Borse vivaci: solo un fuoco di paglia? Eur/Usd a una svolta?

Le Borse salgono ancora dopo il dato sull'inflazione USA, ma è bene non lasciarsi trascinare da facili entusiasmi. Davide Biocchi ci spiega perchè.

Image

Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, professional trader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro continua a correre dopo il dato sull'inflazione USA diffuso ieri. Cosa cambia ora per il cross?

Per l'euro-dollaro il target naturale di questo movimento è a quota 1,037, livello più volte da noi segnalato nelle ultime interviste.

La soglia di prezza in questione corrisponde anche a un supporto di dollar index e per questo motivo sarà da monitorare con interesse.

L'area di 1,037 secondo me è un prezzo che rimodula in base alle nuove aspettative di rialzo dei tassi, visto che a questo punto la BCE potrebbe farne di più della Fed.

Non è tanto che la musica è cambiata per l'euro-dollaro, quanto che mutano le aspettative.

Il mercato ha interrotto il trend ribassista, ha consolidato una base e ora si sta muovendo nuovamente. A mio avviso è anche possibile un'inversione dell'euro-dollaro, a patto che però consolidi pure.

Gli ETF rappresentano l'innovazione finanziaria che ha permesso a tutti di diversificare gli investimenti in maniera semplice ed efficiente, mantenendo costi bassi ed eliminando parte della pressione derivante dalla scelta dei singoli titoli. Con Scalable Broker hai a disposizione più di 1700 ETF.

Con la promozione Scalable tutti i nuovi clienti che apriranno un conto, riceveranno gratuitamente un’azione o un Etf sostenibile.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Anche l'oro si spinge ancora in avanti sulla scia dei recenti recuperi. Quali le attese nel breve?

L'oro recupera terreno per un motivo banale: il dato dell'inflazione USA diffuso ieri ha reso l'idea che potrebbe fermarsi l'aggressività del rialzo dei tassi da parte della Fed.

Il gold ne approfitta subito e quindi è il fine corsa del suo ribasso e c'è una reazione anche vivace.

L'oro era in un range fino a 1.730 dollari e superata tale soglia, che diventa ora supporto insieme ai successivi a 1.680 e 1.60 dollari, lo scenario in salita è aperto ora fino a 1.810/1.815 dollari.

Il petrolio sta allungando il passo verso area 90 dollari. Cosa può dirci di questo asset?

Il petrolio difficilmente a mio avviso supererà l'area dei 95 dollari che è la sua resistenza e con buona probabilità si manterrà in un range racchiuso tra i 95 e i 76 dollari al barile.

Le Borse salgono ancora dopo l'euforia alimentata dal dato sull'inflazione statunitense. Come valuta questi movimenti e quali scenari vede ora?

Per l'azionario secondo me si tratta solo un fuoco di paglia, mentre l'obbligazionario potrebbe essere nella zona di conclamazione del suo bottom.

Mi aspetto che i bond si assestino un po' sui livelli correnti, mentre per le Borse bisogna stare attenti perchè ora arriviamo alle resistenze forti dopo il deciso rialzo visto fino a ora.

Chi è dentro può mantenere le posizioni long fissando adeguati trailing stop, mentre chi è fuori deve aspettare ora perchè personalmente non entrerei sotto resistenza.

Le Borse a mio avviso sono destinate ad avere un ritorno verso il basso con l'arrivo della recessione, motivo per cui non credo sia stato raggiunto ancora il bottom.

Alla luce di ciò è preferibile ancora essere cauti e ciò vale soprattutto per coloro che al momento sono fuori dal mercato.

Diverso il discorso per l'obbligazionario, e mi riferisco a quello americano, visto che il rendimento del decennale potrebbe avere raggiunto un top intorno al 4/4,25%.