Eurodollaro in area 1.4000

L’euro stazionario in area 1.4000 contro dollaro. Difficile trovare un direzione: le oscillazioni del cambio non mutano il trend di fondo di breve. Di Cfx Intermediazioni

L’euro stazionario in area 1.4000 contro dollaro. Difficile trovare un direzione: le oscillazioni del cambio, dapprima a favore del biglietto verde e poi di nuovo pro euro, non mutano il trend di fondo di breve dell’eurodollaro che tende a congestionarsi in area 1.4000. Aggiorniamo i livelli di supporto a 1.3945 e 1.3850 ma la soglia critica di riferimento resta quella dei giorni scorsi: 1.3800. D’altra parte segnaliamo la resistenza a 1.4145 oltre la quale è possibile individuare come target il massimo annuale dell’eurodollaro:1.4337. Parte forte il mercato nelle prime ore della mattina: a farne le spese in particolare la sterlina che ritraccia di una figura da 1.6580 a 1.6480 contro dollaro . E’ dunque la divisa britannica a mostrare un certa debolezza: la sterlina ritraccia contro Yen a 161.50 dopo aver toccato massimi a 162.56 e subisce la spinta dell’euro a 0.8525 dopo aver aggiornato minimi a 1.8495. La divisa nipponica recupera parte del terreno perso ma sostanzialmente non ci sono novità per quanto riguarda gli scambi contro euro e dollaro: eurjpy in area 137 (massimi a 138.25), usdjpy poco sotto 98.00 (massimi a 98.10). Non sono previsti dati macroeconomici importanti in grado di fare da market mover: in ogni caso segnaliamo la produzione industriale di aprile in Eurozona, ed oltreoceano i prezzi all’import USA e l’indice di fiducia Michigan Confidence di giugno.