Barlume di speranza dalla Germania

By Peter Rosenstreich

A livello globale tutti gli occhi sono sulla Germania. Il motore della crescita economica in Europa è danneggiato dopo che i due anni di tensione commerciale hanno preso il suo pedaggio sull’attività economica mondiale. I volumi del commercio mondiale si sono contratti al 1,2% a / a nel mese di agosto, il terzo declino consecutivo annuo mensile e il PMI sulla produzione globale rimane al di sotto della soglia di 50. La Germania si pone come un fattore invisibile per la guerra commerciale globale, il che fornisce ai mercati una panoramica degli effetti reali del protezionismo. I dati più recenti suggeriscono che il peggio è forse passato (salvo un'escalation delle tensioni commerciali). La produzione industriale della Germania è scesa del -0,6% m / m nel mese di settembre, al di sotto del consenso per un calo del -0,4%. Il tasso annuo è sceso al 4,3% da un massimo modificato in agosto del -3,9%. Nei dati commerciali netti è stato il probabile colpevole nel guidare l'economia tedesca in recessione nel 2 ° trimestre e il 3 ° trimestre. Tuttavia, la produzione di energia è. Mentre ieri gli ordini di fabbrica sono aumentati dell’1,3% m / m nel mese di settembre, sopra il consenso per un aumento dello 0,1% principalmente grazie a un aumento del 3,1% m / m dei nuovi ordini per beni capitali. La crescita negli ordini di fabbrica tedeschi è ormai assestata, anche se a un ritmo debole, suggerendo una debole crescita della produzione all'inizio del 4 ° trimestre. Questo piccolo punto luminoso potrebbe indicare un fondo per la Germania. Il sentimento della produzione generale e le tendenze della produzione industriale non sono incoraggianti, ma un piccolo aumento nei settori leader potrebbe segnalare un'inversione della prospettiva. È troppo presto perché l'EUR/USD metta in scena un recupero significativo con il monitoraggio del mercato del supporto chiave a 1.1060.