Attesa per il Fomc di stasera

La partenza contrastata di stamane per le Borse europee testimonia lo stato di attesa che caratterizzerà sicuramente buona parte della giornata odierna. Di Cfx Intermediazioni

La partenza contrastata di stamane per le Borse europee testimonia lo stato di attesa che caratterizzerà sicuramente buona parte della giornata odierna: Parigi è partita in leggero ribasso (-0,07%), e l'incertezza domina anche su Francoforte e Londra. Meglio Piazza Affari, dove il Ftse Mib guadagna subito in apertura lo 0,34%. Del resto, il carattere interlocutorio della sessione ha influenzato anche Tokyo: nella notte la Borsa giapponese ha chiuso la seduta in lieve rialzo dello 0,43% con l'Indice Nikkei che ha guadagnato 40,71 punti, passando a quota a 9.590,32. Naturalmente, l'attesa di cui si parla è relativa alle decisioni di politica monetaria degli Usa, dove stasera il Fomc fornirà le sue valutazioni, mantenendo probabilmente fermi i tassi allo 0.25% attuale. Il prezzo del petrolio é tornato sotto i 69 dollari il barile sui circuiti asiatici, dopo la notizia di ieri sulle scorte americane settimanali di benzina (Api) risultate più elevate del previsto (3,7 milioni di barili contro 1,3 milioni attesi). Sempre ieri dagli Usa sono giunti i dati immobiliari: a maggio le vendite di case esistenti negli Stati Uniti sono salite del 2,4% a quota 4,77 milioni di unità. Si tratta del secondo mese consecutivo di crescita, secondo i dati del NAR, anche se il dato é risultato inferiore alle attese degli analisti. Gli stock di case pronte alla vendita sono diminuiti, mentre il prezzo medio immobiliare è calato del 16,8% rispetto a un anno fa. A fronte di tutto ciò, e nonostante i recenti richiami di Trichet alla possibilità di ulteriori turbolenze finanziarie in arrivo, l'Euro ha registrato un continuo aumento sul dollaro dall'inizio della settimana, quindi in controtendenza rispetto alla tradizionale correlazione tra borse incerte o negative e forza di dollaro e yen. Per oggi sono attesi i dati dagli Usa relativi agli ordini di beni durevoli, alla vendita di nuove unità abitative e i dati riguardanti le scorte petrolifere. Ed infine, il Fomc alle 20.15.