Prelevare al bancomat è un'operazione sicura e rapida, ma quando si parla di soldi bisogna sempre prestare la massima attenzione e non lasciare nulla al caso. Ad esempio sapevi che c’è un giorno della settimana in cui i prelievi sono più rischiosi? Non stiamo parlando delle operazioni di controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate ma delle possibili truffe sui conti corrente e della clonazione di carte e bancomat.

Recenti studi e statistiche hanno dimostrato che se prelevi verso la fine della settimana, prima del weekend, aumenta il rischio di frode. Ecco a cosa fare attenzione, specialmente se sei solito prelevare denaro contante in questo giorno della settimana.

Ecco in quale giorno non dovresti prelevare al bancomat e perché

Quando si ha bisogno di denaro contante è necessario recarsi allo sportello ATM della propria banca o di altre (pagando una specifica commissione) ed effettuare un prelievo. Niente di più semplice, ma non bisogna mai abbassare la guardia anche se si tratta di un gesto quotidiano. Secondo alcuni studi, ci sarebbe un giorno della settimana in cui è più facile cadere nella trappola dei truffatori: il venerdì. Non si tratta di una credenza o di una superstizione ma di un calcolo statistico; pare che la maggior parte delle operazioni bancarie sospette e delle clonazioni avvengano proprio in questo giorno.

Qual è il motivo? Il venerdì sembra essere il giorno preferito per furti e clonazioni per due ragioni:

  • in caso di truffe o malfunzionamenti della carta, il titolare del conto non ha la possibilità di rivolgersi immediatamente all'istituto bancario, chiuso dal pomeriggio di venerdì fino al lunedì successivo;
  • il numero di prelievi è maggiore perché molti correntisti vogliono avere denaro contante da spendere durante il weekend.

Quanto detto non significa che non si possa o non si debba prelevare denaro di venerdì, ma semplicemente che è richiesta da parte degli utenti una cautela maggiore del solito. Prima di inserire la carta è consigliato dare un'occhiata allo sportello ATM, verificare che non ci siano anomalie o manomissioni e coprire con la mano la tastiera mentre si digita il PIN.

Come evitare le truffe e la clonazione di carta di credito e bancomat

Truffatori e malintenzionato sono sempre in agguato; esistono però una serie di buone pratiche che ciascun risparmiatore dovrebbe conoscere per limitare i rischi. Per evitare che un truffatore cloni la carta di credito o debito e la utilizzi per i propri acquisti, si dovrebbe:

  • fare periodicamente l'estratto conto e allertare subito il proprio l'istituto bancario in caso di anomalie;
  • conservare il PIN in un luogo separato dalla propria carta di credito o debito e mai nel portafoglio (questo perché in caso di furto si consegnerebbe al ladro l’occorrente per rubare i soldi sul conto);
  • conservare gli scontrini dei prelievi;
  • coprire con la mano il codice PIN mentre lo si digita agli sportelli ATM;
  • verificare che non ci siano microtelecamere che inquadrano la tastiera dove si digita il codice personale.

La clonazione del bancomat è resa possibile per mezzo di un sistema chiamato “skimmer”, si tratta di una finta fessura montata sullo sportello ATM in cui il correntista ignaro inserisce la propria carta. All’interno della fessura i truffatori montano un lettore magnetico in grado di memorizzare i dati della carta e riprodurla. Al termine dell'operazione i malintenzionati avranno un doppione del bancomat con il quale pagare e prelevare soldi a proprio piacimento.

Chi ritiene di essere stato vittima di una simile frode deve allertare le autorità competenti il prima possibile; soltanto in questo modo sarà possibile bloccare le operazioni non autorizzate e recuperare le somme spese dai malintenzionati.

Per segnalare il fatto bisogna chiamare immediatamente la propria banca e chiedere di bloccare la carta di debito o credito (la stessa operazione può essere ultimata anche tramite l’App installata sul telefono o dalla home banking sul PC). In alternativa è a disposizione il numero unico nazionale della Centrale di allarme blocco carte ai seguenti numeri:

  • 800 822 056 per chiamate dall'Italia
  • +39 02 6084 3768 per chiamate dall’estero