In frigo o fuori? Ecco dove e come si conservano i limoni per farli durare più a lungo

Come si conservano i limoni? Ecco il metodo infallibile per conservarli senza rovinarli.

Come conservare i limoni

I limoni sono frutti ricchi di vitamina C che si trovano facilmente in Italia sia al supermercato che dai fruttivendoli di fiducia. Appartengono alla categoria degli agrumi, insieme ad arance, mandarini e pompelmi. Le loro proprietà organolettiche sono innumerevoli e garantiscono al corpo umano il giusto apporto di nutrienti.

Da spremere sull'insalata o sul pesce, ma anche in versione grattugiata su pietanze e creme per dolci, ma anche per limonate rinfrescanti in estate, il limone ha un sapore deciso. Tutte le sue parti possono essere usate: succo, buccia e polpa all'interno.

Proprietà del limone

Questo agrume contiene un ampio ventaglio di vitamine, quali la vitamina C, come detto in precedenza, e vitamina E. Sono ricchi di antiossidanti, fibra e potassio. Il beta carotene e i flavonoidi conferiscono il classico colore giallo. Il loro apporto calorico è praticamente inesistente, perché non contengono zuccheri e grassi in quantità degne di nota. Tuttavia, c'è da dire che anche le proteine sono pari a zero nei limoni.

Solitamente il succo del limone è acido perché contiene acido citrico e acido malico che aiutano l'organismo ad assorbire il ferro e riducono il rischio di calcoli nei reni. Ad ogni modo, può essere controindicato per chi soffre di disturbi intestinali, a causa dell'acido citrico. Solo in tale ragione, si consiglia di limitarne il consumo. Per il resto, il limone è un frutto che fa bene a grandi e piccini.

Anche la buccia si possono consumare perché ricca di fibre e calcio, ma ovviamente si devono preferire i limoni non trattati con pesticidi e devono essere accuratamente lavati.

Limoni: come conservarli

C'è un metodo semplice per mantenere i limoni sodi e succosi più a lungo possibile. La prima cosa da sapere è che il frigorifero non è un nemico dell'agrume, ma un alleato. Infatti, bisogna conservarli al fresco, ma attenzione al modo. La conservazione del limone dipende molto dalla sua idratazione. Essendo un frutto ricco di succo, deve essere costantemente idratato. Per fare ciò si consiglia di metterli in frigo in una ciotola di acqua. In questo modo i limoni manterranno la polpa succosa per molto tempo. L'acqua riduce il rischio di produzione di muffe.

Tuttavia, bisogna prestare attenzione ai limoni marci. Nel caso in cui apriamo un limone e lo troviamo marcio, il consiglio è quello di cambiare acqua nel recipiente sciacquando accuratamente gli altri limoni prima di riporli nel contenitore.

In aggiunta, si consiglia di ispezionare bene i limoni prima di conservarli. Se notiamo qualche piccola lesione o una parte della buccia marcia, si possono riporre i limoni in una bacinella a parte e preferire di consumare prima questi togliendo la parte lesionata.

Questo trucchetto semplice, ma efficace, può essere di aiuto per chi vuole conservare i limoni più a lungo possibile e averli a disposizione in qualsiasi momento.

Leggi anche: In dispensa o nel frigo? Ecco dove conservare aglio e cipolla e perché