Questa sera si chiude la due giorni della Federal Reserve. Il FOMC, il braccio armato dell’istituto centrale americano, dovrebbe mantenere l’outlook monetario invariato. Attese anche le proiezioni macroeconomiche dopo i dati deludenti dei giorni scorsi.

Alle 20:30 la conferenza stampa del governatore Powell. Estesi i programmi di prestito a privati e governo dall’originario 30 settembre alla fine dell’anno.

In un Report, Goldman Sachs lancia l’allarme sul ruolo del biglietto verde. Secondo la banca, le politiche eccessivamente espansive di FED e governo rischiano di far perdere al dollaro USA il ruolo di valuta di riferimento del mondo.

Non sono attesi cambiamenti rilevanti nella politica monetaria. La FED è infatti in attesa dello sviluppo degli eventi legati all’epidemia negli Stati Uniti.

Non accenna ad arrestarsi la corsa della pandemia nel mondo. Sono 16.7 milioni i casi totali nel mondo. Negli stati Uniti sono stati più di 61 mila i nuovi casi registrati.

Aumentano i casi ad Hong Kong. Il capo esecutivo Lam ha affermato che potrebbero essere sul punto di una nuova ondata a causa della non identificazione delle sorgenti dei contagi.

Prosegue la ricerca sui vaccini. La società Moderna Inc ha avuto risultati promettenti sugli animali. In questi giorni è iniziata la fase di sperimentazione sull’uomo su un campione di 30 mila individui.

Mercati

Ieri Wall Street ha chiuso la sessione in territorio negativo in attesa della riunione della FED di questa sera. L’indice S&P500 ha fatto registrare -0.65%, il DOW Jones -0.77%. Il peggiore negli Stati Uniti è stato il NASDAQ a -1.27%. Contrastata anche la sessione asiatica. L’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha fatto registrare -1.15%, mentre rimangono in controtendenza le cinesi. Shanghai chiude a +1.71% e Shanghai +0.44%.

L’avvio di sessione europea è poco mossa con tutti i principali listini a cavallo della parità. Il DAX di Francoforte scambia a -0.06%, il CAC40 di Parigi a +0.54% e il FTSE MIB di Milano a +0.18%. Il FTSE100 di Londra apre invariato.

Forex

Si stabilizza il forte indebolimento del biglietto verde che è stato protagonista delle ultime sessioni. Gli operatori sono in attesa della riunione della FED di questa sera che dovrebbe mantenere invariato l’outlook monetario.

EURUSD

Dopo l’iniziale fase di indebolimento della moneta unica di ieri, oggi l’avvio di sessione marca un ritorno dei rialzi. Il cambio EURUSD sale da area 1.1720 fino in area 1.1750 in apertura dei mercati europei. L’attesa è per una sessione di contrattazioni interlocutoria in attesa della FED di questa sera.

USDJPY

Avvio di sessione europea in discesa sotto quota 105.00 per il cambio USDJPY. Il rapporto tra biglietto verde e divisa nipponica segue la debolezza di dollaro e si attesta in area 104.90  in attesa della riunione di politica monetaria della FED.