L'oro attraversa anche lunghi periodi di prosperità o depressione come avviene per molte materie prime. Prendiamo ad esempio il Grafico 1. Dal 1973 in poi si sono registrati circa sette grandi boom dell’oro. Tuttavia, questo metallo prezioso ha vissuto questo tipo di rapida ascesa circa il 18% delle volte. (4) Confrontate questa piccola percentuale con le azioni, che in periodi mobili di 12 mesi, nello stesso lasso di tempo, sono salite nel 77% delle volte. (5) Per non parlare del fatto che quando l'oro crolla, sono crolli estenuanti. Dopo un picco alla fine degli anni '70 e inizio anni ‘80, l’oro è crollato drasticamente e ci sono voluti 25 anni per tornare ai livelli precedenti. In quel periodo, l’indice MSCI World è salito del 2063%, con un costo d’opportunità potenzialmente enorme per chi investe nell'oro. (6) Sareste in grado di sopportare una performance scarsa così a lungo?

Grafico 1: L’oro subisce più cali che picchi

Fonte: FactSet, al 08/01/2019. Prezzo spot dell’oro, mensile, 30/11/1973 – 31/12/2018. Le eventuali fluttuazioni di cambio tra dollaro USA ed euro possono portare a rendimenti maggiori o inferiori.

Per investire nell'oro occorre calcolare quasi perfettamente i tempi del mercato

Per investire con successo nell’oro occorre avere la capacità di cronometrare perfettamente le tempistiche di mercato altrimenti, a prescindere dal paese della valuta, potreste dover accettare e sopportare lunghi periodi di perdite con l’oro. I prezzi dell’oro possono ristagnare o calare pesantemente per anni, a volte decenni. Quindi, invece di chiedersi se l’oro è un buon investimento, chiedetevi quanto siete bravi a valutare i tempi del mercato. Sono in pochi ad essere in grado di determinare i tempi corretti dell’oro. Voi siete capaci?