Ci risiamo, tra pochissimo bisognerà pagare ancora una delle imposte, che insieme al bollo auto, è tra le più odiate e contestate d’Italia: si tratta del Canone Rai 2021.  

La tassa di possesso della televisione, che fine a qualche anno fa era tra le più evase del paese, ammonta a 90 euro e la si trova, divisa in tre rate da 18 euro l’una, direttamente sulla propria bolletta della luce.  

Dunque non si sfugge, agli Italiani tocca pagarla anche quest’anno. Anzi, a quasi tutti, perché alcune categorie sono esonerate dal corrispondere il canone.  

Vediamo in modo dettagliato chi può ottenere l’esenzione e come chiederla online o in forma cartacea.  

Canone Rai 2021: chi può ottenere l’esenzione? 

Sono pochi i cittadini che possono godere dell’esenzione dal canone Rai 2021. Infatti, l’esonero dalla tassa di possesso è riservato a una ristretta cerchia di cittadini.  

Le persone che hanno compiuto 75 anni potranno ottenere l’esonero se hanno un reddito familiare minore di 8.000 euro annui. 

Si può ottenere l’esenzione se si sono compiuti 75 anni entro il 31 gennaio 2021, se invece si compiranno dal il 1° febbraio al 31 luglio 2021, sarà possibile usufruire dell’agevolazione solo per il secondo semestre

I cittadini che posseggono questo requisito e hanno già presentato la dichiarazione nel 2020, o in precedenza, non devono ripetere l’operazione anche quest’anno. Se, tuttavia, nel 2020 il reddito del soggetto che ha fatto la richiesta è aumentato, superando gli 8.000 euro l’annui, si dovrà presentare una dichiarazione di variazione. 

Per via di convenzioni internazionali, inoltre, sono esonerati dal pagamento anche i diplomatici e i militari stranieri . 

Infine non sono tenuti al pagamento del Canone tutti i nuclei familiari che non possiedono la televisione.  

Canone Rai 2021: come chiedere l’esenzione per gli over 75 

Gli over 75 con reddito inferiore a 8.000 euro annui possono richiedere l’esonero entro il 31 Gennaio 2020. 

È possibile fare richiesta di esenzione tramite questo modulo, che una volta stampato e compilato, può essere inviato all’Agenzia delle entrate tramite pec a cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.  

Se lo si preferisce, si può mandare, insieme ad una copia della carta di identità del richiedente, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato, senza busta, al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 - 10121 Torino.  

Oppure, se si preferisce, è possibile consegnare a mano la richiesta, stampata e compilata, presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle entrate. Anche in questo caso va aggiunta una copia del proprio documento di identità.  

Canone Rai 2021: come chiedere l’esenzione per diplomatici e militari stranieri 

Anche per diplomatici e militari stranieri la scadenza della richiesta è fissata al 31 Gennaio.  

Si può fare domanda di esenzione tramite l’apposito modulo che una volta stampato e compilato può essere inviato all'Agenzia delle entrate, tramite pec a cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.  Se lo si preferisce si può inviare, insieme ad una copia della carta di identità del richiedente, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato, senza busta, al seguente indirizzo Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 - 10121 Torino.   

Anche in questo caso è possibile consegnare a mano la domanda già compilata e una copia di un documento di identità del richiedente, presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle entrate. 

Canone Rai 2021: ottenere l’esenzione tramite il sito Agenzia delle entrate in pochi minuti  

L’operazione è molto più semplice e rapida, ci vogliono poco meno di cinque minuti se la si esegue online attraverso il sito dell’Agenzia delle entrate.  

Per prima cosa bisogna effettuare l’accesso all’area riservata.

Il modo più rapido per entrare nell’area è tramite SPID, ma se siete tra i pochi che ancora non hanno registrato la propria identità digitale, potete seguire un altro metodo. L’accesso, infatti, può essere effettuato anche tramite le proprie credenziali Fisconline, la Carta di Identità elettronica e la Smart Card. 

Una volta effettuato l’accesso dalla propria home, selezionare “Servizi per” e in seguito “Inviare”, e scegliere la voce “File predisposti con l'applicazione File Internet”.  Nella pagina che si apre è possibile caricare il file con il modello corretto compilato.  

Canone Rai 2021: per chi non possiede la televisione  

Anche se il 92% degli Italiani guarda regolarmente la televisione, esiste una piccola percentuale di popolazione che, non solo non la guarda, ma non la possiede affatto.  

Se si fa parte di questa, piuttosto esigua, categoria, per essere esonerati dal pagamento del canone Rai sarà sufficiente presentare una dichiarazione di non detenzione.  

Questa è un'operazione piuttosto semplice, sarà sufficiente compilare il Quadro A del modulo e inoltrare la richiesta alla Rai attraverso due differenti modalità.

Il primo e più semplice modo di presentare il modulo è attraverso posta elettronica certificata, all'indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai. In alternativa, è possibile inviare la richiesta in forma cartacea, per plico raccomandato senza busta, attraverso spedizione a mezzo del servizio postale all'Ufficio Canone TV - c.p.22 Torino. In quest’ultimo caso va allegata una copia della carta di identità del richiedente.   

Anche in questo caso la via più rapida e semplice è fare la richiesta online tramite il sito dell’Agenzia delle entrate. Accedendo alla vostra area riservata, come indicato in precedenza, dalla home selezionare “Servizi per” e scegliere la voce “Comunicare”. A questo punto, cliccando su “Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato” e “Invio dichiarazione” sarà sufficiente scegliere il Quadro A e seguire le indicazioni.  

Ricordiamo che la richiesta di non detenzione della televisione, indifferentemente dal mezzo scelto per ottenerla, ha validità solo annuale e dovrà dunque essere effettuata nuovamente l’anno seguente.  

Attenzione, se state pensando di farvi furbi e chiedere l’esenzione attraverso la dichiarazione di non detenzione anche se in realtà possedete una, o più, televisioni, è bene che sappiate che sono previsti dei controlli. Infatti, a seguito di questo tipo di dichiarazione, non è insolito che la Guardia di Finanza bussi alla vostra porta per accertarsi che non stiate cercando di truffare lo Stato. 

Ogni anno, infatti, vengono svolti centinaia di controlli a campione sulle dichiarazioni di non detenzione da parte dall’Agenzia dell’Entrate. Nel caso in cui sorgano dubbi sulla legittimità della richiesta, viene richiesto alla Guardia di Finanza di svolgere i dovuti controlli. Nel caso in cui, a seguito di questi controlli, si dovesse scoprire un illecito, le sanzioni sono piuttosto pesanti.  

Dunque, se non fate parte delle categorie esonerate e non volete pagare il canone, c’è solo una via possibile: sbarazzatevi delle vostre televisioni.  

Canone Rai 2021 per la seconda casa 

Se si possiede una seconda casa non si deve corrispondere il canone due volte. L’odiatissima tassa di possesso, infatti, va corrisposta una sola volta per nucleo familiare.  

Ormai da qualche anno, e non senza rimostranze, il canone Rai si paga sulla bolletta della luce, che nella seconda casa dovrebbe risultare come utenza domestica non residente. Su questo tipo di bolletta, il canone non viene inserito.  

Tuttavia, se due componenti di uno stesso nucleo familiare hanno la residenza in due case diverse allora saranno richiesti due canoni. Poniamo che la signora Rossi abbia la residenza presso l’abitazione principale e il signor Rossi presso la casa al mare, in questo caso ad entrambi i coniugi, che pur fanno parte di un solo nucleo familiare, è richiesto il pagamento del canone sia nella bolletta della prima casa che della seconda.  

Per risolvere questo problema, basterà compilare il quadro B del modulo e mandarlo con la modalità sopraindicata che preferite.   

Si può effettuare l’operazione online dall’area riservata del sito dell'agenzia delle entrate, selezionando “Servizi per” e scegliere la voce “Comunicare”. A questo punto, cliccando su “Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato” e “Invio dichiarazione” sarà sufficiente scegliere il Quadro B e seguire le indicazioni.   

Canone Rai 2021: richiesta di rimborso  

Coloro che possono non pagare il canone hanno tempo fino al 31 gennaio per fare richiesta. Nel caso in cui entro questa data non avranno chiesto l’esonero, saranno tenuti a corrispondere i 90 euro della tassa ma potranno richiedere di essere rimborsati.  

Per ottenere il rimborso si può inoltrare la domanda dal sito dell’Agenzia delle entrate, entrando nella pagina dedicata sarà sufficiente scegliere nel banner a sinistra “Servizi per Richiedere” e da qui “Richiesta rimborso canone tv”.  

Se lo si preferisce, è possibile, anche in questo caso, inoltrare la domanda in forma cartacea spedendo una raccomandata senza busta, con allegato un documento d’identità, all’Agenzia delle entrate.