Un mare del colore dello zaffiro, tra antiche città fortificate e paesaggi da favola. La Croazia è una delle mete più affascinanti che si possano scegliere per le vacanze, con splendide coste punteggiate di isole e un patrimonio architettonico essenzialmente invidiabile.

Un altro motivo che rende speciale la Croazia è certamente la sua cultura della tavola, con prodotti terra-mare che generano piatti tipici da non perdere e assaggiare assolutamente. La Croazia è infatti la principessa enogastronomica del Mediterraneo. Unisce la ricchezza della cucina mitteleuropea con quella mediterranea e orientale, basandosi su ingredienti eccezionalmente genuini e sani. Ecco che cosa mangiare in Croazia, a tutti i costi.

I 10 piatti tipici della cucina croata

Škampi na buzaru

Come avrete intuito dal nome, si tratta di crostacei. E precisamente di scampi stufati in un sugo di pomodoro arricchito da aglio, vino bianco e pangrattato. Una ricetta semplicissima ma di qualità: sentite il profumo?

Brodet

Siete in Croazia e vi piace il pesce? Assaggiate il brodet, una zuppa di pesce (orata, merluzzo, branzino ma anche crostacei e molluschi, o comunque tutto quello che si pesca in giornata). Ingrediente immancabile è la cipolla per il soffritto, a cui vengono aggiunti anche spezie, vino e, udite udite, perfino una spruzzata di acqua di mare. Viene accompagnato con la polenta.

Crnirižot

Un classicissimo risotto al nero di seppia che in Croazia troverete praticamente in ogni locale. Probabilmente non c’è bisogno di dirlo, ma si presenta nero e, parlando di ingredienti, potrebbe essere arricchito con altri frutti di mare come le vongole oppure le cozze che in questa terra non mancano assolutamente.

Fuži

In una tradizione spiccatamente mediterranea non può mancare la pasta: i fuži somigliano a delle penne, ma in realtà sono un formato di pasta all’uovo tipicamente croato tutto da assaggiare. Si adattano a essere presentate con moltissimi sughi, certamente ottime con quello al tartufo o con il più classico ragù.

Dalmatinska pašticada

Qui siamo nel mondo delle ricette croate a base di carne. Parliamo della dalmatinska pašticada, una specie di stufato marinato in aceto e servito assieme a degli gnocchetti. Abbiamo detto “stufato”, non è così? Questo piatto, infatti, come da buon stufato che si rispetti viene cotto con estrema lentezza per molte ore di fila nel vino locale, insieme a fichi o prugne secche e spezie (dall’alloro ai chiodi di garofano, fino al classico pepe).

Peka janjentina

Ancora carne, questa volta di agnello. Viene cotto su una piastra chiusa con il coperchio sotto alla cenere. La peka, in realtà, può essere preparata con tutti i tipi di carne e persino con il polpo. Per farla serve parecchio tempo (almeno un’ora) e, se volete assaggiarla, è meglio prenotarla in anticipo al ristorante per evitare lunghe attese.

Paški sir

Tra i formaggi che più eccellenti esistano, spicca di sicuro il paški sir, originario dell’isola di Pag. Parliamo di un prodotto realizzato con latte di pecora dall’aroma spettacolare, saporitissimo e inconfondibile, fatto stagionare per circa un anno.

Komiška Pogača

È una focaccia ripiena di sugo al pomodoro insaporito con capperi, acciughe e cipolle. Viene da un piccolo paese dell’isola di Vis, dove una delle attività principali è la pesca (ecco il perché delle acciughe sotto sale, che vengono aggiunte al sugo per ultime, quando è ormai freddo).

Fritule

Come chiudere gli assaggi se non con il classico dolce? Questo è quello certamente più famoso, fatto di farina, uova, latte (o yogurt) e lievito. Si tratta, in sintesi, di deliziose palline d’impasto fritte e poi intinte nello zucchero.

Salenjaci

Ecco altri dolcetti tipici, questa volta farciti con la marmellata di albicocche oppure di prugne. Tra gli ingredienti c’è anche lo strutto di maiale per una pasta friabilissima che viene lavorata a sfoglia. Rigorosamente spolverati con lo zucchero a velo, sono perfetti per colazioni e merende da campioni.

Leggi anche: Cosa mangiare a Praga: i piatti tipici che non puoi proprio perderti