Dinner cancelling, cos'è e in cosa consiste la dieta che segue anche Fiorello

La dinner cancelling è un piano nutrizionale che seguono molte persone, tra cui anche il conduttore radiofonico Fiorello. Scopriamo insieme in cosa consiste e quando si può mangiare.

Image

Le vacanze estive sono ormai un lontano ricordo. La maggior parte delle persone per riprendersi dai bagordi estivi ha iniziato da qualche mese un’alimentazione con l’obiettivo di perdere i chili in eccesso.

Esistono molte diete, ovviamente supportate da uno specialista: chetogenica, mediterranea, vegetariana, a zona e così via. Tuttavia, si sta diffondendo sempre di più la dinner cancelling, un piano alimentare seguito da molte celebrità dello star system, tra cui anche Fiorello, il comico e conduttore radiofonico.

Dinner cancelling: in cosa consiste

La dinner cancelling si ispira al digiuno intermittente creato dal nutrizionista Dieter Grabbe e consiste nel saltare l’ultimo pasto della giornata, ossia la cena. In particolare, è vietata l’assunzione di cibo dalle 17 fino alle 8 del giorno seguente.

I benefici di questo regime alimentare sono i seguenti:

  • aumento del metabolismo basale
  • stimolazione dell’organismo ad attingere dalle riserve di zucchero e grasso già presenti nel corpo
  • miglioramento del ciclo sonno-veglia e migliore riposo.

La dieta non preclude determinati cibi, ma si concentra solo sugli orari in cui poterli consumare. Per tale ragione, non presenta particolari controindicazioni e può essere seguita da tutti. Ad ogni modo, è sconsigliata a donne in gravidanza, bambini, chi soffre di disturbi alimentari e chi ha una patologia.

Da tenere sempre in mente l’importanza dell’attività fisica e di una corretta alimentazione, quindi, si può mangiare di tutto, ma nelle giuste quantità senza strafare.

Cosa mangiare nella dieta

Non essendoci particolari privazioni, la dinner cancelling consente di assumere i cibi in maniera bilanciata e corretta. Per tale ragione si dà ampio spazio a frutta, verdura e cereali, ricchi di fibre, che consentono un migliore funzionamento dell’apparato digerente. I grassi e gli zuccheri devono essere limitati per avere maggiori benefici. Dopo le ore 17 sono ammesse solo tisane e tè, ovviamente prive di zucchero.

In ogni caso, si consiglia di consultare uno specialista se si considera l’idea di intraprendere questo piano alimentare.

Effetti collaterali

Il digiuno intermittente, nonostante apparentemente sembri una dieta innocua, può portare a effetti collaterali quali:

  • vertigini
  • mal di testa
  • dolori muscolari
  • anemia
  • indebolimento del sistema immunitario
  • diarrea
  • carenze di vitamine e sali minerali.

Per questo, si consiglia di seguire questa dieta per un periodo di tempo limitato.

Esistono calorie che fanno dimagrire, ecco quali sono e come utilizzarle nella dieta