L’inizio del mese di agosto vedrà una relativa calma per quanto riguarda le scadenze fiscali. Infatti, la maggior parte degli adempimenti dovrà essere pagata dalla metà del mese.

È questo l’effetto della proroga delle scadenze fiscali di agosto, che ha fatto slittare le scadenze dal 1° al 20 agosto. 

Tuttavia, in seguito alla pubblicazione in Gazzetta della Legge di conversione del Decreto Sostegni bis, vi sono due rate da dover pagare. Facciamo riferimento alla rottamazione ter ed al saldo e stralcio delle cartelle.

Infatti, secondo quanto sancito dalla legge, questi due adempimenti dovranno essere pagati entro il 2 agosto 2021. Nonostante ciò sarà previsto un periodo di tolleranza pari a 5 giorni. 

Successivamente, si ripresenteranno, verso la fine di agosto, gli adempimenti legati alle imposte sui redditi. In questo dovranno pagare il 20 agosto 2021 coloro che sono stati esclusi dalla proroga fino al 15 settembre. 

Ma non è finita qui. Lo stesso avverrà per la comunicazione delle spese sanitarie e di quelle transfrontaliere.

Vediamo nel dettaglio il calendario delle scadenze fiscali di agosto 2021. In questo modo potrai segnarti gli appuntamenti fiscali più importanti e non arrivare impreparato. 

Scadenze fiscali 2 agosto: rottamazione ter e saldo e stralcio

Il mese di agosto si apre con la cosiddetta pace fiscale. Infatti, è stata data ai contribuenti la possibilità di dilazionare alcuni pagamenti senza incorrere in pesanti interessi. 

In base a quanto sancito dal decreto Sostegni bis il 2 agosto sarà necessario pagare le rate di rottamazione ter e il saldo e stralcio delle cartelle

Andiamo maggiormente nel dettaglio:

  • Per rata di rottamazione ter, intendiamo quella rata che doveva, in origine, essere pagata entro il 28 febbraio 2020;
  • Invece, la rata del saldo e stralcio, doveva essere versata, in origine, entro il 31 marzo dello scorso anno.

Inoltre, come affermato in precedenza, vi sarà un termine di tolleranza pari a giorni 5. infatti, si potranno versare le rate relative al saldo e stralcio e alla rottamazione ter entro, e non oltre, il 9 agosto 2021. 

Al fine di effettuare il pagamento, il contribuente dovrà utilizzare gli appositi bollettini di cui dovrebbe essere già in possesso, oppure potrà richiederli nuovamente nel sito dell’Agenzia delle Entrate.

Scadenze fiscali agosto 2021: slittamento dal 1° al 20 agosto

Gli adempimenti che dovevano essere versati entro il 1° agosto 2021 sono slittati al 20 agosto dello stesso anno. Inoltre, non saranno previste maggiorazioni dell’importo dovuto.

Dunque, secondo il DL 223/2006, le scadenze del mese di agosto dovranno essere concentrate nell’ultima parte del mese

Ma quali saranno gli appuntamenti da dover ricordare? 

Il primo di essi riguarda i versamenti che derivano dalla dichiarazione dei redditi del 2021

Infatti, entro la data del 20 agosto 2021 dovranno essere pagate le rate di IRPEF, IRES e IRAP. Il pagamento dovrà essere effettuato da tutti coloro che non hanno ottenuto la proroga al 15 settembre 2021

Questa proroga è stata sancita dal decreto Sostegni bis e riguarda tutti i titolari di Partita IVA soggetti ISA e i forfettari.

Dunque, per coloro che dovranno saldare le imposte sopracitate il 20 agosto, ricordiamo:

Prima di tutto bisognerà versare la seconda rata dell’imposta sui redditi. Essa sarà obbligatoria da saldare entro il 20 agosto per coloro che non sono titolari di partita IVA e sono dunque esclusi dalla proroga. Parliamo quindi di quei soggetti che hanno versato la prima somma dovuta entro il 30 giugno 2021. 

Inoltre, dovranno versare l’importo dovuto per le imposte sui redditi anche i titolari di partita IVA che sono stati esclusi dalla proroga. Questa categoria di contribuenti ha versato la prima parte dovuta per le imposte sui redditi entro il 30 luglio 2021 con un importo maggiorato dello 0,40%.

Infine, per tutti i titolari di partita IVA esclusi dalla proroga e che hanno effettuato il primo versamento entro, e non oltre, il 30 giugno 2021, ci sarà l’appuntamento con la terza rata delle imposte sui redditi.

Scadenze fiscali agosto: prorogata la comunicazione delle spese sanitarie

Per quanto riguarda le altre scadenze fiscali del mese di agosto, vi sarebbe la comunicazione delle spese sanitarie. Tuttavia, dopo una prima proroga fino al 20 agosto, abbiamo assistito ad una seconda proroga. Infatti, attualmente la scadenza risulta essere slittata alla data del 30 settembre 2021.

In origine, la scadenza per la comunicazione delle spese sanitarie era fissata al 31 luglio 2021. Il termine era dunque slittato al 20 agosto 2021. 

Tuttavia, il Governo, ha deciso di spostare nuovamente questa scadenza fiscale da agosto a settembre. Infatti, l’appuntamento con la comunicazione delle spese sanitarie è stato spostato al 30 settembre. Dunque, la comunicazione successiva si terrà il 31 gennaio 2022.

Comunicazione delle operazioni transfrontaliere: scadenze fiscali agosto 2021

Un’ulteriore scadenza fiscale da ricordare nel mese di agosto è quella legata alle comunicazioni delle operazioni transfrontaliere. Infatti, l’esterometro dovrà essere comunicato entro, e non oltre, la data del 20 agosto 2021. 

Questo adempimento riguarda tutti i soggetti che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi soggette a IVA nei confronti di altri soggetti situati al di fuori dello Stato italiano. La comunicazione che dovrà essere effettuata riguarda le attività svolte nel secondo trimestre del 2021. 

Ricordiamo inoltre che la comunicazione dell’esterometro risulta essere facoltativa per tutti coloro che hanno emesso una bolletta doganale o una fattura elettronica. 

Ma come inviare la comunicazione relativa alle operazioni transfrontaliere? 

Questa comunicazione andrà inoltrata entro, e non oltre, il 20 agosto 2021 in via telematica. Per ulteriori informazioni puoi consultare la sezione dedicata sul portale dell’Agenzia delle Entrate

Scadenze fiscali agosto: arriva l’esonero dal canone RAI

Le date da segnare sul calendario relative alle scadenze fiscali di agosto 2021 non sono ancora finite. 

Infatti, slitta al 20 agosto anche l’inoltro della domanda relativa all’esonero dal versamento del canone RAI. L’invio della domanda era previsto in precedenza entro il 31 luglio dello stesso anno.

La proroga è stata concessa a favore di quei soggetti di età pari o superiore a 75 anni che sono intenzionati a fare richiesta per l’esonero dal canone RAI. 

Tuttavia, vi sono dei requisiti da rispettare per poter accedere all’esenzione del pagamento:

  • Il reddito del contribuente non deve superare gli 8.000 euro;
  • Il contribuente deve aver compiuto 75 anni entro la data del 31 luglio 2021. 

Ma come funziona l’esonero dal canone RAI?

Per coloro che rispetteranno i requisiti richiesti ed invieranno la domanda relativa all’esonero, esso partirà dal secondo semestre 2021. Invece, per quanto riguarda il 2022 rimarrà per l’intero anno

Come compilare la domanda?

Bisognerà compilare il modulo di autodichiarazione ed effettuare una copia del proprio documento di identità. 

La documentazione richiesta dovrà essere inviata all’Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate

Se la documentazione verrà inviata tramite posta, l’ufficio a cui dovrà essere indirizzata sarà quello di Torino. 

IRPEF, IVA e INPS: le scadenze fiscali di agosto 2021

Sebbene siano concentrate nell’ultima parte di agosto, le scadenze fiscali non mancano. Infatti, per tutti i titolari di Partita IVA entro il 20 agosto ci saranno le scadenze fiscali relative a IVA, IRPEF e INPS

Entrando più nel dettaglio, il termine del 20 agosto sarà dedicato al pagamento degli F24 relativi a:

  • Pagamento dei contributi INPS;
  • Versamento delle ritenute IRPEF.

Inoltre, il termine del 20 agosto riguarda anche il versamento dell’IVA. Tuttavia, in questo caso vi è una differenza tra contribuenti mensili e trimestrali.

Infatti, nel caso dei contribuenti mensili bisognerà indicare all’interno del modello F24 il codice tributo 6007. 

Invece, il codice cambia per i contribuenti trimestrali. Infatti, in questo secondo caso sarà necessario utilizzare il codice tributo 6032.

25 agosto scadenze fiscali: elenchi Instrastat

La penultima tra le scadenze fiscali relative al mese di agosto 2021 riguarda l’invio degli elenchi Instrastat

Ma cosa sono gli elenchi Instrastat? Secondo la definizione di archiviagroup.it essi sono:

Delle dichiarazioni che servono a riportare le operazioni intracomunitarie di vendita e acquisto effettuate da un titolare di partita IVA in un dato lasso di tempo.

Ovviamente, l’invio di tali elenchi dovrà essere effettuato in via telematica. Inoltre, gli elenchi Instrastat dovranno essere inviati a:

Ultime scadenze agosto 2021: il 31 agosto

Le scadenze fiscali di agosto terminano proprio l’ultimo giorno del mese. Infatti, il 31 agosto vi è il termine per il versamento delle rate relative alle imposte sui redditi. In questo caso, i contribuenti chiamati a pagare tali rate sono quelli non titolari di partita IVA. 

Questa scadenza riguarda tutti coloro che hanno optato per la rateizzazione del debito.

Entro, e non oltre, il giorno 31 agosto 2021 coloro che non possiedono una partita IVA dovranno versare la rata IRPEF ed eventualmente le addizionali emerse dal 730. 

Infine, sempre il 31 agosto ci sarà la scadenza del versamento della cedolare secca

Coloro che dovranno ricordarsi di questo adempimento sono i locatori. Questi soggetti dovranno versare la terza rata, che prima era prevista per il 2020 e la prima rata del 2021. 

Inoltre, l'importo da versare sarà maggiorato dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo e dello 0,33% di interesse applicato

Ovviamente, tale adempimento non riguarda i soggetti per i quali è prevista la proroga. Dunque, non sono inclusi nel pagamento al 31 agosto i titolari di Partita IVA ISA e i forfettari. 

Per quanto riguarda la modalità di pagamento, il Modello F24 dovrà essere inviato in via telematica oppure tramite gli intermediari abilitati.

Invece, coloro che non sono in possesso di Partita IVA potranno presentare il modello anche attraverso le Banche, Poste Italiane o attraverso un intermediario abilitato.