Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, trader-Directa SIM, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib sta ritracciando nuovamente dopo aver provato ad avvicinare i massimi dell'anno. Quali le sue previsioni per le prossime sedute?

Diciamo subito che quella in corso è una settimana anomala, perchè praticamente Wall Street è come se avesse già finito, visto che oggi sarà chiusa per la festa del Ringraziamento e domani osserverà un'orario ridotto nel giorno del Black Friday.

Questo significa che gli americani hanno già fatto i loro giochi per questa settimana, mentre le Borse europee oggi sono in calo dopo che Trump ha firmato quella legge che pone gli americani nelle condizioni di tutelare la democrazia di Hong Kong.

Ciò è visto come un problema nelle relazioni che dovrebbero portare a degli accordi commerciali tra Stati Uniti e Cina.
Quanto al Ftse Mib, penso che il target di area 24.000/24.500 rimanga invariato e quindi sia ancora valido.

Al contempo credo che ci sia una logica di questo tipo: il mercato quest'anno ha guadagnato più o meno il 30% e ciò significa che un gestore ha già abbondante fieno in cascina sull'azionario.

Non c'è quindi nessuno stimolo perchè il mercato debba crescere ancora adesso, perchè se salisse ancora porterebbe a realizzare ancora più rendimenti in un anno in cui non c'è bisogno di ulteriori guadagni.

Nuovi rialzi metterebbero l'asticella ancora più in alto, facendo aumentare le aspettative dei clienti e ponendo lo zero del prossimo anno su livelli più elevati.