Proseguita la fase correttiva dei mercati, con il rientro dei timori politica e geopolitca, e grazie ai datI economici, utili societari, migliori delle aspettative. E anche grazie al freno/rientro delle tensioni sui TASSI, in particolare dagli Usa. Nuovi ministri nel Governo MACRON FF (che resta ai record minimi nei sondaggi), accettazione del budget dal Governo ITL, nessun effetto dal VOTO regionale GER MERKEL. Nessun effetto sulla bilancia commerciale, export, di SING, dopo URSS, CINA, da DAZI e SANZIONI. Questo ha permesso di mettere i fattori SAUDI, IRAN, in disparte, e riportare quindi maggiore ottimismo, ricerca rendimento di nuovo di attualità. Il fattore detenzione nelle riserve dei TREASURY USA resta controverso, anche se il disimpegno di varie nazioni resta evidente. Riducono le posizioni, URSS ampiamente, GIAPP, e CINA gradualmente da 3mesi, ma vendite assorbite da SAUDI, BRAS, SING e altri minori. Il TIC, flusso capitali investimento da esteri in USA, è comunque aumentato marcatamente. Su ORO segnali del trend rialzista rafforzati, anche viste le posizioni in ampio short dai fondi, aumentate marcatamente giusto prima del recente rimbalzo, che porterebbero a stop-loss, ricoperture. TRUMP ha ancora tuonato contro la FED per il livello dei tassi, e rialzi previsti, e mantiene il pressing sugli “alleati” per il rinnovo delle sanzioni alla URSS. dagli USA ulteriore dato negativo nel settore immobiliare, calato a min2014, da effetto tassi. Sulla GBP UK pesa ancora BREXIT, con trattative nel percorso finale, denso di incertezze.

Questo venerdi avremo il dato CINA della crescita, previsto rallentato. E si attendono decisioni sul BUDGET ITL da parte EU, con elevate critiche e bocciature (Junker), gli effetti su Banche, Assicurazioni dal nuovo piano di governo, e il rating ITL. Gli INDICI in recupero tecnico, con Asia in testa, EU parte bene poi ripiega. Spinta da tecnologico, male auto, meglio finanziari, utility. YIELDS stabili, rialzo rinnovato per ITL, con SPREAD attorno 300. Sostenuto PETROLIO dapprima per calo stoccaggi Usa, poi in calo da aumento netto inventari a sorpresa. Stabili COMMODITY. sostenuto ORO. La VOLATILITA’ in calo dopo i max rifatti. Sulle VALUTE meglio DOLL, cede EURO, sempre limitato. Freno YEN, stabile CHF, TURK, YUAN. Nervosa GBP, che torna a riperdere quota su inflazione e brexit. Bene SEK, NOK, EMERGENTI, BRAS, ARG, URSS, EST-Eu, ANGLO ex MEX, ASIA. Dai CHARTS target primo di recupero tecnico Eustoxx completato sulla resistenza, che ha tenuto. EUR/DOLL tetto 1.1620 rimane intatto, come pure EUR/CHF 1.1480.