Cosa non mangiare a colazione: 10 alimenti decisamente poco sani

Alcuni tra questi alimenti sono insospettabili, quelli che la maggior parte delle famiglie mette in tavola. Ecco cosa è meglio non mangiare a colazione.

Image

Per molti, avere un’alimentazione sana (e con pochi sensi di colpa) coincide col non mangiare a colazione il classico cornetto o krapfen alla crema.

Ecco allora che la colazione “salutare” si orienta su fette biscottate e marmellata, latte con cereali o biscotti, succo di frutta.

Siamo davvero certi che questo faccia bene al nostro organismo?

Cosa non si può mangiare a colazione

Il problema della tradizionale colazione “all’italiana” è che prevede cibi e bevande ricchi di zuccheri.

Invece, appena svegli al mattino, dopo ore e ore di digiuno, lo zucchero è tra i principali alimenti da evitare, dal momento che alza in modo repentino l’indice glicemico nel sangue. Il problema è che il picco tende a scendere, dando nuovamente sensazione di fame, che spinge a cercare altro da mangiare, in un circolo vizioso che ci costringe a consumare uno snack dopo l’altro.

La prima categoria di alimenti da non mangiare a colazione include proprio quelli ricchi di zucchero. Ma anche quelli caratterizzati da un elevato contenuto di grassi sono da bandire. Ecco un decalogo di ciò che proprio non si dovrebbe mangiare a colazione.

1. Fette biscottate

No soprattutto se preparate con farina bianca e non integrale, le fette biscottate contengono zucchero ma anche oli di dubbia provenienza, utilizzati per la tostatura.

2. Breakfast mix di cereali

I cereali per la colazione sono una bomba di zuccheri, senza altri nutrienti. Se si pensa che sono tra gli alimenti preferiti dai più piccoli, bisogna stare davvero attenti. Anche i mix “breakfast” che sembrano così salutari, in realtà contengono anche canditi e altra frutta essiccata, comunque ad elevato contenuto zuccherino.

3. Barrette

Peggio dei cereali, ci sono le barrette. Ebbene sì, anche se la pubblicità le presenta come snack ideali per il tempo libero o per chi fa sport e ha bisogno di carica. Oltre ai cereali che la compongono infatti, la barretta presenta anche un collante che ovviamente non è altro che zucchero.

4. Biscotti

Quelli industriali sono, per la maggioranza, a base di farina bianca, zucchero, oli vegetali (tra cui anche quello di palma), burro, margarina… Insomma, non proprio la scelta migliore per l’organismo.

5. Succo di frutta

Anche se c’è scritto sulla confezione che si tratta di frutta al 100%, a ogni modo il succo industriale è sempre dolcificato (senza zucchero significa che comunque c’è un sostituto) e in più non ha le fibre, che riducono l’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

6. Yogurt alla frutta

Una vera e propria trappola, perché nell’immaginario collettivo lo yogurt è salutare per eccellenza. Il punto è che i mix alla frutta sono ricchi di glucosio, fruttosio, addensanti e anche panna molto spesso, per renderli così cremosi.

7. Merendine

L’apoteosi delle farine raffinate, zucchero, oli e grassi vegetali idrogenati, aromi e conservanti artificiali ed emulsionanti.

Da evitare assolutamente.

8. Cornetti e brioche al bar

Che si tratti del bancone del bar o del reparto panetteria al supermercato, il risultato è lo stesso. I prodotti da forno congelati, che poi diventano cornetti, ciambelle, krapfen, donut e via di seguito sono cibo spazzatura per l’organismo.

9. Affettati e bacon

Chi sta pensando che per salvarsi allora deve ricorrere alla colazione salata, ha molto anche da cui guardarsi. Affettati, salumi e insaccati in generale, sono alimenti ultra-processati e potenzialmente cancerogeni. Così come il classico bacon arrostito della tipica colazione all’inglese.

10. Toast

Il toast che utilizza pancarré non è salutare come sembra, dal momento che nel morbido e molto pratico pane in cassetta, oltre alla farina bianca raffinata, sono presenti anche oli vegetali (girasole, mais, colza, soia), destrosio 3,4%, lievito, sale, farina di frumento maltato, estratto di malto d'orzo e mais ed è trattato con alcool etilico in superficie.

No a prosciutto cotto e sottilette, meglio un po’ di crudo con avocado.

Cosa è meglio mangiare a colazione

Certamente, a questo punto la domanda sorge spontanea, visto che probabilmente il 90% delle famiglie ricorre a questi alimenti per la colazione (e non dimentichiamo i bambini).

Il consiglio principale è di preparare il più possibile le merende in casa, soprattutto per i più piccoli che le richiedono anche nel pomeriggio.

Un’opzione sempre valida resta il pane fresco, preferibilmente integrale. Vanno bene anche i pancakes, se preparati da sé o qualche galletta di riso o mais, con burro d’arachidi o miele.

Lo yogurt va bene ma meglio se greco e via libera alle proteine come salmone affumicato, uova o formaggio magro tipo ricotta. Come cereali, il riso da preparare come dolce o l’avena (porridge).

Ecco qualche consiglio su cosa mangiare a colazione, per aiutare il metabolismo.

Cosa non deve mai mancare a colazione

Senza dubbio, frutta fresca e secca devono far parte degli alimenti da mangiare al mattino, magari accompagnati da avocado col pane integrale e una spremuta di agrumi freschi.

L’aspetto importante da considerare è anche quello di dare il buon esempio ai più piccoli, preparando ciambelloni e torte fatte in casa o pancakes.