Di recente i prezzi delle cripto sono cresciuti moltissimo in un breve lasso di tempo. Anche se rimaniamo rialzisti su Bitcoin, e sulle cripto in generale, dubitiamo che l’attuale ritmo del rialzo sia sostenibile. Pertanto non ci sorprenderebbe una brusca correzione del mercato nei prossimi giorni. Per ora, Bitcoin è bloccato sotto la resistenza a $8.480 (massimo 25 luglio 2018).

TRY di nuovo sotto pressione per guerra commerciale, ripetizione delle elezioni

By Vincent Mivelaz

Le cose non hanno preso la piega prevista dagli investitori. L’aumento dei dazi USA sui prodotti cinesi ha spinto le autorità cinesi a fare un passo analogo e introdurre dazi aggiuntivi, dal 5% al 25%, su merci USA come gas naturale, ortaggi o cosmetici, per un valore totale pari a $60 miliardi. Di conseguenza aumenta l’avversione al rischio, che fa crescere la domanda di valute rifugio (CHF, JPY) a scapito di AUD, NZD, SEK, NOK o di valute dei mercati emergenti come la lira turca. Una guerra commerciale aperta fra le due nazioni rimane tuttavia molto improbabile, il 28-29 giugno 2019, durante il vertice G20 di Osaka, dovrebbe infatti tenersi il tanto atteso incontro fra Trump e Xi. Nelle prossime settimane, è lecito dunque aspettarsi di più da entrambe le parti sul fronte dei negoziati.

Gli sviluppi recenti continuano a esercitare forti pressioni sulla lira turca, nonostante il tentativo della Banca Centrale di Turchia (BCT) di chiudere il gap nella lira turca sospendendo il finanziamento del suo tasso PcT a una settimana, costringendo così le banche a finanziare a un tasso overnight più elevato (25,50%). La ripetizione delle elezioni amministrative nella capitale non aiuta. La pubblicazione del saldo delle partite correnti, che pur indica un calo del deficit ($-0,59 miliardi), non invita all’ottimismo perché sia esportazioni che importazioni mostrano una flessione, suggerendo prospettive di crescita più basse. È dunque ragionevole aspettarsi che la BCT continui a fornire più stimoli, che dovrebbero generare un ulteriore indebolimento della lira.