Quello dei prestiti è un meccanismo ormai assodato da tempo. Per compiere determinati acquisti è impossibile immaginare di farli senza ricorrere al prestito. Inoltre oggi più che mai, si sta utilizzando lo strumento del web per richiedere prestiti online senza dover necessariamente recarsi in banca. Ma quanto sono affidabili? Le truffe ahimè, sono spesso dietro l'angolo e riconoscerle non è sempre semplice. Vediamo intanto come funziona il prestito online e tutto ciò che c'è da sapere.

Prestiti online come funzionano?

Innanzi tutto diciamo subito che è uno strumento accessibile a tutti: il prestito può essere richiesto da chiunque abbia compiuto i 18 anni d'età e che dimostri di avere "merito creditizio". Cosa significa? 

"Il merito creditizio rappresenta la nostra affidabilità economica e finanziaria, ed è fondamentale per ottenere le giuste condizioni in un prestito. Il meccanismo è semplice: minore è il nostro livello di merito creditizio, maggiore sarà il costo del prestito che ci viene erogato".

Il prestito in se quindi non è altro che una somma di denaro, un finanziamento che una banca o più in generale un istituto creditizio concede ad un privato. Il prestito può essere finalizzato o personale:

  • - È finalizzato quando la somma erogata è appunto finalizzata all'acquisto di un determinato bene o servizio, viene infatti erogato direttamente al punto vendita o venditore alla quale è connesso l'acquisto.
  • - È personale quando invece non ha nessun vincolo legato all'acquisto ma chi lo richiede soddisfa sue generiche esigenze di liquidità. Magari per affrontare spese improvvise.

Prestiti online: differenza tra prestito e mutuo 

Sono, come si sa, entrambi due strumenti finanziari che concedono di avere liquidità immediata per effettuare acquisti costosi, ma a differenza del prestito, il mutuo viene concesso in relazione all'acquisto di un immobile. Inoltre non ha a garanzia un bene immobile come il mutuo e per questo le cifre concesse in prestito sono sempre inferiori ai 30 mila euro. Money.it ci spiega:

"dato l’alto rischio per l’istituto di credito di concedere finanziamenti senza un bene ipotecato, spesso vengono richieste altre garanzie, come la firma di un fideiussore".

Dunque, anche se la garanzia non risiede in un immobile, viene comunque richiesta tramite l'istituto della fideiussione. 

Prestiti online: da non confondere con la cessione del quinto

Anche questo strumento è molto famoso e stra utilizzato in Italia, anche dai pensionati. Parliamo della cessione del quinto che appunto non deve essere confusa con il prestito in quanto, anche se simili, hanno caratteristiche e funzionamento diversi. Sostatariffe.it ci spiega di cosa si tratta:

"Questa tipologia di prestito prevede l’erogazione di una certa somma con le successive rate mensili che verranno detratte dallo stipendio o dalla pensione. L’importo di questa tipologia di prestito non può superare il quinto del valore netto dello stipendio o della pensione."

Dopo aver capito come funziona il prestito capiamo come posso proteggermi dal cavillo con le banche: l'assicurazione. Prima però vediamo in questo video Youtube di Roberto Pesce che si occupa di educazione finanziaria, come funziona il meccanismo dei prestiti online.

Prestiti online: protezione dall'insolvenza tramite l'assicurazione

Quando si richiede un prestito (e cosi anche un mutuo o una cessione del quinto) si è consapevoli che per un certo tot. di anni - pattuiti con la banca- e per una certa cifra mensile - o bimestrale, semestrale, annuale anche questo deciso in sede di contrattazione con la banca- si avrà un impegno con l'istituto creditizio al quale mi sono rivolto. La durata del prestito infatti:

"indica il periodo di rimborso sulla base di un piano di ammortamento accordato dall’istituto di credito." 

e allo stesso modo la consistenza delle rate:

"varia in base alle esigenze e alla capacità di rimborso del richiedente."

Non va trascurata comunque la possibilità del verificarsi di situazioni imprevedibili che inducono all'insolvenza. In tali situazioni è bene aver sottoscritto preventivamente un'assicurazione:

"L'assicurazione protegge da situazioni spiacevoli della vita che possono impossibilitare il pagamento delle restanti rate dei prestiti."

Ma quali sono le situazioni spiacevoli riconosciute? Di solito l'assicurazione si attiva quando si incorre nella perdita del lavoro, o grave malattia (sia invalidante che non) invalidità permanente causata anche da infortunio (come cadute o incidenti stradali) e morte. 

Prestiti online: come funziona la ricerca del prestito online?

Innanzi tutto sono in tanti a ricorrere allo strumento del web per richiederei prestiti. Il primo motivo è che , prima di prendere un impegno con un istituto creditizio piuttosto che con un altro, nel web si possono fare  numerosi confronti. Il sito di prestitionline.it ci spiega infatti che uno dei vantaggi sta nel fatto che:

"le offerte sono numerose, più facilmente comparabili e hanno tempi di erogazione più brevi."

e già di per se questo potrebbe non essere un vantaggio da poco. Questa velocità nei temi di erogazione però viene spesso soppiantata dalla mancanza di garanzie che invece gli istituti bancari offrono. Inoltre si ha a che fare con società più o meno certificate e quindi sotto un certo punto di vista è come un salto nel vuoto.

Prestiti online: il rischio delle truffa è reale oppure no?

Il sito di studiocommercialeonline.it ci da una visione chiara sul come funzionano queste società online e consiglia:

"Le truffe non sono all’ordine del giorno,  ma non mancano di verificarsi; bisogna porre molta attenzione e valutare bene con chi si ha a che fare prima di firmare documenti e contratti."

Questo anche perché a quanto pare, queste società prediligono, a differenza delle banche e dei classici istituiti creditizi tutti coloro che da queste vengono rifiutati: cosi disoccupati e cattivi pagatori diventano il centro della loro attività di cessione del prestito sulla quale viene anche sviluppata la sponsorizzazione online della società stessa. Inoltre il giornaledifinanza.it ci spiega che le truffe possono avvenire anche per scopi non inerenti al denaro:

"I truffatori a volte offrono false richieste di prestiti personali per impossessarsi delle tue informazioni personali, che usano per rubare la tua identità"

Quindi ciò che interessa sono i dati e le informazioni sensibili. Ma spesso si incorre anche in quella che viene comunemente chiamata "truffa con pagamento anticipato" proprio perché viene richiesto il pagamento in anticipo di una commissione che servirà per far partire il prestito. In ogni caso bisogna ricordare che:

  • - non versare MAI nessun anticipo in contanti per l'apertura del prestito;
  • - fare attenzione ai tassi imposti sul prestito.

Prestiti online: quali sono invece i pro?

Finora abbiamo parlato della possibilità di incorrere in truffe che comunque pare non essere poi cosi facile. Ma vediamo anche quali sono i pro, anche perché, se hanno riscosso tutto questo successo un motivo ci sarà. Vediamo quali sono i vantaggi del prestito online. Il sito inpdap-prestiti.it ci spiega che la sicurezza di questi servizi risiede:

"è infatti possibile visionare l’informativa e, in alcuni casi, simulare un preventivo inserendo informazioni sulla cifra che si ha intenzione di richiedere e sulla rata mensile più sostenibile per le proprie finanze".

E in questo modo chi richiede il prestito sa già quali sono le dinamiche alle quali andrà incontro stipulando un contratto di prestito con tale società. C'è anche da dire che erroneamente, quando si parla di prestiti online, molti si immagino solo società sconosciute senza pensare invece che si tratta di 

"società finanziarie e istituti di credito che, sui siti web ufficiali, mettono in primo piano tutti i dettagli e le condizioni di rimborso."

Sono quindi spesso istituti ufficiali quali ad esempio:

  • - Agos Ducato S.p.A
  • - Fiditalia S.p.A.
  • - Findomestic Banca S.p.A.
  • - Compass S.p.A.
  • - BNL
  • - PRESTITEMPO del Gruppo Deutsche Bank.

E come queste altre ancora. Ci capita spessissimo di vedere anche alla televisione spot pubblicitari che esortano a visitare i siti ufficiali e da li è facile procedere con le stipule del prestito. Un ulteriore controllo che viene fatto quello legato all'analisi dettagliata dei documenti:

"viene svolto un controllo praticamente immediato della documentazione caricata dal cliente che, in meno di 48 ore, può avere una risposta affermativa o negativa sulla fattibilità della sua richiesta." 

Prestiti online: come richiederlo? Ecco tutti i passaggi necessari

Perché la richiesta vada a buon fine sarà necessario svolgere una serie di azioni: la prima cosa da fare è essere certi del perché della richiesta del prestito:

"a seconda del motivo di richiesta del prestito ne derivano diverse opportunità"

In secondo luogo bisogna dare uno sguardo alle garanzie perché a seconda della cifra richiesta anche le garanzie richieste possono variare. Infatti può essere sufficiente una busta paga oppure potrebbe risultare necessaria un ipoteca su un immobile. 

A questo punto si può procedere con l'avvio della richiesta. 

Prestiti online: le ultime riflessioni del caso

Abbiamo visto come può capitare di inciampare in qualche intralcio detto truffa ma anche di come si può godere di tutta una serie di vantaggi 

"il prestito online come tutte le cose, ha i suoi pro e i suoi contro".

Ovviamente non esiste un parare unanime riguardo la convenienza del suo utilizzo rispetto al rivolgersi ad un istituto bancario e recarsi fisicamente sul posto. Tutto dipende dalle necessità del singolo. L'unica cosa di cui siamo certi è che un'accurata lettura di tutti i documenti in questione è un'attività necessaria per saperne di più e per arrivare preparati al momento delle trattative di prestito.