Quando lo Stato non si muove, si attivano le regioni! Purtroppo in questi tempi difficili non si parla ancora di attuare una sospensione nazionale del bollo auto, ma per fortuna molte regioni hanno provveduto da sole deliberando per la sospensione del pagamento del bollo 2021 o anche per la completa esenzione di alcune categorie.

A questo si aggiunge la platea dei beneficiari del saldo e stralcio, che non dovranno pagare gli arretrati del bollo auto relativo alle cartelle esattoriali emesse dal 2000 al 2011 e con un importo massimo di 5.000 euro.

Ma andiamo a vedere quali sospensioni e esenzioni regionali sono attive a livello, per evitare di pagare il bollo auto 2021.

Che cos’è il bollo auto

Diciamo prima di tutto, che il bollo auto è una tassa annuale sulla proprietà del veicolo gestita a livello regionale, il suo importo varia perciò a livello locale. Ma le autorità regionali non sono solo responsabili di decidere l’importo e regolano anche la normativa del bollo, deliberando a favore della sospensione o l’esenzione per alcune categorie dal pagamento della tassa.

Come si è detto, in molti hanno atteso e attendono, durante la pandemia, un provvedimento centrale che sospenda il pagamento del bollo auto almeno per il 2021 in tutta Italia. Se questo non c’è stato, si sono però attivate alcune regioni per venire incontro ai cittadini nei tempi difficili che stiamo vivendo.

Veneto, Campania ed Emilia Romagna sospendono il bollo auto 2021

Tra le regioni che hanno deciso di sospendere il pagamento del bollo troviamo il Veneto che ha preso la decisione rinviare i pagamenti del bollo auto, scaduto tra gennaio e maggio 2021, al 30 giugno 2021, data entro la quale si avverrà il pagamento non saranno applicate more e sanzioni

Accanto al Veneto anche la Campania ha sospeso il bollo auto 2021, parliamo dei bolli scaduti dal 1 gennaio al 30 aprile di quest’anno, che dovranno essere pagati, senza incorrere in more e sanzioni, entro il 31 maggio 2021.

Infine, l'Emilia Romagna partecipa a questo piano di sospensioni e proroghe, rinviando il pagamento dei bolli 2021 scaduti o in scadenza entro il 31 maggio 2021, al 2 agosto dell’anno in corso.

Non è comunque da escludere, anzi è molto probabile che la situazione Covid non ancora risolta faccia rinviare ancora il pagamento del bollo 2021.

Proroghe ed esenzioni regionali si susseguono, infatti, ormai da inizio crisi, quindi quanti vivono in regioni che attuano proroghe ed esenzioni straordinarie hanno buona probabilità di vedere queste misure prorogate almeno fino alla fine dello stato di emergenza.

Le bollo auto cancellato per alcuni residenti in Lombardia

Un paragrafo a parte merita la Regione Lombardia che ha deciso di attuare misure di sostegno per i cittadini più massicce in materia di bollo auto.

In primo luogo in Lombardia è stata introdotta una misura rivolta a tutti i residenti, cioè la possibilità di avere il 15% di sconto sul pagamento del bollo auto se si paga con domiciliazione bancaria, cioè con IBAN.

Inoltre, tra i provvedimenti presi a causa dello stato di emergenza la Regione ha deliberato che per tutta la durata dell’anno in corso saranno completamente esenti dal pagamento del bollo i veicoli adibiti a trasporto di persone. Stiamo parlando di macchine a noleggio con conducente, autobus, pullman e taxi.

Il provvedimento è nato a livello regionale per venire incontro alle categorie più colpite dalla crisi sanitaria ed economica che stiamo attraversando. In particolare, tutti i taxi in Lombardia per il 2021 saranno esenti dal bollo auto.

Chi è esente in Italia dal pagamento del bollo auto?

Per il pagamento del bollo auto in realtà ci sono delle categorie che godono dell’esenzione su tutto il territorio nazionale. Questi sono i disabili, le auto ibride ed elettriche e i veicoli storici.

Possono usufruire dell’esenzione non solo i disabili, ma anche gli accompagnatori a cui la persona con handicap è a carico. Nello specifico le categorie esenti sono: le persone con una ridotta abilità motoria, che hanno problemi di deambulazione, con amputazioni, ipovedenti gravi e non vedenti e anche soggetti affetti da disabilità psichica.

Le auto elettriche, invece, sono esenti dal pagamento del bollo, praticamente in tutte le regioni d’Italia per cinque anni dal momento dell’immatricolazione. Diverso il caso delle auto ibride che godono di un esenzioni totale o parziale di una durata che varia dai tre ai cinque anni, a seconda delle diverse regioni.

Infine sono esenti dal pagamento del bollo auto tutti i veicoli più vecchi di trent’anni, mentre per i veicoli ventennali si può avere un’esenzione parziale se si richiede un certificato che attesti l’interesse storico e collezionistico del veicolo, che in genere viene emesso da:

Bollo auto arretrato cancellato, ma per chi?

Un’altra novità del 2021 riguarda la cancellazione del bollo auto relativo agli anni passati. 

Parliamo di quanti hanno avuto notifica, tra il 2000 e il 2011, con l’arrivo di una cartella esattoriale, che ci sono arretrati della tassa automobilistica da pagare, e che potranno usufruire della cancellazione automatica e completa dei debiti.

Il governo Draghi ha infatti introdotto una nuova Pace Fiscale, che prevede un saldo e stralcio delle vecchie cartelle di importo non superiore a 5.000 euro

Per poter però ricevere l’azzeramento dei debiti c’è un requisito ovvero che l’ISEE annuo non superi i 30.000 euro.

Per i soggetti con questi requisiti eventuali debiti relativi alla bollo auto per gli anni in questione, possono considerarsi cancellati.

Come si fa a sedere se il bollo auto è stato pagato

Se non rientrare in nessuna delle categorie descritte sopra e non potete usufruire delle agevolazioni regionali, allora dovrete pagare il bollo auto 2021.

Se avete la necessità di verificare eventuali pendenze, potete esserne informato recandovi ai punti ACI della vostra città, ovviamente dovete essere in possesso dei vostri dati anagrafici e della targa del veicolo di cui vi interessa avere informazioni.

Il modo più pratico, però, è quello di verificare online sul portale dell’ACI, dove potrete gestire completamente la vostra tassa automobilistica: controllare lo storico dei pagamenti e anche pagare eventuali pendenze o bolli in scadenza.

Se invece non amate le procedure online, il bollo auto può essere pagato fisicamente con carta o contanti presso gli uffici delle Poste Italiane e presso le ricevitorie SISAL.

Per avere aiuto su come pagare questa tassa e stabilire l’importo, si può ricorrere al video YouTube di K83ts: