Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Fabrizio Brasili, analista finanziario, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.
Chi volesse contattare Fabrizio Brasili può scrivere all'indirizzo email: f.bsuperguru@yahoo.it.

I mercati azionari nelle ultime giornate hanno registrato una fase di negatività che ha allontanato vari indici dagli ultimi massimi. Come valuta l’attuale scenario e quali le attese per le prossime sedute?

Partiamo da quello che sta accadendo al decennale Usa. C'è da almeno 6 mesi una fuga dall'equity per spostarsi sui titoli di stato Usa.
Prendendo in esame appunto il decennale, notiamo che invece di ritornare verso  rendimenti ancora vicini al 2,60%, sta piuttosto flirtando sul 2%/2,10%, per un doppio effetto, ossia fly to quality ed uscita dall'equity, peraltro senza incidere sulle quotazioni, tranne che per qualche improvvisa "sciacquata", subito assorbita la seduta successiva, come accaduto in particolare sul più volatile Nasdaq.

Il suggerimento dato anche ai nostri abbonati nel passato, è stato quello di uscire dal decennale Usa, approfittando anche del dollaro molto forte, all'epoca in area 1,05/06.
Ora aspettiamoci però una correzione dei rendimenti in area 2,2%/2,25%, per il doppio effetto dei tassi, che non dovrebbero più salire così in fretta, e per l'ipercomprato, che sta provocando un inizio preoccupante di bolla.

Per gli altri mercati europei e mi riferisco in particolare al Cac40 e al Dax30, notiamo solo un pò più di stabilità, non essendo come Piazza Affari, bancocentrici. In caso di scoppio bolla, potrebbero risentirne molto meno, come al solito.