Devi iscriverti a un concorso pubblico e tra i dati richiesti devi indicare un indirizzo mail PEC? Devi accedere ai servizi dell’INPS e scambiare informazioni con questo ufficio pubblico?

Se ti trovi in una di queste circostanze, probabilmente dovrai affrontare il problema ed attivare una PEC.

La PEC, posta elettronica certificata, è lo strumento digitale di scambio mail conosciuto da anni dalle imprese e liberi professionisti. Lo scambio ha una validità legale e ogni messaggio riporta indicazione di data e ora di invio e ricezione, come un timbro postale.

Per tali categorie il sistema di gestione di una PEC è ampiamente conosciuto e familiare. Rivolgiamo, dunque, l’attenzione a chi si trova alle prime armi e desidera comprendere come attivare una PEC facilmente. 

La PEC come una raccomandata A/R

L’invio di un messaggio tramite un indirizzo PEC equivale ad inviare una raccomandata A/R, solo nel caso in cui sia il mittente che il destinatario possiedano un indirizzo mail di posta certificata.

Sono diverse le ragioni per cui si preferisce inviare una PEC piuttosto che una raccomandata postale:

·      nessuna perdita di tempo e code agli uffici postali;

·      risparmio di costi (attivare una PEC comporta un canone annuale, ma non una spesa per singolo invio mail);

·      sicurezza dell’avvenuta consegna e integrità del contenuto.

Il meccanismo alla base di un invio di una mail PEC si suddivide in due step. Il primo passaggio è la creazione di una busta virtuale che è presa in carico dal gestore del mittente, per la quale si riceverà una conferma di accettazione con data e ora di invio. La fase conclusiva è la ricezione del messaggio da parte del destinatario, con conseguente conferma di consegna da parte dell’altro provider di gestione.

L’indicazione di data e ora di invio ha validità giuridica e non è oppugnabile da parte di terzi.

Come attivare una PEC

Se necessiti di attivare una PEC, ti basta cercare la migliore offerta di servizio da parte dei principali gestori di posta elettronica, che può essere differente in base a quelle che sono le singole esigenze.

L’offerta migliore, infatti, dipende dai servizi che più ti interessa ricevere, come la dimensione dello spazio di archiviazione, la ricezione delle notifiche via sms dell’arrivo di un nuovo messaggio di posta elettronica certificata e la dimensione dello spazio di archivio di sicurezza.

Alcuni gestori offrono dei servizi aggiuntivi come la lettura delle fatture elettroniche o la possibilità di scaricare un app mobile che consente di utilizzare il servizio di posta elettronica certificata da qualsiasi dispositivo.

Fatta la scelta del gestore, bisogna compilare il form con i dati anagrafici e scegliere il nome che compone la prima parte dell’indirizzo mail PEC.

Infine, la nota relativa al pagamento del servizio per attivare una PEC. Difficilmente troverai un servizio di posta elettronica gratuito, tuttavia alcuni gestori danno la possibilità di un periodo di prova iniziale senza alcun costo, per poi procedere alla sottoscrizione di un abbonamento annuale.

I costi per attivare una PEC sono, comunque, poco onerosi e alla portata di tutti.