CPI

CPI è una sigla. CPI è una sigla indicante in ambito macroeconomico il Consumer Price Index, ovverosia l’indice dei prezzi al consumo. In Italia a calcolare il CPI è l'Istat, Istituto Nazionale di Statistica; mentre del calcolo dell'inflazione in tutta l'area euro ad occuparsene è l'Eurostat. L'aumento o la diminuzione dell'indice dei prezzi al consumo è in grado di influire sul ciclo macroeconomico per effetto di possibili aumenti o diminuzioni della domanda di beni e di servizi; influisce anche a livello finanziario includendo i mercati azionari. Questo perché, ad esempio, un'inflazione troppo alta può indurre una banca centrale ad innalzare il costo del denaro; trattasi di norma di una mossa poco gradita ai mercati azionari in quanto con l'aumento dei tassi di interesse si sottraggono risorse per gli investimenti in strumenti finanziari ed anche per lo sviluppo economico. Con un CPI elevato, tra l’altro, generalmente tendono ad aumentare anche i rendimenti offerti dalle obbligazioni societarie e dai titoli di Stato.