Mentre le circostanze specifiche e i dettagli sono diversi per ciascun mercato azionario ribassista (con un calo trainato dai fondamentali superiore a -20% rispetto a un massimo precedente), riteniamo che molte volte, e anche attualmente, vi siano certi punti in comune. Tra questi, riteniamo importante l'evoluzione del sentiment in una fase di calo del mercato. Le dimensioni, le cause e le durate variano, il che potrebbe far sembrare sconcertanti i mercati ribassisti. La nostra esperienza, tuttavia, ci insegna che la reazione emotiva della gente a un mercato ribassista è sempre la stessa.

Per i mercati rialzisti, ovvero i periodi di rialzo generale dei prezzi azionari, riteniamo che la descrizione migliore del sentiment sia quella fornita dalla leggenda degli investimenti, Sir John Templeton: “I mercati rialzisti nascono nei momenti di pessimismo, crescono circondati da scetticismo, maturano in fase di ottimismo e muoiono nell’euforia”. Tuttavia, ciò vi accompagna durante il sentiment del mercato solo quando tendono al rialzo. Per l'altra faccia della medaglia della citazione di Templeton, Ken Fisher, presidente esecutivo e co-amministratore delegato di Fisher Investments, oltre che fondatore di Fisher Investments internazionale, ha riformulato la descrizione di Templeton: “I mercati ribassisti nascono nei momenti di euforia, crescono quando l'economia arranca, maturano in fase di recessione e muoiono nel panico”. Ciò mostra in generale lo sviluppo dei mercati ribassisti, che abitualmente sono seguiti rapidamente da un periodo di contrazione economica su ampia base (una recessione).

Il mercato ribassista del 2020, però, non ha seguito questo copione all'inizio. È giusto dire che, secondo noi, il sentiment non era universalmente euforico al momento del picco del mercato azionario mondiale di febbraio. Lo ZEW, l'indice del sentiment per le azioni dell'eurozona, a febbraio era moderatamente positivo, a 21,6 (sopra lo zero è positivo), ma ben lontano dal massimo record di 79,4 nel 2000 (1). Negli Stati Uniti, più del 41% degli investitori erano rialzisti, secondo il sondaggio dell'American Association of Individual Investors, una cifra appena superiore alla media dal 1987 (2). Inoltre, l'economia questa volta non ha cominciato a contrarsi gradualmente; la produzione si è bloccata improvvisamente con la chiusura delle attività in risposta al COVID-19, che ha fermato la crescita.

La rapidità senza precedenti del mercato ribassista, a nostro avviso, ha compresso il ciclo del sentiment. Il picco dell'indice MSCI World è stato raggiunto il 19 febbraio, un paio di settimane prima che iniziassero le chiusure in Europa (3). Allora la realtà sembrava ancora rosea a noi e a molti osservatori che seguiamo. A fine gennaio, l'International Monetary Fund’s World Economic Outlook proiettava un'accelerazione della crescita mondiale al 3,3% nel 2020 (4). Il sentiment potrebbe essere stato ottimista, ma a noi sembrava giustificato e razionale. Se non vi fossero state la diffusione mondiale del COVID-19 e le interruzioni associate dell'attività, quell'ottimismo avrebbe potuto eventualmente trasformarsi in euforia. Tuttavia, riteniamo che la risposta istituzionale che ha inaspettatamente chiuso le attività in tutto il mondo abbia troncato prematuramente il ciclo di progresso del sentiment. La diffusione crescente dell'epidemia in Corea del Sud, in Italia e in Iran ha portato a un allarme crescente. Il primo caso è stato annunciato in Italia il 20 febbraio. Tuttavia un confinamento totale non è stato introdotto fino al 10 marzo. Le chiusure delle attività, per settimane se non per mesi, hanno cancellato qualsiasi speranza che l'attività economica potesse evitare un serio collasso.

Dai primi dati in arrivo, una recessione mondiale appare sempre più probabile. Anche se riteniamo che i dati della disoccupazione siano un indicatore ritardato, 17 milioni di americani hanno presentato la domanda per il sussidio di disoccupazione nelle ultime tre settimane di marzo (5). Nella serie storica di 53 anni non vi era mai stata una settimana con più di 700.000 domande (6). L'indice composito dei direttori degli acquisti dell'eurozona (PMI), che raggruppa attività manifatturiera e servizi, è crollato a 29,7 a marzo, decisamente sotto il livello 50, che indica una contrazione, rappresentando il crollo più forte in un singolo mese della storia (7). Per tutto il mondo, il PMI composito mondiale a marzo è sceso a 39,4, il livello più basso da 11 anni a questa parte (8).

A giudicare dalle pubblicazioni finanziarie che seguiamo regolarmente, una recessione dovrebbe essere una sorpresa per pochi, considerando che il sentiment sembra riflettere la maturazione del mercato ribassista. Le proiezioni delle società finanziarie più importanti prevedono nel secondo trimestre forti crolli del prodotto interno lordo (PIL, una misura governativa della produzione economica) per la maggior parte delle economie più importanti. All'inizio di aprile l'FMI ha avvertito che il PIL potrebbe scendere più di quanto avvenuto durante la recessione che aveva accompagnato la crisi finanziaria globale del 2008. I confronti pubblicati nella stampa vanno oltre. Vediamo molti titoli che suggeriscono che siamo sull'orlo di un'altra Grande depressione, la maggiore contrazione economica mai registrata nella storia. Vediamo molti esperti sostenere che la ripresa, quando arriverà, sarà accompagnata da un tasso di disoccupazione elevato, fallimenti di imprese e aumento del debito statale. L'umore ci sembra piuttosto improntato al panico.

Non è chiaro se il sentiment attuale segni la fine del periodo ribassista. Riteniamo che sarà chiaro solo in retrospettiva, ma il timore e il panico ai quali stiamo assistendo attualmente non sono insoliti. Secondo noi, i mercati, che scontano efficacemente informazioni ampiamente note, riflettono verosimilmente tale panico. Una realtà che non vi corrisponda o lo superi dovrebbe sorprendere positivamente gli investitori. È per questo che, come aveva detto Templeton, "i mercati rialzisti nascono nei momenti di pessimismo".

Mentre il mercato ribassista attuale è senza precedenti nella sua sconcertante rapidità, il passaggio del sentiment a un panico apparente suggerisce che possa progredire rapidamente verso una conclusione. Il sentiment è imprevedibile e può sempre peggiorare, ma, a nostro avviso, quanto più preme al ribasso per le attese di possibili risultati, tanto più è facile che la realtà sorprenda positivamente.

Fisher Investments Italia è la denominazione commerciale utilizzata dalla succursale di Fisher Investments Ireland Limited operante in Italia (“Fisher Investments Italia”). Fisher Investments Italia è iscritta con il n° 182 nell'“Elenco delle Imprese di Investimento autorizzate in altri Stati UE con succursale in Italia”, tenuto dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (“Consob”), e al Registro delle Imprese di Parma (numero di iscrizione e codice fiscale: 97838750152; partita IVA: 02903080345; numero REA: PR-276048).

Il presente documento contiene le opinioni generali di Fisher Investments Italia e Fisher Investments Europe e non deve essere considerato alla stregua di una consulenza personalizzata in materia di investimento o di natura fiscale, né tantomeno come un riflesso delle performance dei clienti. Non è possibile garantire che Fisher Investments Italia o Fisher Investments Europe manterrà queste opinioni, che potrebbero cambiare in qualsiasi momento in base a nuove informazioni, analisi o riconsiderazioni. Nulla nel presente deve essere inteso come una raccomandazione o una previsione delle condizioni di mercato. Al contrario, è da intendersi come l’illustrazione di una tesi. Le condizioni di mercato attuali e quelle future potrebbero presentare numerose differenze rispetto a quelle qui illustrate. Inoltre, non si forniscono garanzie in merito all'accuratezza delle ipotesi formulate negli esempi qui presenti. L’investimento nei mercati finanziari comporta il rischio di perdita e non è possibile garantire il rimborso totale o parziale del capitale investito. Le performance passate non sono una garanzia né un indicatore affidabile di performance future. Il valore degli investimenti e i relativi rendimenti sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati finanziari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.

_

Note

  1. Fonte: FactSet, dati al 09/04/2020. ZEW del sentiment del mercato azionario per l'eurozona, dati ad agosto 2000 e febbraio 2020.
  2. Ibid. AII Sentiment Survey Bullish Percent, weekly, 17/1/1987 – 3/4/2020.
  3. Ibid. Indice MSCI World con dividendi netti in euro, 19/02/2020.
  4. World Economic Outlook, IMF, dati al 20/1/2020.
  5. Fonte: Federal Reserve Bank of St. Louis, dati al 09/04/2020. Domande di disoccupazione settimanali iniziali, 7/1/1967 – 4/4/2020
  6. Ibid.
  7. Fonte: IHS Markit, dati al 3/4/2020. PMI composito dell'eurozona, marzo 2020.
  8. Ibid. PMI composito mondiale, marzo 2020.