L’eurodollaro si confronta nuovamente in area 1.4000

Poco dopo la chiusura della borsa di Tokyo, che ha terminato la sessione di scambi in ribasso dello 0,95%, lo yen ha proseguito il suo apprezzamento contro le principali valute.

Poco dopo la chiusura della borsa di Tokyo, che ha terminato la sessione di scambi in ribasso dello 0,95%, lo yen ha proseguito il suo apprezzamento contro le principali valute: lo strappo ha permesso alla divisa nipponica di portarsi sui minimi contro euro a 133.36, contro sterlina a 156.70 e di ritracciare sul dollaro a 95.33. Euro e Sterlina sono state poi in grado di rimbalzare e di riportarsi rispettivamente a 133.80 e 157.60. Protagonista della sessione asiatica anche il dollaro che spinge l’euro appena sotto area 1.4000 e la sterlina a 1.6450; più stabile il cambio USDJPY che tiene quota 95.00 con massimi a 95.57. Contro il franco svizzero il dollaro quota 1.0890, sui massimi di giornata. Giornata che non prevede particolari dati macroeconomici in grado di fare da market mover: da segnalare solamente gli indici di fiducia economica a giugno nella zona Euro; uno sguardo all’ azionario per capire se le borse saranno in grado di infondere ancora fiducia al mercato e aiutare l‘euro a riportarsi sui massimi di settimana passata contro dollaro a 1.4137. Fase in ogni caso incerta per questo cambio che da diverse sedute oscilla in un area compresa tra 1.3750 e 1.4180, dopo i massimi di inizio mese di 1.4340, e non trova direzione; rilevante è il supporto di 1.4000 con cui si stà confrontando in queste ore. La settimana concentrerà invece nella giornata di giovedì i principali indicatori macro, con la riunione della BCE e i dati sul mercato del lavoro USA che porteranno rinnovata volatilità sul mercato.CFX INTERMEDIAZIONIwww.cfxintermediazioni.com