Sterlina nel tormento

By Vincent Mivelaz

Attualmente scambiata a 0.85370, l’EUR/GBP è valutata a un minimo di 22 mesi, puntando verso 0.85510 a breve termine. Il Parlamento dovrebbe iniziare un’altra votazione Brexit alle 17:00 GMT. La battaglia per imporre un accordo di ritiro negoziato continua. Il tempo stringe: l'estensione dei negoziati dovrebbe essere omologata dall'Unione Europea durante il suo summit di giovedì prossimo. Si potrebbe accordare una proroga fino al 30 giugno 2019. Ci chiediamo se l’accordo di ritiro del primo ministro Theresa May o qualsiasi altra alternativa siano ancora fattibili. Gli scenari positivi per la GBP sono l'accettazione dell'accordo di ritiro esistente o anche una proroga.

Due giorni di intensi dibattiti sono stati coronati ieri con la sconfitta per il governo. Il procuratore generale del Regno Unito, Geoffrey Cox, ha avvertito che il paese potrebbe rimanere bloccato nell'unione doganale del blocco. La notte scorsa il Parlamento ha votato per non permettere un Brexit duro, ma questo non era non vincolante. I legislatori saranno concentrati sulla proroga del periodo di divorzio, accettando l’accordo di May o rimanendo nella UE.

La volatilità della Cina crea opportunità

By Peter Rosenstreich

L'economia cinese continua a soffrire sotto i dazi degli Stati Uniti e la domanda interna più lenta, nonostante gli sforzi politici per fornire stimolo economico. La produzione industriale è aumentata del 5,3% annuo, ma è scesa dello 0,4% rispetto a dicembre. Questa è la lettura più debole dal 1995. Le esportazioni cinesi sono diminuite del 21% nel mese di febbraio rispetto all'anno precedente. Il mercato azionario ha sofferto un profondo declino nel 2018 (l’indice CSI 300 ha perso -26%). Eppure queste rivalutazioni hanno creato una situazione unica. Le azioni cinesi hanno avuto un rialzo del 27,8% quest'anno fino al 5 marzo.