La passione di Messina Denaro per i videogiochi, ecco il suo preferito

Donne, denaro e videogiochi: tra le passioni di Matteo Messina Denaro spunta quella per l'intrattenimento videoludico. Qual è il suo gioco preferito?

messina denaro videogiochi

L'arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro, dopo 30 anni di latitanza, ha fatto il giro del mondo. Un malavitoso che, durante la sua vita, si è macchiato di orrendi crimini e di svariati omicidi.

Se fino a qualche giorno fa si sapeva ben poco di questo personaggio, in questi giorni non si fa altro che parlare di ogni singolo dettaglio della sua vita privata.

Si parla di una grande passione per le donne, abiti di lusso e orologi costosi. Nulla di che sorprendersi, se non fosse che tra i suoi più grandi hobby figurassero anche i videogiochi.

Messina Denaro: qual è il suo videogioco preferito?

Dalle lettere che il malavitoso inviava e riceveva da una delle sue donne, ovvero Maria Mesi, è apparsa evidente una passione alquanto insolita vista la posizione del boss.

Dagli scritti risalta una passione non da poco per i videogames. Un qualcosa di scontato visto che Denaro, noto anche come U Siccu o Diabolik, è un classe 1962. Dunque può considerarsi come un videogiocatore della "prima generazione".

Di fatto, tra un pizzino e l'altro, alcuni dei quali in cui il boss ordinava l'omicidio di persone scomode, traspare una certa attenzione per le produzioni videoludiche.

In una lettera riportata dal sito Ansa, la suddetta Maria Mesi dimostrava la sua intenzione di fare un regalo al boss, facendo un chiaro riferimento al celebre Donkey Kong 3:

"Ti prego non dirmi di no, desidero tanto farti un regalo. Sai ho letto sulla rivista dei videogiochi che è uscita la cassetta di Donkey Kong 3 e non vedo l’ora che sia in commercio per comprartela. Quella di Secret of Mana 2 ancora non è arrivata. Sei la cosa più bella che ci sia".

Nomi che, per gli appassionati di retrogaming, suonano alquanto familiari. Si tratta infatti di un titolo iconico legato a Nintendo.

Lo scritto in questione, datato proprio 1995, dimostra come in quel preciso periodo il boss fosse un appassionato delle produzioni del celebre marchio nipponico e come non potesse fare a meno di tali videogiochi nel suo periodo di latitanza.

Un particolare che dimostra come anche un criminale incallito possa avere passioni simili a quelle della gente comune. La speranza, ovviamente, è che TV e mass media vari non sfruttino questo particolare per demonizzare i videogiochi, come già avvenuto più volte in passato.

L'arresto del boss ha inoltre scatenato l'ironia sui social network, visti i tanti meme proposti dagli utenti italiani e non solo.

Donkey Kong 3 e Secret of Mana 2, i giochi preferiti di Matteo Messina Denaro

Donkey Kong ha un primato non da poco: si tratta del primo titolo videoludico in cui è apparso il celeberrimo Super Mario.

Nello specifico Donkey Kong 3 è un titolo proposto sul mercato nel 1984 e che, nel corso degli anni, ha visto diverse conversioni sulle più svariate piattaforme dell'epoca.

Per capire l'enorme successo di questo franchise, l'ultimo videogioco che ha presentato il simpatico primate è datato 2015, ovvero Mario vs. Donkey Kong: Tipping Stars.

Secret of Mana 2 (noto come Seiken Densetsu 3 in Giapone), d'altro canto, è il secondo capito di uno dei JRPG più famosi dell'intera storia videoludica. In questo caso parliamo di una produzione più recente, essendo proposta al pubblico nel 1995.