La dipendenza da videogiochi dilaga negli adolescenti: l'allarme preoccupa i genitori

La dipendenza dai videogiochi tra gli adolescenti è una dinamica sempre più seria, a tal punto da aver attirato l'attenzione dell'OMS: ecco com'è la situazione tra i giovani.

Sempre più adolescenti sono dipendenti dai videogiochi

Nell'epoca in cui la tecnologia permea ogni aspetto della nostra vita, la fascinazione per i videogiochi tra gli adolescenti solleva interrogativi urgenti sul loro impatto. Mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce nuovi disturbi legati al gaming, famiglie ed esperti cercano un equilibrio tra intrattenimento digitale e benessere psicofisico. La dipendenza da videogiochi è sempre più diffusa tra gli adolescenti e davanti a un nuovo allarme non si può restare indifferenti...

La dipendenza da videogiochi nell'era digitale: un problema per gli adolescenti

L'avvento dell'era digitale ha profondamente influenzato le abitudini quotidiane, specialmente tra i giovani. La crescente diffusione di internet e dispositivi mobili ha portato a un notevole aumento dell'uso di videogiochi online, sollevando preoccupazioni riguardo al rischio di sviluppare dipendenze.

Questa problematica ha attirato l'attenzione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che nel 2019 ha riconosciuto ufficialmente il Gaming Disorder (GD) come disturbo comportamentale nell'International Statistical Classification of Diseases (ICD-11).

Cosa comporta la dipendenza da videogiochi

Recenti studi hanno evidenziato che un significativo numero di adolescenti italiani è a rischio di sviluppare disturbi legati all'uso eccessivo di videogiochi. In particolare, il 12% degli studenti tra gli 11 e i 17 anni potrebbe essere esposto a questo rischio, con una prevalenza maggiore tra i maschi rispetto alle femmine.

I dati sottolineano l'importanza di monitorare attentamente le abitudini videoludiche dei giovani, soprattutto durante gli anni della scuola media, dove il rischio sembra raggiungere il picco.

Nonostante le preoccupazioni, è importante riconoscere che i videogiochi possono avere effetti positivi, contribuendo allo sviluppo educativo, cognitivo e sociale degli adolescenti. Tuttavia, l'uso eccessivo può portare a conseguenze negative sulla salute mentale e sul benessere generale. I genitori svolgono un ruolo fondamentale nel promuovere un equilibrio tra il tempo dedicato ai videogiochi e altre attività essenziali come lo studio, l'interazione sociale e l'attività fisica.

Come capire se una persona è dipendente dai videogiochi

Le famiglie possono intervenire attivamente nella scelta dei videogiochi, privilegiando quelli adatti all'età dei propri figli e quelli che presentano maggiori finalità educative. Importante, inoltre, promuovere momenti di condivisione tra genitori e figli. È essenziale prestare attenzione a segnali di allarme, come il calo delle prestazioni scolastiche e l'isolamento sociale, che possono indicare la presenza di una dipendenza.

L'approccio verso internet e videogiochi richiede equilibrio e flessibilità, tenendo conto delle variabili personali e del contesto di vita dei giovani. Stabilire regole chiare ma adattabili alla crescita e alle esigenze degli adolescenti è cruciale per guidarli verso un uso consapevole e responsabile della tecnologia.

Leggi anche: Potresti avere dei videogiochi che oggi valgono una fortuna, ecco quali sono

Quali sono i sintomi del gaming disorder

È cruciale stabilire accordi familiari sul tempo dedicato agli schermi, riducendone l'utilizzo in momenti della giornata quali i pasti e le ore antecedenti il sonno, per limitare l'impatto della luce blu sul riposo notturno. Insegnare ai giovani un approccio responsabile verso la tecnologia, sensibilizzandoli sui benefici educativi e sui possibili pericoli, rappresenta una strategia preventiva essenziale contro la dipendenza da videogiochi.

Riconoscere i sintomi del gaming disorder è altrettanto importante: perdita di controllo sul tempo di gioco, preoccupazione ossessiva per i videogiochi, ritiro dalle relazioni sociali e continuazione del gioco nonostante le conseguenze negative sono tra i segnali d'allarme. Affrontare i sintomi tempestivamente, promuovendo un equilibrio tra attività digitali e fisiche, è fondamentale per sostenere lo sviluppo sano e l'equilibrio psicologico degli adolescenti.

La dipendenza da videogiochi negli adolescenti rappresenta una sfida complessa nell'era digitale, che richiede un'azione coordinata tra professionisti della salute, educatori e famiglie. Promuovere un utilizzo equilibrato e consapevole della tecnologia, valorizzando gli aspetti positivi dei videogiochi pur riconoscendone i rischi, è fondamentale per garantire il benessere psicofisico dei giovani e guidarli verso uno stile di vita equilibrato e soddisfacente.

Leggi anche: La storia dei videogiochi: dagli albori ai giorni nostri