Dopo la debolezza di ieri, l'euro-dollaro prova a risalire la china oggi, presentandosi al momento poco sopra la parità, con un frazionale rialzo dello 0,1% a 1,1015.

Eur/Usd poco mosso. Seduta priva di spunti con Wall Street chiusa

La seduta odierna non dovrebbe riservare alcuna sorpresa visto che per il cross sono attesi movimenti piuttosto contenuti, complice la chiusura del mercato americano per la festività del Ringraziamento.

Negli Stati Uniti dunque non saranno diffusi dati macro, mentre in Europa a breve si conosceranno diversi dati sulla fiducia, tra cui quella dei consumatori, che non dovrebbero però avere grandi impatti sul mercato.

Ieri l'euro-dollaro si è indebolito dopo la diffusione di aggiornamenti macro migliori delle attese in America.
Il riferimento è in particolare alla lettura rivista del PIL del terzo trimestre e all'inatteso balzo in avanti degli ordini di beni durevoli.

Il cross ha provato a scendere sotto area 1,10, rimanendo però agganciato a questa soglia che almeno per il momento viene difesa con le unghie.

Eur/Usd: per Unicredit i cali sono occasioni per comprare

Gli analisti di Unicredit fanno notare che la pressione in vendita ieri non è stata particolarmente pronunciata, tanto che le quotazioni hanno testato area 1,099, senza però imboccare una traiettoria più pronunciata verso il basso.

Un movimento che non sorprende gli strategist, i quali spiegano che un mercato sottile come quello attuale non offre grandi incentivi per aprire nuove posizioni verso la fine dell'anno.

A detta di Unicredit il rischio maggiore è che in assenza di un driver macro, i mercati valutari possano diventare più tecnici e guidati dai grafici.