Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Fabrizio Brasili, analista finanziario, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari. Chi volesse contattare Fabrizio Brasili può scrivere all'indirizzo email: f.bsuperguru@yahoo.it.

Wall Street sta indietreggiando dagli ultimi record, complici anche i timori di una Fed più aggressiva sui tassi di interesse. Cosa si aspetta nel breve per i mercati azionari?

In effetti il cambio di sentiment e di direzionalità dei mercati Usa ê avvenuto da quando sono stati diffusi venerdì scorso i dati degli aumenti dei salari. Il rialzo di questi ultimi è l'ultimo tassello per rimuovere le residue preoccupazioni della FED su un approccio più o meno deciso relativamente all'incremento dei tassi di interesse a cavallo fra il 2018 e il 2019.

Di sicuro vi sarà un aumento e a settembre e un altro a dicembre prossimo, come avevamo comunicato ai nostri abbonati da tempo, e poi probabilmente altri due entro il primo semestre 2019. Quanto al dopo, meglio essere molto cauti.

Dopo i dati sul lavoro Usa di agosto è stato subito venduto a piene mani il decennale Treasury, con un rendimento attorno al 2,92‰, ma sopratutto il titolo con scadenza a due anni, ora molto più interessante e conveniente.

E' chiaro che in costanza, non tanto del rialzo di dicembre, anch'esso ora già scontato dai mercati, quanto dell' ufficialità dei due incremento previsti nella prima metà del 2019, potremo intervenire meglio in acquisto sui Bond governativi Usa.