Assicurazione per cani e gatti: è detraibile dalle tasse?

Cani e gatti fanno sempre più parte delle nostre famiglie e per tutelarli si possono assicurare. Vediamo se la polizza è detraibile dalle tasse.

Per moltissime persone i cani e gatti sono dei componenti imprescindibili del nucleo familiare. In tanti non potrebbero fare a meno della compagnia, della soddisfazione e dell’amore che questi animali possono regalare ai loro padroni. Tuttavia, prendersi cura dei nostri amici a quattro zampe può essere anche una grossa spesa e può essere conveniente, oltre che per tutelare la loro salute, la stipulazione di polizze assicurative che coprano le spese mediche e gli eventuali danni causati a cose o persone. Ma la spesa per questo tipo di assicurazione è detraibile della tasse? Scopriamolo insieme.

Assicurazione per cani e gatti: come funziona

Come una qualsiasi polizza, quella per cani e gatti prevede la stipulazione di un vero e proprio contratto assicurativo da parte del proprietario, il quale è anche il responsabile dell’animale. Tale contratto può anche prevedere un premio, che può essere pagato a cadenza mensile, trimestrale, semestrale o annuale. Il costo dell’assicurazione dipende dalle garanzie che si vogliono aggiungere al proprio piano di copertura. Influisce poi il tipo di animale (per quelli di razza il costo è maggiore), l’età, il luogo e l’essere considerati razze ritenute a rischio come più “pericolose”.

Cosa copre

L’assicurazione per gli animali domestici può coprire le eventuali spese veterinarie in caso di infortuni o malattie, compresi ricoveri in cliniche e interventi chirurgici. Si tratta di una tutela molto importante in quanto consente di risparmiare cifre notevoli su quella che spesso è la voce di spesa principale per i proprietari. La polizza consente poi di essere coperti nella responsabilità civile verso terzi, con la compagnia che dovrà risarcire i danni che il cane o gatto dovessero provocare a cose o persone. È il caso, ad esempio, di un cane che sfuggito al controllo del proprietario dovesse malauguratamente mordere qualcuno, danneggiare una proprietà o causare un incidente di qualsivoglia tipo.

Infine, qualora la si richiedesse l’assicurazione può fornire la tutela legale e, quindi, pagare l’assistenza legale. Questa potrebbe essere necessaria nell’ipotesi in cui l’assicurato venisse coinvolto in controversie legali o anche citato in giudizio per danni subiti a persone o case causati suo animale domestico.

Quando è obbligatoria

Di base la scelta di assicurare il proprio animale è del tutto facoltativa. Tuttavia, diventa obbligatoria nel caso in cui l’animale sia finito nella “lista nera”, ovvero il Registro dei cani dichiarati a rischio elevato di aggressività, perché hanno già aggredito qualcuno o perché il veterinario abbia inviato una segnalazione per aggressività alla ASL di riferimento. Come previsto dall’ articolo 3 comma 4 dell’ordinanza del 6 agosto 2013, in questo caso i proprietari hanno l’obbligo di sottoscrivere una polizza assicurativa.

Le detrazioni per le spese veterinarie

Purtroppo, le spese per l’assicurazione degli animali non rientrano tra quelle detraibili nel 730. La legge, infatti, prevede una detrazione fino al 19% solo per i premi pagati per l’assicurazione vita, infortunio e rischio di non autosufficienza delle persone, con un limite massimo che va da 530 a 1291,14 euro in base al tipo di polizza.

Non bisogna però disperarsi, perché nel 730 si possono comunque detrarre le spese veterinarie e risparmiare parecchio. Nel dettaglio, sono comprese:

  • Le visite veterinarie
  • Gli interventi chirurgici
  • Gli esami di controllo
  • Le spese sostenute per l’acquisto di farmaci veterinari

Nella dichiarazione dei redditi tali spese sono detraibili per una percentuale pari al 19%, ma solo se si supera la franchigia di 129,11 euro e con un limite massimo di 550 euro per il periodo di imposta. Inoltre, è bene ricordare che per ottenere le detrazioni per gli animali domestici i pagamenti devono essere tracciabili.

Leggi anche: Modello 730/2023, attenzione alle spese veterinarie: ecco le novità per la detrazione

Luigi Bussu
Luigi Bussu
Copywriter, classe 1991. Mi sono laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Sassari e per coronare il mio sogno ho ottenuto un master in Giornalismo all'Università di Bari, organizzato dall'Ordine della Puglia. Al momento collaboro con periodico d'inchiesta sardo, ma sono molto interessato anche a crescere e migliorarmi nella scrittura di articoli in ottica SEO. Dubbioso e curioso, provo a farmi strada nel mondo del giornalismo e della comunicazione tenendo come punto di riferimento il dare un servizio ai lettori. Mi piace lavorare di squadra senza lasciare mai indietro nessuno e fare le cose nel miglior modo possibile.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
776FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate