Ogni anno, i contribuenti sono tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi. Si tratta, probabilmente, dell’appuntamento fiscale più importante.

Presentando la dichiarazione dei redditi, infatti, i contribuenti dichiarano al Fisco i redditi che hanno percepito durante l’anno di imposta precedente. Inoltre, presentando la dichiarazione dei redditi i contribuenti effettuano i versamenti dovuti e/o chiedono eventuali rimborsi.

A seconda dei redditi da lavoro o pensione percepiti e dal tipo di contribuente si devono presentare due diversi modelli: alcuni contribuenti devono presentare il Modello 730; altri contribuenti sono tenuti alla presentazione del Modello Redditi PF.

Entrambi sono modelli dichiarativi e le operazioni che si effettuano sono le medesime. In alcuni casi, è consigliabile presentare il Modello 730, in quanto un eventuale rimborso viene effettuato immediatamente dal sostituto d'imposta o per chi non ce l'ha direttamente dall'Agenzia delle entrate, in tempi minori rispetto al Modello Redditi. Tuttavia, ci sono alcune categorie di contribuenti che sono obbligate a presentare il Modello Redditi PF.

In questo articolo, spiegheremo in linea generale cos’è e perché si presenta la dichiarazione dei redditi. Ci sposteremo più avanti ad analizzare chi sono i contribuenti che possono presentare il Modello 730 e chi il Modello Redditi. Infine, parleremo di scadenze che quest’anno hanno subito qualche slittamento rispetto all’ordinaria tabella di marcia.

Cos'è la dichiarazione dei redditi?

Siamo in piena campagna dichiarativa e, adesso, è il momento migliore per spiegare cos’è la dichiarazione dei redditi e perché si deve presentare

Questa è una guida molto utile soprattutto per chi si è affacciato da poco o si sta affacciando adesso sul mondo del lavoro. Sul panorama fiscale, infatti, la presentazione della dichiarazione dei redditi è, probabilmente, uno degli adempimenti più importanti.

Come abbiamo già detto dell’introduzione, la dichiarazione dei redditi è un documento fiscale che deve essere presentato dai contribuenti che, durante il precedente anno di imposta, hanno percepito redditi da lavoro o da pensione

Pertanto, nella dichiarazione dei redditi del 2022 - che sia Modello 730 sia Modello Redditi PF, si devono riportare i dati reddituali riferiti all'anno 2021. I redditi percepiti nel 2022 andranno riportati in dichiarazione il prossimo anno 2023.

Naturalmente, vi sono alcuni casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Tuttavia, anche per i contribuenti per cui non vige l’obbligo, è possibile presentare la dichiarazione. Infatti, come si legge sul sito pmi.it:

“Anche chi non è obbligato può presentarla, così da fruire immediatamente di una serie di vantaggi, come ad esempio i rimborsi da 730”.

È stato appena menzionato il Modello 730. Insieme al Modello Redditi - quello che prima di chiamava Unico -, il Modello 730 è un modello dichiarativo. A seconda del tipo di contribuente si deve presentare il Modello Redditi PF oppure la dichiarazione 730.

Iniziamo a vedere chi sono i contribuenti che possono presentare il Modello 730!

Modello 730/2022. Chi può presentarlo?

La stagione dichiarativa del 2022 è partita e, adesso, si trova in un momento molto caldo. Infatti, il 23 maggio 2022 è finalmente disponibile il precompilato dall’Agenzia delle entrate, quest’anno in ritardo rispetto all’ordinaria tabella di marcia. 

Ciò ha causato un po’ di problemi ai professionisti che hanno dovuto riscrivere l’agenda degli impegni di questi mesi.

Se vuoi sapere qualche informazione in più sul 730 precompilato e sulle relative scadenze, si consiglia la lettura del seguente articolo su Trend Online: Il 730 precompilato slitta al 23 maggio! Ecco le scadenze!

Abbiamo anticipato che sono disponibili due modelli dichiarativi: il Modello Redditi Persone Fisiche e il Modello 730. Naturalmente, ci sono alcune distinzioni che bisogna fare. 

In generale, il Modello Redditi PF - ex Modello Unico - viene presentato maggiormente dai titolari di Partita Iva e dalle imprese. Al contrato, la dichiarazione 730 è nota perché è il modello utilizzato dai lavoratori dipendenti e dai pensionati.

Concentriamoci sul Modello 730. Chi può presentarlo nel 2022? Possono presentare il Modello 730, i contribuenti che hanno percepito, durante l'anno di imposta 2021:

  • Redditi da lavoro dipendente e assimilati;
  • Redditi derivanti da terreni e fabbricati;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi da lavoro autonomo senza Partita Iva;
  • Altri redditi e i redditi che sono assoggettabili alla tassazione separata.

Inoltre, come si legge sul sito pmi.it:

“Il 730 può essere presentato anche: dai contribuenti senza sostituto d’imposta ma con redditi da lavoro dipendente o assimilato; dagli eredi per il contribuente deceduto l’anno prima o entro il 30 settembre dell’anno in corso […]”.

Modello 730/2022: come si presenta? 

Vi sono diversi modi per presentare il Modello 730. Il Modello 730 può essere presentato telematicamente, utilizzando i servizi online disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate

Tuttavia, la dichiarazione può essere presentata anche in versione cartacea ad intermediari abilitati, i quali provvederanno all’invio del Modello 730 all’Agenzia delle entrate. A chi può essere presentata?

Il contribuente può chiedere l'assistenza fiscale al sostituto d’imposta, che può essere sia il datore di lavoro sia l’ente previdenziale, solo se, come si legge sul sito pmi.it:

“[…] questi ha comunicato di prestare assistenza fiscale per quell’anno”.

Si può presentare il 730 anche ad un Caf, un Patronato oppure ad un professionista come, per esempio, un commercialista o un consulente del lavoro, che provvederanno a presentare la dichiarazione per conto del contribuente.

Dobbiamo accennare anche alla dichiarazione precompilata. Come abbiamo già detto, quest'anno, è disponibile a partire dal 23 maggio. Cos'ha di particolare? Nella precompilata alcuni dati sono già inseriti dall'Agenzia delle entrate, ivi comprese alcune spese detraibili, come quelle sanitarie e quelle universitarie.

Come si accede alla propria dichiarazione precompilata? Sul sito dell'Agenzia delle entrate, si deve accedere alla propria area personale autenticandosi con le proprie credenziali Spid, Cie o Cns.

Dichiarazione dei redditi con il Modello redditi Persone Fisiche 2022!

L’altro modello dichiarativo è il Modello Redditi Persone Fisiche, una volta chiamato Modello Unico. Si tratta di un Modello utilizzato soprattutto dai contribuenti titolari di Partita Iva, ma non solo.

Quali sono le informazioni da sapere assolutamente sul Modello Redditi Persone Fisiche del 2022? Innanzitutto, si tratta di un modello dichiarativo che viene utilizzato dai lavoratori autonomi titolari di Partita Iva e dalle imprese per dichiarare i redditi percepiti durante il periodo di imposta precedente.

A differenza del Modello 730, il Modello Redditi Persone Fisiche è molto più articolato; infatti, è composto da tre fascicoli (Fascilo 1, Fascicolo 2 e Fascicolo 3). Per ogni fascicolo, sul sito dell’Agenzia delle entrate sono disponibili le istruzioni di compilazione.

Il Fascicolo 1 deve essere presentato per i percettori di redditi da lavoro dipendente, da pensioni e per chi ha redditi da fabbricati e terreni. Il Fascicolo 2 e il Fascicolo 3 devono essere presentati dai titolari di Partita Iva.

Chi è tenuto alla presentazione del Modello Redditi?

  • I contribuenti che hanno percepito redditi da lavoro autonomo, per i quali è richiesto il possesso della Partita Iva;

  • I contribuenti che hanno percepito redditi d’impresa;

  • I contribuenti tenuti alla presentazione della dichiarazione Iva, Irap e del 770;

  • I contribuenti che devono presentare la dichiarazione per conto di soggetti deceduti;

  • I contribuenti che non avevano la residenza in Italia, durante il precedente anno;

  • I contribuenti che hanno percepito plusvalenze o trust.

Oltre a questi sopra elencati, sono tenuti alla presentazione del Modello Redditi anche tutti i contribuenti che hanno percepito redditi diversi da quelli che si possono dichiarare utilizzando il Modello 730.

Quando scade il termine per presentare il Modello 730/2022?

Passiamo, infine, all’analisi dello scadenziario che, quest’anno, ha subito qualche modifica.

Quando si deve presentare il Modello 730? Sia il Modello 730 ordinario sia il 730 precompilato devono essere presentati entro il 30 settembre 2022.

Per fare una parentesi sul Modello Redditi Persone Fisiche, ricordiamo che la scadenza è diversa. È possibile presentare, infatti, il Modello Redditi PF entro il 30 novembre 2022. Facciamo presente che eventuali debiti derivanti dal Modello Redditi devono essere versati entro il 30 giugno, il saldo e il primo acconto, ed entro il 30 novembre il secondo e unico acconto.

Tornando al Modello 730, prima di inviarlo all’Agenzia delle entrate, il professionista, il centro Caf oppure il sostituto d’imposta deve consegnare una copia del dichiarativo al contribuente, oltre che il prospetto della liquidazione (Modello 730-2), nel quale devono essere indicati eventuali rimborsi e trattenute.

Quando deve avvenire la consegna? Ci sono diverse date da tenere a mente a seconda di quando è stata presentata la dichiarazione 730:

  • Per le dichiarazioni che sono state presentate entro il 31 maggio 2022, la consegna deve avvenire entro il 15 giugno 2022;

  • Per le dichiarazioni che sono state presentate dal 1° al 20 giugno 2022, la consegna deve avvenire entro il 23 luglio 2022;

  • Per le dichiarazioni che sono state presentate dal 21 giugno al 15 luglio 2022, la consegna deve avvenire entro il 23 luglio 2022;

  • Per le dichiarazioni che sono state presentate dal 16 luglio al 31 agosto 2022, la consegna deve avvenire entro il 15 settembre 2022;

  • Per le dichiarazioni che sono state presentate dal 1° al 30 settembre 2022, la consegna deve avvenire entro il 30 settembre 2022.

Ricordiamo, come si legge sul sito lavoroediritti.com che:

“Queste scadenze valgono sia per il 730 ordinario che per quello precompilato, ove sia il commercialista a presentarlo per il contribuente tramite delega”.