Il Decreto Sostegni (DL numero 41 del 2021) attivato dal governo guidato da Mario Draghi contiene, da un lato, misure di sostegno per le imprese e gli operatori economici in difficoltà per via dell'emergenza sanitaria legata alle misure di contenimento della pandemia da Covid-19 e dall'altro ha disposto ulteriori interventi in materia di riscossione. In questo articolo focalizziamo l'attenzione su questi secondi interventi.

Innanzitutto va chiarito che, a differenza di quanto è stato sostenuto a più riprese, non c'è nessuna abolizione del bollo auto generalizzata. Ma ci sono solamente delle posizioni che vengono stralciate.

Ad esempio il Decreto Sostegni afferma che viene introdotto un condono (parola spesso evitata dai politici ma che è stata usata dallo stesso premier Mario Draghi) delle cartelle di importo inferiore ai 5.000 euro emesse tra il 2000 e il 2010, ma di cui possono beneficiare solo i cittadini che hanno un reddito inferiore a 30 mila euro nel 2019. Vecchi debiti Inps, Irpef e bollo auto sono tra i tributi che possono beneficiare dello stralcio.

Decreto Sostegni, le prinicipali misure sulla riscossione

Il Decreto Sostegni contiene una misura che ha fatto molto discutere sia nel paese che nella maggioranza di governo. Alla fine nella coalizione che sostiene il governo di Mario Draghi la decisione è stata la seguente: c'è la cancellazione delle cartelle fino a 5.000 euro che sono state emesse dal 2000 al 2010. Ma questa norma vale solo per chi nel 2019 ha avuto un reddito fino a 30.000 euro.

Questa operazione non è immediata. Il Decreto è in vigore dal 23 marzo 2021, le disposizioni attuative di Ministero dell'Economia e delle Finanze saranno operative entro trenta giorni dalla data di conversione in legge del Decreto. Il Parlamento ha 60 giorni di tempo per approvarlo. Il debito, ovviamente, in certi casi può anche essere di lieve entità ma per via degli interessi può aumentare di valore.

La cancellazione avverrà d'ufficio: non si dovrà presentare nessuna domanda ma sarà la stessa Agenzia delle entrate-Riscossione a fare gli opportuni accertamenti e cancellare le situazioni debitorie come previsto dal Decreto.

Sono cancellabili imposte, multe e contrubuti ma le norme attuative chiariranno al meglio tutta la situazione. Ognuno al termine delle operazioni controllare sul sito dell'Agenzia delle Entrate i risultati e la propria posizione. 

Vediamo ora nel dettaglio le principali misure aggiornate nel Decreto Sostegni.

Pagamento cartelle, avvisi di addebito e accertamento

Differimento al 30 aprile 2021 del termine di sospensione per il versamento delle entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione.

Sono, pertanto, sospesi i pagamenti in scadenza dall’8 marzo 2020 (per i soggetti con residenza, sede legale o la sede operativa nei comuni della cosiddetta “zona rossa” la sospensione decorre dal 21 febbraio 2020) al 30 aprile 2021 che dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione e, dunque, entro il 31 maggio 2021.

Sospensione attività di notifica e pignoramenti

Sospensione fino al 30 aprile 2021 delle attività di notifica di nuove cartelle, degli altri atti di riscossione nonché delle procedure di riscossione, cautelari ed esecutive, che non potranno essere iscritte o rese operative fino alla fine del periodo di sospensione.

Sono altresì sospesi fino al 30 aprile gli obblighi derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati, prima della data di entrata in vigore del Decreto Rilancio (19/5/2020) su stipendi, salari, altre indennità relative al rapporto di lavoro o impiego, nonché a titolo di pensioni e trattamenti assimilati; le somme oggetto di pignoramento non sono, pertanto, sottoposte ad alcun vincolo di indisponibilità ed il soggetto terzo pignorato deve renderle fruibili al debitore anche in presenza di assegnazione già disposta dal giudice dell’esecuzione.

Cessati gli effetti della sospensione, quindi, a decorrere dal 1° maggio 2021, riprenderanno ad operare gli obblighi imposti al soggetto terzo debitore (e dunque la necessità di rendere indisponibili le somme oggetto di pignoramento e di versamento all’Agente della riscossione fino alla concorrenza del debito).

Definizione agevolata

Diverse le norme legate alla scadenza pagamenti rate 2020.

Differimento al 31 luglio 2021 del termine “ultimo” per il pagamento delle rate in scadenza nel 2020 relative alla "Rottamazione-ter”, al “Saldo e stralcio” e alla “Definizione agevolata delle risorse UE”.

Tale termine era stato precedentemente fissato al 1° marzo 2021 dal “Decreto Ristori” (DL n. 137/2020). In particolare, per i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2019, il mancato, insufficiente o tardivo versamento di quelle in scadenza per l’anno 2020 non determina la perdita dei benefici della Definizione agevolata, se le stesse verranno integralmente corrisposte entro il 31 luglio 2021.

Per il pagamento entro questo nuovo termine di scadenza sono ammessi i cinque giorni di tolleranza.

Entro il 31 luglio 2021, quindi, dovranno essere corrisposte integralmente:

  •  le rate della “Rottamazione-ter” e della “Definizione agevolata delle risorse UE”, scadute il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre 2020;
  •  le rate del “Saldo e stralcio” scadute il 31 marzo e il 31 luglio 2020.

In merito alla scadenza dei pagamenti relativi alle rate del 2021 c'è il differimento al 30 novembre 2021 del termine “ultimo” per il pagamento delle rate in scadenza nel 2021 relative alla "Rottamazione-ter”, al “Saldo e stralcio” e alla “Definizione agevolata delle risorse UE”.

In particolare, per i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2020, da effettuarsi entro il prossimo 31 luglio 2021, il mancato, insufficiente o tardivo versamento delle rate in scadenza per l’anno 2021, non determina la perdita dei benefici della Definizione agevolata se le stesse verranno corrisposte entro il 30 novembre 2021.

Per il pagamento entro questo nuovo termine di scadenza sono ammessi i cinque giorni di tolleranza.

Entro il 30 novembre 2021, quindi, dovranno essere corrisposte integralmente:

  • le rate della “Rottamazione-ter” e della “Definizione agevolata delle risorse UE”, scadute il 28 febbraio,  il 31 maggio e il 31 luglio 2021;
  • le rate del “Saldo e stralcio” scadute il 31 marzo e il 31 luglio 2021.

Resta confermata la scadenza del 30 novembre 2021 per il pagamento della quarta rata in scadenza nell’anno 2021 della "Rottamazione-ter” e della “Definizione agevolata delle risorse UE”.

Pagamenti delle pubbliche amministrazioni superiori a 5.000 euro

Sospensione dall’8 marzo 2020 al 30 aprile 2021 delle verifiche di inadempienza che le Pubbliche Amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica devono effettuare, ai sensi dell’art. 48 bis del DPR 602/1973, prima di disporre pagamenti - a qualunque titolo - di importo superiore a cinquemila euro.

La sospensione è decorsa dal 21 febbraio 2020 per i soli contribuenti che, alla medesima data, avevano la residenza, la sede legale o la sede operativa nei comuni della c.d. “zona rossa”  Sono prive di qualunque effetto anche le verifiche disposte prima del 19/5/2020 (data di entrata in vigore del DL n. 34/2020), se l’Agente della riscossione non aveva notificato il pignoramento ai sensi dell’art. 72 bis del DPR n. 602/1973.

Per le somme oggetto di tali verifiche, le Pubbliche Amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica possono quindi procedere al pagamento in favore del beneficiario.

Stralcio dei debiti fino a 5.000 euro

Il decreto prevede, come detto in apertura, che sono annullati i debiti, risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, che, alla data di entrata in vigore del “Decreto Sostegni”, hanno importo residuo fino a 5 mila euro (comprensivi di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni).

Tra i debiti oggetto dello “Stralcio” sono compresi anche quelli eventualmente presenti nei piani di pagamento della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e stralcio”.

I beneficiari dello “Stralcio” sono:

  • le persone fisiche che hanno percepito, nell'anno d'imposta 2019, un reddito imponibile fino a 30 mila euro;
  • i soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno percepito, nel periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2019, un reddito imponibile fino a 30 mila euro.

Le modalità e le date dell’annullamento dei debiti saranno disposte con un decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, da emanarsi entro 30 giorni dalla data di conversione in legge del “Decreto Sostegni”.

Restano definitivamente acquisite le somme versate anteriormente alla data dell’annullamento.

Fino alla data stabilita dal citato Decreto ministeriale, è sospesa la riscossione di tutti i debiti risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 di importo residuo fino a 5 mila euro, calcolato al 23/03/2021 (data di entrata in vigore del “Decreto Sostegni”), e sono sospesi i relativi termini di prescrizione.

L’annullamento non si applica alle seguenti tipologie di carichi affidati all’Agente della riscossione:

  • debiti relativi alle “risorse proprie tradizionali” dell’Unione Europea e all’imposta sul valore aggiunto riscossa all’importazione;
  • debiti derivanti dal recupero degli aiuti di Stato considerati illegittimi dall’Unione Europea ovvero da condanne pronunciate dalla Corte dei conti;
  • multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna.