Nuovi scaglioni Irpef nel 2022, ormai non è più una novità. Come funziona però per le Partite IVA in regime ordinario? Facciamo un po' d'ordine tra questo importante cambiamento e ciò che interessa ai titolari di Partita IVA, in questo momento in cui sono anche in arrivo continue indiscrezioni riguardanti questa categoria.

Sì perché effettivamente tra legge delega alla riforma fiscale e Legge di Bilancio (dell'anno in corso e del prossimo) non è così semplice tenere il filo delle novità in arrivo, a partire da chi è toccato da un certo cambiamento e chi invece può continuare a fare tutto come lo faceva prima.

La categoria dei forfettari è sicuramente quella più "ingombrante" in questo senso, perché è stata toccata da novità diritte ed indirette e resta al centro dell'attenzione e delle voci che corrono. Anche chi opera in regime ordinario ha però cambiato molto in questi mesi, a partire dagli scaglioni e le aliquote utilizzate per il pagamento delle tasse, esattamente le stesse dei lavoratori dipendenti.

A cambiare non sono state solo le aliquote, perché in realtà è in corso una vera e proprio revisione dell'Irpef, con cambiamenti che potrebbero riguardare tutti i cittadini. Parliamo infatti anche di ulteriori nuove aliquote (solo 3 secondo alcuni) e soprattutto di cambiare il sistema delle detrazioni.

Quest'ultima novità sarebbe responsabilità di quello che per tutti sarà il nuovo cashback fiscale, un'idea del Governo che sembra essere in arrivo e su cui Draghi ha scelto una linea dura. L'Esecutivo ritiene infatti che il cashback fiscale sia una novità assolutamente positiva e desiderabile per praticamente tutti i cittadini.

Vediamo allora tutte le novità degne di nota e proviamo a comprendere cosa potrebbe succedere nel corso del prossimo anno, in base a quanto previsto dalla futura Legge di Bilancio 2023.

Nuovi scaglioni Irpef: come funziona questa imposta?

Partiamo dalla novità principale, i nuovi scaglioni Irpef. Questa novità è molto importante anche per vedere come i cittadini reagiscono a questo cambiamento, ma per questo naturalmente è necessaria un po' di pazienza perché ci vorranno mesi perché arrivino i dati che dimostrino una tendenza, in un senso o nell'altro.

In ogni caso, l'Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) è la principale imposta a livello nazionale per i cittadini, per i privati, ed è calcolata secondo il principio previsto dalla Costituzione: ognuno deve contribuire secondo le proprie possibilità economiche.

Questo principio, nel concreto, è perseguito attraverso la progressività: ciò significa che tutti calcolano con la stessa aliquota i primi 15.000 euro di redditi, per fare un esempio, ma a scalare l'aliquota diventa più elevata per i redditi oltre determinate soglie.

Questo meccanismo è ormai oliato e ben chiaro alla maggior parte dei cittadini italiani, anche se a dire il vero non tutti sono a conoscenza di come pagano le tasse. Al netto di questo, ricordiamo anche che sono previste delle detrazioni che vanno ad abbassare la base imponibile su cui le imposte sono pagate, con l'obiettivo in teoria di favorire i ceti medi e medio-bassi.

Come detto, anche sul fronte detrazioni Irpef è tutto complicato dalla possibile riforma in arrivo: potrebbe essere previsto un nuovo cashback fiscale, ma nel caso al momento solo per le spese mediche. Anche su questo fronte, è necessario tenere lo sguardo sul prossimo futuro per essere aggiornati su tutte le novità.

Nuovi scaglioni Irpef: ecco le nuove aliquote!

Le nuove aliquote non sono altro che la messa in pratica degli obiettivi prefissati: tutela dei redditi bassi e medio-bassi e razionalizzazione del sistema, attraverso una profonda semplificazione che, a dire il vero, è appena iniziata. Ci tiene molto che ciò avvenga il premier, attualmente alle prese con il Coronavirus, ma grande sostenitore di un sistema più semplice, più efficiente e sempre più "europeo".

in ogni caso, le nuove aliquote sono le seguenti: 

  • fino a 15.000 euro, 23 per cento;
  •  oltre 15.000 euro e fino a 28.000 euro, 25 per cento;
  • oltre 28.000 euro e fino a 50.000 euro, 35 per cento;
  • oltre 50.000 euro, 43 per cento.

Aliquote che scendono leggermente nella fascia medio-bassa (da 27 a 25 e da 38 a 35) mentre aumenta per la fascia più elevata, da 41 a 43 per cento.

Ancor più evidente l'intenzione del Governo dopo aver visto queste cifre, che non lasciano praticamente spazio a dubbi. In ogni caso, l'intenzione sarebbe anche quella di andare verso un sistema ancor più semplice ed immediato, con solo tre aliquote.

Esse sarebbero al 23, 33 e 43 per cento, ma andrebbero ancora definiti i tetti di reddito. Una novità ancor più stravolgente rispetto a quella vista, ma che con ogni probabilità non sarà messa in pratica prima della discussione della Legge di Bilancio 2023. Anche in questo caso, staremo a vedere.

Nuovi scaglioni Irpef: cosa cambia in regime ordinario?

Chi opera in partita IVA in regime ordinario si ritrova quindi nuovi criteri per stabilire quante tasse deve pagare, in base naturalmente al suo reddito. Le aliquote sono quelle viste in precedenza e vanno a cambiare relativamente la situazione di ognuno, in base appunto all'ammontare del fatturato stesso.

In futuro potrebbe cambiare anche il metodo di pagamento di queste imposte, che potrebbe essere modificato da annuale (con gli acconti) a mensile. Anche questa novità è in discussione ed andrà vista attentamente, ma al momento non è niente più di una semplice indiscrezione.

Ricordiamo che con il regime ordinario ci sono numerosi obblighi da rispettare, molti più del regime agevolato, ma che naturalmente le imposte si pagano sul profitto che si matura in un anno e non sul fatturato moltiplicato per una percentuale prestabilita come invece accade per il regime agevolato, appunto.

Nuovi scaglioni Irpef e regime transitorio: attenzione alla legge delega!

La legge delega alla riforma fiscale potrebbe introdurre un'altra novità molto importante per il regime ordinario e forfettario dei soggetti in Partita IVA. Infatti, il Governo starebbe valutando un regime transitorio per chi si ritrova tra questi due regimi, nella terra di mezzo.

Chi supera il tetto di fatturato previsto, previsto a 65.000 euro, è tenuto a passare dalla contabilità e gli obblighi del forfettario (molto ridotti) a quelli del regime ordinario, ben più impegnativi. Il regime transitorio costituirebbe, come dice il termine stesso, un passaggio intermedio in teoria di due anni che renda lo stacco più semplice e naturale.

A quel punto, allora, i nuovi scaglioni Irpef ed in generale il pagamento della stessa non riguarderebbe tutti i soggetti che superano i 65.000 euro di fatturato, ma solo quelli che l'hanno superato da due anni (o che hanno sempre operato in regime ordinario).

Nuovi scaglioni Irpef e non solo: continua la lotta all'evasione!

Come spiegato, la legge delega sta cambiando le carte in tavola dal punto di vista fiscale e dei regimi delle Partite IVA, ma in generale siamo in una fase di cambiamento molto importante. Il suggerimento è quello di seguire l'andamento dell'approvazione della riforma fiscale e di comprendere a pieno come essa possa impattare su ognuno.

Nel complesso, il Governo sta lavorando per raggiungere gli obiettivi previsti anche dal PNRR e richiesti dall'Europa, esigente in ambito fiscale ed anche senso stretto per quanto riguarda l'evasione. Infatti, tutte le novità viste hanno un impatto anche sulla lotta all'evasione e sono pensate per rendere più semplice ed efficace il sistema di controllo dei contribuenti.

L'obiettivo sarebbe quello di ridurre l'evasione del 40% entro il 2026, ma si tratta di un livello non facilmente raggiungibile, soprattutto se si considera quanto radicata sia l'evasione nel nostro Paese.