I colloqui sulla Brexit e sulla guerra commerciale sono al centro della scena

By Arnaud Masset

Questa settimana i mercati finanziari sono rimasti molto sensibili agli sviluppi politici e geopolitici con la guerra commerciale Cina-USA e i negoziati sulla Brexit sotto i riflettori. Anche se il cosiddetto accordo commerciale di "prima fase" assomiglia sempre di più a un disastro, i partecipanti al mercato sono rimasti per lo più rialzisti. Dopo una debolezza temporanea, i futures S6P 500 hanno ripreso la tendenza al rialzo.Dall'altra parte dell'Atlantico, la speranza di una risoluzione positiva dei negoziati sulla Brexit tra l'UE e il Regno Unito ha dato una spinta alle azioni e alla sterlina.La coppia GBP/USD è stata in grado di consolidare i guadagni spettacolari della scorsa settimana - quando è salita di oltre il 4%, da 1.22 a 1.27 - e ora negozia lateralmente intorno a 1.2650 poiché i negoziati continueranno per tutta la settimana.

In Svizzera, le azioni farmaceutiche hanno subito un colpo dopo che il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer ha suggerito che l'amministrazione statunitense potrebbe imporre dazi ai prodotti farmaceutici dalla Svizzera nel tentativo di bilanciare un saldo commerciale totale negativo di $ 20 miliardi nel 2018.Gli Stati Uniti rappresentano oltre un terzo delle esportazioni farmaceutiche svizzere.I titoli azionari delle società farmaceutiche svizzere sono calati ieri all'apertura, con Roche e Novartis in calo di quasi il 2%; tuttavia, entrambi hanno ridotto le perdite nel corso della giornata.

Data la mancanza di importanti notizie economiche questa settimana, i mercati finanziari rimarranno molto sensibili a tali sviluppi e molto probabilmente continueranno a negoziare lateralmente in assenza di una risoluzione significativa sui fronti della guerra commerciale e della Brexit.