 2021.

Ma le novità non finiscono qui. Molti pensionati a dicembre 2021 potranno arricchire la propria pensione anche percependo altri importi. Molti, infatti, riceveranno 154,95 euro come bonus del mese di dicembre.

Bisogna però ricordare che anche qui vi sono dei limiti di reddito da rispettare. L'importo di dicembre appena citato verrà erogato solamente tutti i pensionati che non riceveranno trattamenti assistenziali, quindi sono escluse le invalidità civili, gli assegni e le pensioni sociali. Verranno escluse altresì le pensioni di enti creditizi e dei dirigenti di azienda. Questi dovranno ricevere all'anno almeno un importo pensionistico inferiore a 6.850, 85 euro.



Ma esattamente, a chi spetterebbe la tredicesima? 

L'importo della tredicesima di dicembre spetta a tutti i pensionati INPS, anche a tutti coloro che percepiscono la pensione di invalidità o la pensione sociale. Però sono escluse le indennità di accompagnamento e di indennità di frequenza.

Inoltre, con la comunicazione numero 1359 del 2021, l’INPS ha reso noto che non calcolerà più l'Irpef su dodici mensilità ma su tredici. La motivazione che sta dietro a questa decisione è quella di rendere la tassazione più omogenea ed importi più bassi rispetto al passato.

Questo tipo di calcolo permetterà inoltre di erogare una tredicesima più elevata a dicembre. Quindi per dicembre aspettatevi una pensione più alta del previsto.

Per visionare il cedolino di dicembre sarà necessario entrare sul vostro account personale INPS con le vostre credenziali d'accesso. Qui potrete verificare se rientrate nel bonus pensioni o se avete diritto alla tredicesima di dicembre.

Ricapitolando…

Ricapitolando, come abbiamo appena detto, ci sono delle belle novità per coloro che ad agosto hanno compiuto i sessantaquattro anni di età e che, proprio a casa di questo dato anagrafico, a luglio non avevano ricevuto il bonus pensioni.

Come sempre, ricordiamo che il bonus pensioni viene erogato dall'Inps direttamente d'ufficio, non è necessario quindi presentare alcuna domanda. Inoltre, dobbiamo ricordare che bisognerà rispettare i requisiti di reddito e i requisiti contributivi. 

A dicembre 2021, se possedete i requisiti richiesti, potrete ricevere l'importo del bonus pensioni o l’importo della tredicesima di dicembre. 

In sostanza, un Natale ricco di sorprese per molti pensionati che a causa della pandemia hanno sofferto le difficoltà economiche. Fateci sapere attraverso un’e-mail se l'importo della tredicesima è stato ricevuto o meno.