L’innovazione della tecnologia passa anche dal cloud gaming. Proveremo a capire come funziona e di cosa si tratta. Ecco come sta evolvendo il mondo dei videogiochi.

L’universo dei videogiochi brulica allorché si parli di Cloud Gaming. Da poco la tanto attesa uscita di diversi e grandi comunicati concernenti le nuove tipologie di gioco impostate su cloud.

L’ambito della tecnologia relativa agli audiovisivi sta procedendo in maniera piuttosto celere, uno sviluppo che ha caratterizzato proprio gli ultimi anni. Un cambiamento che abbraccia sia gli incalliti dei videogiochi, quanto gli appassionati di audiovisivi come film, serie tv, musica, fino a giungere al settore editoriale.

Ghela, in un video caricato sul suo canale YouTube, ci rivela la sua esperienza di Cloud Gaming:

I videogiochi all'appuntamento cloud gaming

L’impresa dei videogiochi è quanto mai in fermentazione in riferimento al fenomeno Cloud Gaming. Come accennato, sono insomma venuti alla luce diversi grandi proclami attinenti alle nuove offerte di gioco incentrate su cloud.

Sebbene siano tante le persone che, sia nelle case di produzione dei videogiochi che tra i potenziali fruitori, contano a oggi quesiti su cosa sia realmente il Cloud Gaming. 

Anche l’espressione “Cloud Streaming” non fa altro che fomentare l’ammasso di pensieri a riguardo, dato che si differenzia da Cloud Gaming.

Nuove vocazioni tecnologiche, il futuro dei videogiochi

Occorre senz’altro maggiore chiarezza su cosa rappresentino in concreto queste nuove vocazioni tecnologiche, come luce andrebbe fatta sul futuro dei videogiochi e su quali potrebbero essere le società in grado di ottenere il massimo rendimento da questa congiuntura storica dal sapore rinascimentale per il mondo della tecnologia digitale.

Il cloud è decisamente funzionale come dispositivo tecnologico per chi abbia la voglia di trasferirsi e viaggiare ed per chiunque sia in regolare movimento. Non si avrà bisogno di altro se non del proprio apparecchio, ed è così che si potrà connettere e avere accesso in modo rapido al videogioco in qualsivoglia circostanza e spazio ove ci si venga a trovare.

Si tratta di una alternativa perfetta per chiunque sia in viaggio o si trovi in vacanza o ancora in qualsiasi luogo per ragioni lavorative.  

Il cloud gaming oggi, facciamo il punto

Stando al parere di alcuni, il Cloud Gaming vorrebbe garantire una rivoluzione dell’esperienza di gioco e celebrare l’inizio di una nuova epoca di intrattenimento videoludico. 

Riferendoci ad altre opinioni, si tratterebbe di una espressione in voga, un termine usa e getta che presto o tardi andrà svanendo e non si mostrerà più come una tendenza o un must da seguire o frequente su Twitter e su Youtube. 

Come in ogni circostanza si necessita di raziocinio, occorre forgiare una congrua via di mezzo, tra i proclami di una ennesima ribalta della tecnologia e alcuni toni eccessivamente poco pretenziosi che vorrebbero convertire in fumo qualunque nuova tendenza concretamente significativa. 

L'impatto del cloud gaming e l'industria dei videogiochi

A prescindere da tutto questo, è importante per ciascuno di noi, particolarmente nell’industria dei videogiochi e dintorni, il perché di un così forte impatto oggi. 

Occorrerà dare qualche indicazione sui vantaggi e i vari contesti dei giochi sul cloud, come sarà necessario dire cosa potrebbe veramente evidenziare il cloud gaming per i fruitori e gli appassionati di videogiochi.

In quest’ottica sarà essenziale far riferimento alle software house, prestare attenzione alle affermazioni dei leader nel settore e di chi realmente possa dire la sua in merito, piuttosto che fare affidamento su rumors sugli Youtuber e blogger che sono alla ricerca di una maniera per economizzare al massimo, nel bel mezzo di una congiuntura storica che vede un exploit inaudito del settore dei videogiochi, un fenomeno che tende a crescere e che dura già da diverso tempo. 

Definiamo un elemento essenziale: quando ci si riferisce alla tecnologia cloud, il versante dei giochi è considerevole, ma c’è in principio l’intero discorso che potrebbe derivare da questo stesso fenomeno.

Cosa differenzia il videogioco per console classico e servizio cloud

Chissà se da qualche parte vi sia ancora qualcuno che stia acquistando un videogioco dalle fattezze fisiche. Del resto ai nostri giorni la pratica della spesa in digitale aumenta notevolmente, e questo grazie all’opportunità di disporre di un gioco in download seduta stante, restando confortevolmente nella propria casa e compiacendosi di questa esperienza simulata e ricreativa

Dobbiamo sottolineare come fino a non molto tempo fa l’andare a scaricare un gioco esigesse lunghe tempistiche e anche tanta accortezza.

Oggi invece per merito del travolgente tesso tecnologico del cloud è possibile assicurarsi una esperienza ludica quanto mai appagante ed essenzialmente in diretta. Il cloud sotto l’aspetto tecnico opera per mezzo di una serie di server connessi diffusi per l’intero pianeta. Si tratta di computer, non così differenti da qualsivoglia uno possa immaginare. 

La diversità consiste nel fatto che il Cloud è una somma incredibilmente cospicua di computer, intrinsecamente messi in relazione tramite connessioni parecchio dinamiche e piuttosto lontane tra loro. È una quantità così abbondante di computer che la si potrebbe pensare come un potere di calcolo quasi illimitato e una estensione di archiviazione pressoché inesauribile. E se un dispositivo sul Cloud si dovesse rompere, nessun timore, un altro potrebbe saltare per condurre il carico.

Le aziende tecnologiche hanno già scommesso e non poco sul servizio cloud

Per di più, non esiste un singolo Cloud, ve ne sono diversi di Cloud, di proprietà di differenti imprese, si tratta di assoluti protagonisti del mercato, si pensi a Amazon, Apple, Sony, Microsoft e Google. 

Ciascuno di questi Cloud è del tutto separato dagli altri e soprattutto in competizione e in tanti stanno già rendendo noto il loro proposito di promuovere servizi Cloud ad hoc proprio per i giochi. Se diverranno o meno mainstream è attualmente da verificare.

Con nomi di questa portata a sostenere il trend odierno, è semplice ipotizzare che sia concreto. Ci si trova all’apice della rivoluzione del Cloud Gaming. Assodato ciò, diversi anni or sono vi erano diversi eccellenti brand a sostegno della realtà virtuale, ma la realtà virtuale non aveva allora sfiorato l’importanza primaria. 

Vi è un insegnamento in questo, ma è probabile che la parola data dal Cloud Gaming sia sufficientemente elevata e le sfide alquanto equilibrate. È così che Cloud Gaming si pone come il nostro necessario futuro che lo si voglia o meno. 

I primi a comprendere quanto il futuro si sarebbe posto in cloud sono state le aziende di software operative nel settore del gambling online. Si è senz’altro notato come nel corso di tempi recenti i giochi come la roulette abbiano conseguito ottimi successi tra i consumatori attivi. Medesimo il discorso attuale per il cloud gaming.

Cloud gaming e Cloud streaming

Cloud Gaming fa riferimento a qualsivoglia gioco in effettuazione sui computer sul Cloud; Il Cloud Streaming, ciò nondimeno, si presenta come una tecnologia distinta per giocare a un Cloud Game. Sarebbe in altri termini la metodologia adoperata da Cloud Game per provvedere ai contenuti da disporre all’utente in gioco. E allora varrebbe la pena chiedersi come funziona.

Attualmente, un produttore di videogiochi realizza un gioco e lo rivende al compratore finale, che dovrà anche comperare un dispositivo tecnologico per poterne beneficiare, come un PC o una console. Si trasferisce il gioco sul proprio dispositivo così da poterci giocare all’istante.

Cloud Gaming: un servizio per i videogiochi

Per comprendere il servizio di Cloud Gaming, talvolta definito come gaming on demand o gaming-as-a-service, potremmo paragonarlo a quanto si nota ogni giorno su Netflix, Amazon Prime Video o Disney+. Progettato ad hoc per i videogiochi. 

Naturalmente, allora, va detto come le diverse piattaforme giocare in streaming si poggino interamente sull’online, così da mandare in esecuzione i videogiochi su server remoti e consentire la loro trasmissione in presa diretta sull’apparecchio di un fruitore o per divertirsi anche a distanza da un cloud.

Le operazioni sono simili a quelle che si attivano su desktop remoti e su servizi video on demand. I giochi in elenco sono inseriti in memoria e svolti in remoto su hardware apposito di un provider, per poi essere eseguiti alla stregua di un video sull’impianto di un gamer attraverso client. 

Il client amministra gli input del fruitore, i quali sono in seguito trasmessi sul medesimo server e attuati nel gioco come autentiche operazioni in game.

Vantaggi dei servizi per i videogiochi

Vengono da sé i vantaggi di tali servizi. Innanzitutto, il gaming è reso senz’altro di maggiore praticabilità: non sarà necessario il download e l’installazione locale del gioco in questione, si avranno a disposizione tantissimi apparecchi accordabili. 

E allora tutto quello che occorre è una discreta connessione ad internet.

Ogni cosa si concretizza nell’immediato, con la sola apertura dell’opportuna applicazione sul relativo smartphone, tablet, TV o PC e dando avvio al videogioco anelato. 

E ancora, sono molteplici i servizi in grado di concedere differenti funzionalità supplementari. Si pensi alla possibilità che a un fruitore si possa unire nel corso della sessione un giocatore con la facoltà di prendere provvisoriamente la gestione del gioco, ovviamente, se consentito dal giocatore principale.

I servizi da scegliere per le piattaforme Cloud Gaming

Sebbene il Cloud Gaming si presenti come un universo abbastanza giovane, sono presenti già alcuni colossi della tecnologia ad aver scommesso, e successivamente finanziato in ottica di questo progetto. 

La competizione in questo nuovo ambito è pertanto alquanto viva, a battagliarsi società popolari del settore dei videogiochi e giganti del livello di Google e Amazon

Non tutte le funzionalità sono simili: ciascuna si caratterizza per il proprio standard economico e per una data catena di titoli giocabili.