La persistente difficoltà dell’industria dei semiconduttori, a corto di approvvigionamenti, ha colpito anche le big company.

Apple è una di queste, insieme a Broadcom e Texas Instruments. Dopo l’estate, il gruppo di Cupertino era già stato costretto a ridurre la produzione dell'iPhone 13 di 10 milioni di unità. Ora Bloomberg ha riferito che Apple ha comunicato ai suoi fornitori che la domanda per l'iPhone 13 si sta indebolendo a causa delle difficoltà che i consumatori trovano nel reperire il prodotto e pertanto in molti hanno smesso di cercarlo.

La notizia mette sotto pressione anche STM dato che Apple è uno dei suoi clienti principali.

Andamento del sottostante

Il grafico di STM evidenzia una interruzione dell’uptrend in atto da ottobre con i prezzi che restano per il momento inseriti in un canale ribassista, un flag, che di norma interrompe senza invertirlo il trend precedente. Solo la violazione della media esponenziale a 50 sedute, passante da 41,40 circa, potrebbe compromettere questo quadro, ampliando la correzione verso almeno 38,84, per la chiusura del gap del 28 ottobre. Possibile ritorno alla crescita solo oltre 45,12 euro, per obiettivi al rialzo verso area 50.

Strategie operative su STM

Lo scenario individuato porta a valutare una strategia di matrice leggermente ribassista su STM con obiettivo principale a 39 euro mentre un target più ambizioso sarebbe localizzato a 36 euro circa. Tra la platea di certificati a disposizione su questo sottostante è possibile aprire una posizione ribassista sul Turbo Open End (Isin DE000HR9KFP8), ultimo prezzo scambiato a 5,69 euro. La struttura ha uno stop loss intrinseco a 47,400286 euro, al cui raggiungimento il certificato assumerebbe un valore pari a zero. La leva è di 7,55.

Indicatore di Rischio

L'indicatore di rischio assume che l'investitore mantenga il prodotto sino a scadenza. Il rischio effettivo può variare in modo significativo in caso di vendita del prodotto in un momento antecedente e l'investitore potrebbe ottenere un rendimento minore. L'indicatore sintetico di rischio è una guida per il livello di rischio di questo strumento finanziario rispetto ad altri prodotti. Tale indicatore illustra le probabilità di perdita del capitale per l'investitore a causa dell'andamento dei mercati o se l'Emittente, per effetto di un deterioramento della sua solvibilità ovvero versi in uno stato di dissesto, non sia in grado di corrispondere gli importi dovuti in relazione allo strumento finanziario. Il rischio di perdite potenziali sulla stima dei risultati futuri è classificato come molto alto (livello 7).

Da sapere prima di investire

Rischio di credito sull’Emittente. I certificati espongono l’investitore al rischio di credito sull’Emittente, compreso il rischio connesso all’utilizzo del “Bail-In” e degli altri strumenti di risoluzione previsti dalla Direttiva Europea in tema di risanamento e risoluzione degli enti creditizi.

Capitale iniziale non garantito. In caso di variazione negativa del sottostante superiore al livello della Barriera o nel caso di insolvenza dell’emittente, non è prevista la restituzione del capitale inizialmente investito.

Importo a scadenza. L’investitore è esposto al rischio di perdita (anche totale) del capitale investito nel caso in cui alla scadenza il Prezzo di Riferimento dell’azione sottostante risultasse inferiore a quello corrispondente alla Barriera.

Dividendi. Ai possessori dei certificati non sono riconosciuti gli eventuali dividendi distribuiti dall'azione sottostante e non hanno alcun diritto ulteriore derivante dal possesso dell’azione stessa (per esempio i diritti di voto).

Fiscalità. I redditi derivanti da certificati di investimento sono soggetti ad una tassazione pari al 26%. Questo valore viene calcolato sia sui profitti derivanti da vendita (o rimborso) del certificato ad un prezzo superiore rispetto a quello di acquisto sia sull’importo delle cedole eventualmente staccate dal prodotto finanziario durante la sua vita. E’ consentito compensare i redditi derivanti dai certificati con le minusvalenze rivenienti anche da altri titoli. 

Avvertenze

 Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell'arte delle conoscenze e delle tecnologie; la loro accuratezza e la loro affidabilità non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di Financial Trend Analysis S.r.l. ne' di alcuno.

 Tutte le informazioni pubblicate NON costituiscono in alcun modo un servizio di consulenza finanziaria, né offerta al pubblico: le informazioni pubblicate sono di natura standardizzata e generale e NON costituiscono pertanto una precisa raccomandazione ad investire, ad acquistare o vendere alcuno degli strumenti finanziari analizzati. L'utente dichiara di comprendere che Financial Trend Analysis S.r.l. non è in grado di proporre alcun tipo di consulenza personalizzata e/o individuale.

 Financial Trend Analysis S.r.l. non garantisce alcun risultato legato alle informazioni, alle pubblicazioni effettuate e presenti nelle notizie, ovvero non assume alcuna responsabilità in ordine all’esito delle eventuali operazioni finanziarie eseguite da parte del cliente.