L’Agenzia delle Entrate ha deciso di rendere note tutte le novità relative ai nuovi modelli e dichiarazioni che saranno richiesti ed applicati per l’intero anno 2022, quali ad esempio la Certificazione Unica, la dichiarazione 730, la dichiarazione 770 e il modello Iva. 

Si tratta di quei modelli che consentiranno a tutti i cittadini e i contribuenti non soltanto di provvedere alla comunicazione e alla trasmissione dei propri dati e redditi, ma anche di poter accedere a nuove detrazioni o agevolazioni.

In questo senso, a seguito di un apposito comunicato stampa pubblicato all’interno del sito ufficiale dell’Agenzia delle entrate nella data del 14 gennaio 2022, l’ente ha deciso di rendere noti a tutti i modelli 2022 che dovranno essere compilati e trasmessi seguendo le tradizionali procedure e modalità consuete.

A questo proposito, all’interno del seguente articolo, andremo ad approfondire ciascuno di questi modelli e dichiarazioni, così da comprendere quali sono i principali cambiamenti che sono stati messi in atto dall’Agenzia delle Entrate e quali sono le conseguenze per ciascun cittadino o utente che intende accedere alle agevolazioni, ai bonus e alle detrazioni concesse attraverso l’invio e la compilazione di tali modelli.

In questo senso, nei prossimi paragrafi, saranno offerti ulteriori approfondimenti in merito alle caratteristiche e alle peculiarità dei nuovi modelli 2022 pubblicati dall’Agenzia delle Entrate, ma anche le modalità e le tempistiche di presentazione per ciascuna di queste dichiarazioni.

In questo modo, infatti, sarà possibile anche capire al meglio chi sono i soggetti e i contribuenti che sono tenuti all’obbligo di compilazione nonché di invio di tale dichiarazione, al fine di non incorrere in eventuali sanzioni o provvedimenti.

Novità modelli 2022: l’Agenzia delle Entrate cambia il modello 730

Tra le prime e più importanti novità relative ai modelli e alle dichiarazioni presentate da parte dell’Agenzia delle Entrate, una delle più rilevanti riguarda sicuramente quella del modello 730/2022.

A questo proposito, attraverso il recente provvedimento del 14 gennaio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto all’approvazione non soltanto del modello 730, ma anche del modello 730-1, modello 730-2 per il sostituto d’imposta nonché modello 730-2 per il CAF e e per i professionisti abilitati.

Inoltre, sono stati resi noti anche i nuovi modelli 730-3, 730-4, 730-4 integrativo, unitamente alle apposite istruzioni di compilazione e di invio.

Infine, all’interno del portale dell’Agenzia delle Entrate, l’ente ha provveduto anche a pubblicare una serie di allegati, relativi alla bolla per quanto riguarda la consegna dei modelli 730 che saranno valide per l’intero anno 2022, in riferimento alla dichiarazione semplificata da presentare da parte di quei soggetti che decidono di fare riferimento all’assistenza fiscale. 

Chi deve presentare il nuovo modello 730/2022?

A partire dalla data del 30 aprile 2022, l’Agenzia delle Entrate ha fatto sapere che metterà a disposizione dei lavoratori con un contratto di lavoro dipendente e dei cittadini che sono titolari di una pensione, il cosiddetto modello 730/2022 precompilato. 

Si ricorda, in tal senso, che sarà possibile accedere consultando il link www.agenziaentrate.gov.it e accedendo attraverso una tra le seguenti credenziali di accesso: un’identità SPID – Sistema pubblico d’identità digitale; CIE, ovvero la Carta di identità elettronica; oppure, in alternativa una Carta Nazionale dei Servizi.

Come chiarito anche all’interno della guida e delle istruzioni per la compilazione pubblicati sul sito ufficiale dell’ente delle Entrate, il modello 730 rappresenta una dichiarazione particolarmente vantaggiosa per il contribuente, in particolare per i lavoratori dipendenti ed i pensionati italiani, che sono in possesso di specifiche condizioni.

Effettivamente, attraverso il modello 730/2022 i cittadini potranno ottenere eventualmente i rimborsi legati all’imposta che saranno riconosciuti direttamente all’interno della busta paga oppure sulla rata dell’assegno previdenziale, a partire dal mese di luglio per i lavoratori e di agosto per i pensionati. 

Inoltre, grazie al nuovo modello 730/2022, nei casi in cui il contribuente debba versare determinate somme di denaro, queste potranno essere direttamente trattenute in busta paga oppure sulla pensione, senza dover eseguire ulteriori calcoli.

Infine, è necessario anche sottolineare che il modello 730/2022 precompilato dovrà essere necessariamente presentato da parte dei lavoratori dipendenti oppure dei pensionati, rispettando la scadenza prevista il 30 settembre 2022, direttamente presso l’Agenzia delle entrate, oppure in alternativa anche ai CAF, ai professionisti oppure ai sostituti di imposta.

Nuova Certificazione Unica CU 2022: quali sono le novità?

Come anticipato, l’Agenzia delle Entrate ha deciso di provvedere all’elaborazione anche del nuovo provvedimento per quanto riguarda la nuova Certificazione Unica CU 2022, che fa riferimento all'anno 2021. 

A questo proposito, è possibile ritrovare all’interno dell’apposita sezione dedicata alla CU 2022, non soltanto le istruzioni per la compilazione ma anche le indicazioni in merito al frontespizio necessarie per la trasmissione telematica della certificazione unica. 

In questo contesto, effettivamente, occorre sottolineare che sono obbligati a procedere alla compilazione e all’invio della cosiddetta Certificazione Unica 2022 tutti quei soggetti che durante l’anno scorso hanno provveduto a corrispondere delle somme o dei valori che sono soggetti a ritenuta alla fonte.

Inoltre, dovranno inviare la dichiarazione anche quei cittadini o quei contribuenti che nel 2021 hanno provveduto a versare dei contributi, sia di tipo previdenziale che di tipo assistenziale, oppure premi assicurati che sono dovuti all’Inail. Allo stesso tempo, l’obbligo di invio della CU 2022 si estende anche per quei soggetti in cui le somme corrisposte sono assoggettate alla contribuzione dovuta all’Istituto INPS.

Infine, dovranno procedere con la trasmissione della Certificazione Unica 2022 anche tutte le amministrazioni sostituti d’imposta che risultano essere iscritte alle gestioni che confluiscono nella Gestione Dipendenti Pubblici dell’INPS.

Come e quando presentare la nuova certificazione unica 2022

Secondo quanto specificato all’interno del secondo paragrafo della guida legata alle istruzioni per la compilazione della Certificazione Unica 2022 curata dall’Agenzia delle Entrate, è possibile riprendere anche alcuni aspetti relativi sia ai termini che alle modalità di presentazione della CU 2022.

A questo proposito, è stato previsto come termine ultimo per poter procedere all’invio e alla trasmissione telematica di tutti i dati, il giorno 16 marzo 2022.

Mentre, se si tratta delle certificazioni che contengono soltanto dei redditi non dichiarabili attraverso la dichiarazione dei redditi oppure esenti, la data ultima è quella del 31 ottobre.

Infine, è possibile anche precisare che la certificazione unica 2022 potrà essere presentata da parte direttamente dei soggetti che sono tenuti ad effettuare l’invio telematico del documento; oppure, in alternativa, attraverso un ente intermediario abilitato.

Il nuovo modello 770/2022 dell’Agenzia delle Entrate

Il provvedimento del 14 gennaio avvenuto da parte dell’Agenzia delle Entrate ha generato inoltre anche delle importanti novità per quanto riguarda il modello 770/2022, unitamente alle istruzioni per la compilazione in riferimento ai dati e alle informazioni dei versamenti, delle compensazioni e dei crediti. 

Il modello 770/2022 dovrà essere adoperato da parte dei sostituti d’imposta, quindi comprese anche le Amministrazioni statali, con l’obiettivo di trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate tutte le informazioni fiscali che si riferiscono alle ritenute che sono state effettuate nell’arco dell’anno 2021.

Inoltre, il modello 770/2022 dovrà anche essere adoperato da parte dei soggetti o degli intermediari che sono intervenute in operazioni che sono intese come rilevanti a livello fiscale; ma anche da parte di quei soggetti che svolgono un’attività di lavoro legata all’intermediazione immobiliare oppure che gestiscono dei portali che applicano la ritenuta sui canoni di locazione.

Quando si deve presentare la dichiarazione del 770/2022?

Per poter presentare la dichiarazione dei sostituti d’imposta attraverso il modello 770 del 2022 bisogna tenere a mente che la data di scadenza che costituisce il termine ultimi per la presentazione in via telematica del documento è stata fissata al 31 ottobre 2022.

A questo proposito, i cittadini potranno provvedere alla trasmissione della dichiarazione del 770/2022 attraverso diverse figure: il sostituto d’imposta stesso, soggetti incaricati nei casi in cui si tratti delle Amministrazioni statali; società appartenenti al gruppo oppure intermediari abilitati e riconosciuti a livello nazionale.

Nei casi in cui sia lo stesso dichiarante a provvedere alla presentazione diretta del documento, i soggetti dovranno utilizzare i servizi telematici messi a disposizione Entratel oppure Fisconline, sulla base delle condizioni possedute.

Come cambia il modello di dichiarazione annuale IVA/2022 

A seguito del nuovo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, l’ente ha deciso di provvedere all’elaborazione del nuovo modello di dichiarazione annuale IVA/2022. Si tratta di un modello che dovrà essere utilizzato da parte di alcuni soggetti e contribuenti al fine di presentare la dichiarazione IVA con riferimento all’anno di imposta 2021.

A questo proposito, l’ente sottolinea anche la possibilità per i cittadini di scegliere tra due modelli alternativi: il modello IVA/2022 oppure il modello IVA BASE/2022, sulla base dei requisiti e delle condizioni di cui sono in possesso.

Per quanto riguarda i termini ultimi, è opportuno chiarire che la dichiarazione IVA riferita all’anno 2021, dovrà essere necessariamente trasmessa durante il periodo temporale compreso tra il primo febbraio 2022 ed il 2 maggio 2022.