Quella odierna è l'ultima giornata utile per il versamento dell'IMU, l'imposta municipale unica che devono versare coloro che possiedono fabbricati, ad eccezione dell'abitazione principale, ma anche aree fabbricabili e terreni agricoli.

IMU: oggi scade il pagamento dell'acconto 2021

Oggi scade il termine per il pagamento dell'acconto relativo al 2021, mentre il saldo andrà versato il 16 dicembre prossimo.

Per quest'anno la legge di bilancio 2021 prima e il decreto Sostegni dopo, hanno introdotto importanti novità, con l'ampliamento della platea dei beneficiari dell'esenzione parziale.

In sintesi, per via della crisi economica innescata dal coronavirus, è stato deciso di risparmiare a diversi soggetti il pagamento della prima rata dell'IMU.

IMU: la novità per i pensionati. Cosa prevede la legge di bilancio 2021

Tra le novità introdotte dalla legge n. 178 del 30 dicembre 2020, ossia legge di bilancio 2021, ne troviamo anche una riguardante l'IMU dovuta dai pensionati.

A differenza di quanto accaduto fino al 2020, quando era prevista l'esenzione totale, a partire dal 2021 c'è stata un'importante modifica della normativa precedente.

I pensionati esteri che possiedono un immobile ad uso abitativo in Italia, da quest'anno sarà tenuti a pagare l'IMU con lo sconto: nel dettaglio l'imposta dovrà essere corrisposta al 50% e non in misura piena e l'agevolazione è estesa anche alla Tari, ossia alla tassa sui rifiuti, con una riduzione ancora più marcata.

Lo sconto sull'IMU e sulla Tari è riservato ai pensionati che non risiedono in Italia e che che siano titolari di una pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso  dall'Italia.

All'articolo 48 della legge di bilancio 2021 si legge:

A partire dall'anno 2021 per una sola unità immobiliare a uso abitativo, non locata o data in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso  dall'Italia, l'imposta municipale propria è applicata nella misura della metà  e  la tassa sui rifiuti avente natura di tributo o la tariffa sui rifiuti avente natura di corrispettivo, è dovuta in misura ridotta di due terzi.

IMU e Tari: a quali pensionati spetta lo sconto?

E' bene evidenziare che lo sconto sull'IMU e sulla Tari è riconosciuto solo per un immobile che deve essere ad uso abitativo e non deve essere locato o dato in comodato d'uso.

Il titolare dell'immobile inoltre non deve risiedere in Italia, ma uno di Stato di assicurazione diverso, e deve essere titolare di una pensione maturata in regime di convenzione internazionale con il nostro Paese.

IMU e Tari: i chiarimenti del Dipartimento delle finanze

Per fugare ogni dubbio e meglio definire il perimetro dei beneficiari e dei requisiti per l'accesso all'agevolazione prevista per l'IMU e la Tari, sono arrivate le risposte del Dipartimento delle Finanze ad alcuni quesiti presentati in materia.
Con la risoluzione n.5 dell'11 giugno 2021, è stato chiarito che lo sconto del 50% per l'IMU e la riduzione a due terzi per la Tari ai pensionati esteri, non possono essere concessi indipendentemente dal paese di residenza.

Il Dipartimento delle Finanze ha spiegato che l'agevolazione spetta solo quando lo Stato di residenza, diverso dall'Italia, coincide con lo Stato che eroga la pensione.

IMU e Tari: focus sulle pensioni maturate in regime di convenzione internazionale con l'Italia

Relativamente alla definizione di "pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia", nella risoluzione dell'11 giugno 2021 si legge che si tratta di "una pensione maturata in regime di totalizzazione internazionale e, quindi, mediante cumulo dei periodi assicurativi maturati in Italia con i quelli maturati:

in Paesi UE, SEE (Norvegia, Islanda e Liechtenstein), Svizzera (pensione in regime comunitario) e Regno Unito;

in Paesi extraeuropei che hanno stipulato con l’Italia convenzioni bilaterali di sicurezza sociale (pensione in regime di convenzione bilaterale).

Non sono ammessi alle agevolazioni IMU e Tari i pensionati esteri che risiedono in Messico e nella Repubblica di Corea, in quanto le relative convenzioni non prevedono la totalizzazione internazionale della pensione dei periodi assicurativi.