Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Paciello Trading Academy, al quale abbiamo rivolto alcune domande sul quadro intermarket e sulle strategie da seguire.

Per seguire Pietro Paciello, autore del libro Trading Plan, clicca qui.

L'euro-dollaro e il dollaro-yen continuano a certificare una perdurante forza del biglietto verde. Quali le attese nel breve per questi due cross?

L'euro-dollaro rimane chiaramente impostato al ribasso nel medio-lungo termine e l'attuale fase di recupero è evidentemente riconducibile a delle ricoperture che hanno preceduto l'intervento odierno del presidente della Fed, le cui parole hanno allontanato il cross dai top intraday.  

Ritengo che il tono di fondo sia ribassista per l'euro-dollaro e che questo tipo di scenario non andrà a modificarsi per ora.

Per questo motivo i rimbalzi che vadano a impattare dinamiche resistenziali interessanti, la prima in zona 1,025 e la successiva a 1,037, sarebbero propedeutici all'apertura di nuove posizioni short.

Investire non deve essere così difficile. Scopri i piani di risparmio di Scalable Capital.

➔ Attiva piani di risparmio in azioni e in più di 1500 ETF,su cui non pagherai mai commissioni. Puoi anche scegliere di attivare piani di risparmio in crypto.

➔ Scegli il tuo piano di risparmio, l'intervallo d'investimento e la data di esecuzione. Piano di risparmio creato in pochi click!

Con la promozione Scalable tutti i nuovi clienti che apriranno un conto, riceveranno gratuitamente un’azione o un Etf sostenibile.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Un rimbalzo di brevissimo ci sta, ma è da vendere, quindi non mi fiderei dell'euro-dollaro nel lungo termine per posizioni rialziste, ma aspetterei buoni recuperi per venderlo.

Contrapposta la chiave di lettura per il dollaro-yen: fino a quando permarrà questo clima favorevole a un rialzo dei tassi negli Stati Uniti, difficilmente osserveremo dinamiche di accelerazione significative da parte del biglietto verde.

Il dollaro-yen si sta muovendo in un canale laterale-rialzista evidente, con un'area supportiva da comprare in zona 134, qualora i corsi dovessero tornare lì.  

L'oro si sta indebolendo ancora dopo il recente recupero. Qual è la sua view su questo asset?

Il recente rimbalzo dell'oro non è ascrivibile ad alcun ruolo teorico di bene rifugio. Il gold sta semplicemente seguendo le fasi di rafforzamento e indebolimento del dollaro a cui è correlato negativamente.

Perchè l'oro riprenda una dinamica rialzista di medio-lungo termine dovrà superare due ostacoli abbastanza visibili: in primis una resistenza di breve in zona 1.780 dollari e successivamente i recenti top in area 1.810 dollari.

In caso di mancato superamento di queste due soglie, l'oro rimarrà in trading range e rischierà di andare a ritestare zona 1.680 dollari, soglia da comprare sempre.

Cosa può dirci in merito al recente andamento del petrolio?

Dopo la recente debolezza in area 85 dollari, il petrolio ha innescato un movimento di recupero che peraltro avevamo anticipato in una precedente intervista.

A mio parere l'oro nero è destinato a salire ulteriormente, non fosse altro per la logica correlazione con il gas che sta facendo dei numeri incredibili al rialzo.

E' difficile che vedremo debole il petrolio, ma segnalo delle aree buy potenziali, una in zona 83 dollari e l'altra al superamento dei 96 dollari.

Le Borse mostrano un andamento incerto. Quali i possibili scenari ora?

Molto significativo l'andamento del Ftse Mib che mi pare tecnicamente molto preciso, con dei livelli da intercettare nel breve. 

Un eventuale recupero di area 23.000 riaprirà la strada a un rialzo anche consistente, mentre il cedimento confermato di area 22.000 ripristinerà lo scenario ribassista che stiamo vivendo da alcuni giorni.

L'evoluzione di questo scenario è legato a doppio filo alle prossime mosse della Fed in materia di tassi di interesse.

Se il rialzo del costo del denaro dovesse rimanere in area 0,5% è giudicato non aggressivo, ma se sarà di 75 punti base le Borse dovrebbero risentirne e continuare a scendere.