Mobile game per il manga di Jujutsu Kaisen in arrivo a quanto pare.

Dopo il successo clamoroso del manga non stupisce come i progetti intorno a Jujutsu Kaisen proseguano a vele spiegate.

Stiamo parlando di un prodotto che ha raggiunto le 50 milioni di copie in circolazione nel giro di neanche 3 anni, era ovvio che Shueisha cominciasse a spingere anche in altri canali.

Un merito del successo è sicuramente da conferire anche all'ottimo anime, trasmesso da noi sul solito Crunchyroll e confezionato dallo studio MAPPA, che ci ha già portato ottime trasposizioni in passato (non era facile rendere gloria animata a un manga come Kakegurui, ma ce l'hanno fatta).

Jujutsu Kaisen mobile game: Phantom Parade

Indovinate un po'? Esatto, purtroppo non si sa ancora nulla di Jujutsu Kaisen: Phantom Parade, se non che sarà un RPG (presumibilmente un gatcha).

Presumibilmente un gatcha anche perché è stato affidato a Sumzap e, a parte il gatcha di Konosuba e, per le 2 persone che lo conoscono, Decide Traumerei, non ha fatto molto altro, se non dei giochi di carte misti a una grafica da Dungeon Crawler.

Visivamente Konosuba non è niente male, anche se il gameplay del gdr a turni sembra davvero statico e un po' povero di animazioni, speriamo in bene.

L'altro elemento che fa subito pensare ai gatcha è il fatto che Jujutsu Kaisen: Phantom Parade sarà un mobile game gratuito con acquisti in app, formula assolutamente tipica del genere.

Per il momento le informazioni che abbiamo sono davvero solo queste ed è impossibile anche solo ipotizzare qualsiasi altra cosa, non ci resta che aspettare qualche news in merito e consolarci con le altre novità in arrivo dall'universo di Jujutsu Kaisen.

Jujutsu Kaisen 0: film in arrivo questo inverno

Jujutsu Kaisen 0, il primo movie della serie, ha finalmente una data d'uscita, ovvero quella del 24 dicembre 2021.

Sarà l'adattamento animato del volume Jujutsu Kaisen - Sorcery Fight 0: L'istituto delle arti occulte, prequel della serie regolare.

In realtà Gege Akutami ha scritto Sorcery Fight 0 prima di cominciare Jujutsu Kaisen, infatti era serializzato da Shueisha semplicemente come "L'istituto delle arti occulte di Tokyo", ma visto il successo della serie regolare poi è stato ribattezzato e messo come prequel di Jujutsu Kaisen.

Ora, lasciatemi dire che solitamente un episodio di un anime è anche capace di contenerne 6 o 7 di capitoli, dipende ovviamente dal tipo di manga dal quale è stato tratto.

Mi lascia abbastanza perplesso questa idea di occupare un'ora e mezza con soli 4 capitoli, speriamo aggiungano qualcosa per non rallentare eccessivamente il lungometraggio, anche se comunque si tratta di capitoli abbastanza lunghi (quasi 50 pagine).

Vi faccio un riassunto dell'opera, quindi se siete intenzionati a godervi il film o a leggervi il manga stampato da Panini, passate al capitolo successivo!

"Yuta assiste a un incidente stradale nel quale muore Rika, la sua migliore amica. Rika in realtà non è propriamente morta, ma continua a esistere al fianco di Yuta come entità mostruosa, proteggendolo in maniera parecchio violenta anche contro la sua volontà.

Non riuscendo a controllare l'enorme potere dell'amica, Yuta viene arrestato dagli stregoni che ben conosciamo ai quali chiede di essere ucciso per evitare di fare del male a qualcun altro.

Gojo ha però altri piani per lui e gli offre un'iscrizione all'istituto di arti occulte di Tokyo in modo da imparare a controllare il potere di Rika. Yuta impara così le arti magiche e si affianca a una squadra che chi legge il manga regolare di Jujutsu Kaisen conosce bene: Maki, Toge e Panda.

Nel frattempo lo stregone oscuro Geto pianifica di distruggere l'istituto di arti occulte ed evoca ben mille demoni a Kyoto e Shinjuku per disperedere le forze alleate.

Approfittando della confusione, Goto invade l'istituto allo scopo di ottenere il potere di Rika.

Per sconfiggere Geto e salvare i suoi amici, Yuta stringe un patto con Rika rimuovendo ogni limite al suo potere promettendole l'anima e grazie a questo sconfigge lo stregone malvagio.

Finita l'emergenza, Yuta è pronto a salutare per sempre i suoi amici e raggiungere l'amica d'infanzia "dall'altra parte", ma Rika scioglie la maledizione e Yuta si rende conto che non è stata Rika a maledire lui, ma lui a maledire Rika con il suo "non puoi assolutamente morire!" dopo l'incidente."

Durante il manga regolare si fanno molti riferimenti a Yuta, paragonandolo lontanamente persino a Gojo. Finalmente anche i non avvezzi alla lettura del manga, grazie al lungometraggio, potranno saperne di più su questo personaggio più volete citato in Jujutsu Kaisen.

Jujutsu Kaisen: trama della la serie regolare

Se non conoscete ancora Jujutsu Kaisen è ora di parlarne brevemente.

"Il protagonista è Yuji Itadori, studente di un liceo di Sendai. Il suo atletismo lo rende bravissimo in ogni sport, ma decide comunque di rifiutare ogni invito dai club sportivi preferendo il club dell'occulto.

Grazie a questo club infatti è sicuro di poter uscire alle 17 da scuola tutte le sere e avere tempo di passare in ospedale a trovare suo nonno ricoverato, suo unico famigliare e persona con cui vive.
Il nonno però muore di lì a poco lasciandogli detto "aiuta sempre gli altri".

L'incontro con lo stregone Megumi cambia completamente la sua vita, poichè questi lo informa della presenza di un potentissimo talismano maledetto all'interno della scuola che frequenta.

I membri del club dell'occulto trovano la scatola contenente il talismano (uno strano dito mostruoso) e riescono ad aprirla scatenando su di loro tutte le maledizioni presenti nell'istituto.
Per evitare che le maledizioni presenti nella scuola entrino in possesso del talismano, Yuji ingoia il dito nel panico diventando il contenitore di Ryomen Sukuna, considerato il re delle maledizioni.

Yuji a questo punto, essendo diventanto sostanzialmente esso stesso una maledizione, a regola dovrebbe essere ucciso, ma Gojo gli salva la vita convincendo il consiglio degli stregoni che prima avrebbe dovuto ingoiare tutte le 20 parti di Ryomen in modo da poter cancellare definitivamente la sua esistenza.

Il protagonista si unisce quindi all'istituto di Arti Occulte di Tokyo, ma la sua esecuzione non è annullata, solo sospesa."

Trama banalotta, certo, ne abbiamo visti di prodotti del genere. La forza di Jujutsu Kaisen infatti non è sicuramente qui, ma in 3 altri fattori. 
Anche perché, diciamolo pure, non è che la trama manchi di crateri di sceneggiatura, ma resta comunque uno shonen godibilissimo in mezzo al mucchio.

  • Anzitutto i personaggi: non vi aspettate un capolavoro di caratterizzazione, ma sono davvero dei bei peersonaggi, piacevoli e divertenti. Si finisce per affezionarsi un po' a tutti, soprattutto all'accoppiata Gojo/Nanami e sarà difficile trovare un personaggio "fastidioso" all'interno della cerchia del protagonista, che tra l'altro è un ottimo protagonista.
  • Il secondo punto di forza è sicuramente il ritmo: Jujutsu Kaisen è veloce, succede qualcosa in quasi ogni episodio, c'è poco spazio per annoiarsi e i vari flashback, discorsi e sessioni di allenamento sono interessanti. L'innumerevole numero di citazioni tiene ben incollati all'opera per paura di perdersi qualcosa e Yuji non è il solito protagonista tutto "Ganbatte minna" che si è soliti ritrovare in uno shonen classico.

Insomma per riassumere protagonista e personaggi fastidiosi in una frase sola: Yuji e Megumi non sono Naruto e Sasuke e grazie al cielo Nobara non è Sakura, anche se il paragone con la più famosa squadra 7 il cervello lo fa in automatico.

Se non capite la citazione vi baseranno una decina di capitoli di Naruto, fidatevi.

  • Il terzo punto di forza è la poca paura dell'autore di mostrare qualcosa di forte. Gege Akutami in certe sessioni di scrittura ha un taglio molto Coreano nella gestione dei poteri e non sembra temere il fatto di aver creato dei personaggi fortissimi fin dall'inizio.

Le abilità di Gojo, ad esempio, sono qualcosa di soverchiante in, sostanzialmente, tutto l'arco della prima stagione dell'anime e Gege non nasconde la cosa.

Insomma a conti fatti consiglio assolutamente a tutti di darci un'occhiata e vi ricordo che lo trovate facilmente, legalmente e gratuitamente sottotitolato in italiano su Crunchyroll!

Jujutsu Kaisen characters e poteri

Vediamoli un po' allora questi personaggi, almeno i 3 protagonisti e quelli coi poteri sicuramente più interessanti.

  • Yuji Itadori

Il protagonista della serie, oltre ad avere rinchiuso dentro la sua anima il più potente demone di sempre con il quale riesce cautamente a scambiarsi senza perdere completamente il controllo, dopo una lunga sessione di allenamento con Gojo impara "Il pugno divergente".

Il pugno divergente funziona come una sorta di stantuffo per l'energia demoniaca: colpisce il bersaglio con un normale pugno e, dopo un piccolo ritardo di tempo, scarica l'energia sul bersaglio colpito.

Ricorda un po' l'Alt Eisen di Super Robot Wars Original Generation vero? Sì, mi rendo conto che questo collegamento è per pochissimi!

  • Megumi Fushigiro

Megumi è un evocatore di Shinigami dalla propria ombra. 
Questi Shinigami hanno forma di animali.
Tutte le evocazioni rientrano nella base del suo potere: Tokusa no Kage Bojutsu, la tecnica delle 10 ombre

  1. Gyokuken: Inizialmente 2 lupi, poi quando uno viene distrutto, l'abilità diventerà Gyoukuken - Kon, con un solo lupo, ma molto più potente.
  2. Nue: Uno Shinigami che ricorda vagamento un gufo e che è in grado di usare la magia del fulmine.
  3. Orochi: un serpente gigante, ma viene distrutto da Sukuna.
  4. Gama: Una rana la cui lingua è in grado di intrappolare i bersaglio.
  5. Seiteishirazu: La rana guadagna l'abilità del volo grazie all'evocazione combinata con Nue.
  6. Bansho: Un elefante in grado di sputare acqua dalla proboscide. Consumando un enorme quantitativo di energia non può evocare nient'altro finchè l'elefante è in campo.
  7. Datto: un semplice gruppo numerorissimo di conigli che usa per distrarre i nemici durante un'eventuale ritirata.
  8. Yatsuka no Tsurugi Ikaishinsho Makora: la sua evocazione più potente che nessuno per ora è stato in grado di esorcizzare. Non essendo ancora apparsa nell'anime, ma solo nel manga, vi lascio la sorpresa!
  • Nobara Kugisaki

La sua tecnica innata prende il nome di Surei Juho e consiste in qualcosa di molto simile al Vudù al quale chiaramente l'intero personaggio è ispirato.

Può controllare una bambola di paglia e sparare chiodi al nemico grazie al suo martello. Una volta che i chiodi si conficcano nel bersaglio la sua energia si propaga attraverso essi esorcizzando le maledizioni.
Ovviamente, collegando la bambola di paglia alla maledizione, le può far provare tutto quello che prova la bambola, come in un "normale" rito Vudù.

  • Satoru Gojo

Satoru Gojo è considerato a mani basse lo stregone più forte del mondo.

Il suo potere è sostanzialmente invincibile e tutte le sue tecniche, sia attive che passive rientrano nel reame del controllo dell'infinito.
Il suo corpo è come se fosse circondato da una membrana di spazio infinito e i colpi di un qualsiasi tipo semplicemente non possono arrivare a toccarlo, funzionando un po' come nel paradosso di Achille e la tartaruga.

Aggiungiamo a questo 2 abilità fondamentali: il Rikugan con cui sostanzialmente non consuma forza malefica usando le sue tecniche e il Muryokusho, l'espansione del suo dominio, che crea un vuoto attorno ai nemici facendoli provare all'infinito svariati stimoli.

Se siete lettori di Bleach, è sostanzialmente quello che Mayuri causa a Szayelaporro a fine battaglia!

  • Kento Nanami

Kento penso sia un personaggio impossibile da non amare.

Il suo potere va pari passo con la sua puntualità da impeccabile impiegato e consiste nell'essere abbastanza normale in orario di lavoro d'ufficio. Quando scoccano gli straordinari il suo ammontare di energia straripa potenziandolo all'inverosimile.

Il suo vero potere innato è però denominato Tookaku Juho e consiste nel dividere il bersaglio con 10 linee e visualizzarne i punti deboli. Nel caso il bersaglio, apparentemente, non abbia punti deboli, ne forza la creazione nel punto del rapporto 7 a 3.

Può liberamente scegliere anche singole parti del corpo da dividere in 10 e la tecnica si può applicare anche agli oggetti.

  • Toge Inumaki

Chiudiamo con Toge, uno degli studenti dal potere più carino.

È un po' un'altra dimostrazione di come il mangaka abbia "pescato" da parecchi shonen famosi per la creazione dei suoi poteri.

Toge infatti è un po' un mix di tutta la squadra di Laxus in Fairy Tail: Jugon gli permette di infondere le parole della sua energia maledetta obbligando i bersagli a obbedirli.

Ovviamente più il nemico è resistente, maggiore energia gli servirà per farsi obbedire.
Essendo un potere parecchio pericoloso e ricevendo lo stesso Toge un grosso contraccolpo lo tiene "sigillato" comunicando, quando non combatte, unicamente usando parole a caso, nello specifico gli ingredienti delle palle di riso.

In sostanza, non aspettatevi che Jujutsu Kaisen sia lo shonen profondissimo e definitivo, ma devo ammettere che (togliendo i webtoon coreani che hanno comunque prodotti superiori) si distingue abbastanza bene dai nuovi titoli del genere in commercio.

Speriamo regga bene fino alla fine che comunque, secondo il mangaka, non è poi così lontana.

Il manga di Jujutsu Kaisen attualmente è comunque in pausa per le condizioni di salute di Gege Akutami.